Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– In questi giorni sono passati 120 anni da quando il primo segnale radio al mondo ha attraversato l’Oceano Atlantico

Il 12 dicembre 1901 il fisico e ingegnere italiano Guglielmo Marconi riuscì a trasmettere i primi segnali radio attraverso il mare. Il primo segnale era S. Così, furono poste le basi per tutte le comunicazioni radio. Pochi anni dopo, in un giorno d’estate del 1920, ebbe luogo in Norvegia quella che è considerata la prima trasmissione. Pensa a cosa significa la lettera S minuscola per noi e per il mondo. È tempo di parlare di cosa significa veramente la radio per le persone.

La radio ha raggiunto il suo apice negli anni ’30 e ’40. Durante la seconda guerra mondiale, un’intera nazione si è radunata attorno alla macchina per ricevere importanti notizie. Come è noto, la Germania invase la Norvegia il 9 aprile 1940 e nel maggio dello stesso anno furono confiscate le radio degli ebrei. L’importanza della radio per le notizie e l’informazione era enorme.

Nel corso degli anni, la radio è diventata più di semplici notizie e informazioni. La radio è un mezzo di massa che crea ricordi, comunità ed esperienze piacevoli e vicine. È un modo unico per costruire sentimenti, come la gioia e la nostalgia. Pensa a cosa succede quando ascolti la canzone che hai ballato la sera in cui hai incontrato la tua ragazza. O quando senti la canzone estiva che quell’anno è andata a pezzi e se n’è andata, io ero Ross.

Ho molti bei ricordi radiofonici. Probabilmente avrai anche quello. E all’improvviso è arrivata la canzone della mia giovinezza, che ho cantato fedelmente con il mio simpatico gruppo di ragazze, mentre stavamo lavorando nella stalla e la radio suonava in sottofondo. O quando ero bambino, mio ​​padre si svegliava con la radio accesa in cucina. Mentre l’aroma del caffè si diffondeva per tutta la casa, ho sentito papà ridere alle battute e far esplodere la musica. La radio crea l’atmosfera. Uno dei miei ricordi radiofonici più belli è di una delle nostre vacanze automobilistiche. Io e mio fratello ci sedevamo sul sedile posteriore e litigavamo come fanno i bambini. Improvvisamente, papà alzò forte la radio e il “conto alla rovescia finale” con l’Europa era in pieno svolgimento. Tutta la famiglia canta a squarciagola, mentre io e mio fratello suoniamo la chitarra aerea con grande simpatia.

READ  Peg Parnevik e Filip Lamprecht: - Mostrano una nuova fiamma dopo la pausa:

La radio ha lo stesso effetto su di noi oggi. Ogni giorno, abili esperti radiofonici siedono in giro per la Norvegia, pronti a creare una buona atmosfera e intrattenimento per il popolo norvegese. Gli ascoltatori possono scegliere diverse piattaforme come DAB, FM o digitale. Possono scegliere se vogliono ascoltare i canali di NRK o i canali commerciali, nazionali o locali, un mix di tutto o magari trovare i loro preferiti. Ridiamo e cantiamo o ascoltiamo le notizie e il tempo. 120 anni dopo, la radio offre ancora esperienze straordinarie e uniche.

Ci sono molti presentatori esperti che sono felici di trasmettere durante il giorno. Dietro di loro c’è un’impressionante schiera di produttori, editori, project manager, consulenti, direttori musicali, tecnici radiofonici, personale amministrativo e molti altri. Tutti sono pronti a consegnare sul proprio territorio per mantenere la radio in onda.

Nel 2006, abbiamo avuto 5.000 diverse stazioni radio locali in tutta la Norvegia. Oggi è molto meno. Ho parlato qualche giorno fa con un bravo ragazzo in un’agenzia di media. “Abbiamo bisogno della radio locale perché abbiamo bisogno della diversità”, ha detto.

Non posso essere più d’accordo.

Lavoro per la più grande radio locale in Norvegia, ma sono ancora interessato a crescere coloro che lavorano nelle radio locali più piccole in tutta la Norvegia. Abbiamo bisogno di tutti loro. Abbiamo bisogno della diversità perché gli ascoltatori la meritano. Abbiamo bisogno di studenti impegnati per gestire Student Radio. Questo è il modo in cui tiriamo fuori le brave persone della radio. Raramente inizi dall’alto.

Il mio saggio nonno danese mi diceva spesso: “Ricordati che se sali in cima, lascia la scala in modo che gli altri possano seguirti”.

READ  Harry e William insieme non andranno dietro la bara - VG

Dopo alcuni anni con molte discussioni su radio e piattaforme, spero che possiamo invece concentrarci su cosa sia effettivamente la radio. è essere e Si intende Per le persone, quali sono i punti di forza della radio come mezzo indipendentemente dalla piattaforma o dal canale. è ora.

Qualche settimana fa ero seduto in macchina con mio figlio di cinque anni. Abbiamo chiacchierato e all’improvviso alla radio è apparsa la canzone “The Last Countdown”. Mio figlio esulta: alza la voce di mia madre! Questa è la canzone per me e mio nonno.

Poi ci siamo seduti lì e abbiamo cantato e suonato l’air guitar insieme.