Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

UiT sarà buono come Harvard

discussione Pause, consigli, spazio

Il nuovo schema di pubblicazione artico di UiT Norvegia garantirà il pieno accesso aperto a tutti gli articoli di riviste, indipendentemente dal canale di pubblicazione.

Questo testo è un post di discussione. Il contenuto del testo esprime l’opinione dell’autore.

accesso libero La letteratura di ricerca sottoposta a revisione paritaria è qualcosa che la maggior parte dei ricercatori desidera. Allo stesso tempo, non è allettante dover rinunciare alle migliori riviste internazionali, anche se di solito funzionano con i paywall. Qui, l’accesso verde aperto, l’auto-archiviazione degli articoli di ricerca negli archivi della conoscenza, viene come supporto.

Il governo ha fissato degli obiettivi Che tutti gli articoli sottoposti a revisione paritaria scritti da ricercatori norvegesi dovrebbero essere disponibili al pubblico entro il 2024. La sfida è che ci vuole tempo per ottenere il supporto globale per la pratica dell’autoarchiviazione. Un’altra ragione è che gli editori spesso impongono restrizioni sotto forma di scadenze lunghe o addirittura divieti completi di renderle disponibili negli archivi della conoscenza, il che rende i ricercatori non sicuri.

tali limitazioni violare Requisiti del piano S., inoltre non è compatibile con total Obiettivo UNESCO Informazioni sull’accesso gratuito e aperto all’interfaccia di ricerca per tutte le persone.

Diritto delle università e dei collegi universitari Fornisce ricercatori Il diritto di scegliere da soli Quando e come verrà pubblicata la loro ricerca. L’imprenditore è responsabile di facilitare questo. UiT consentirà ora di rendere tutto disponibile apertamente, indipendentemente da dove viene pubblicato. Questo è assicurato dalla nuova fondazione politica di accesso apertoin vigore all’inizio dell’anno.

I ricercatori UiT lo faranno Continuare a incoraggiare l’uso di riviste di qualità sottoposte a revisione paritaria con accesso aperto immediato laddove esistono tali alternative. Ma è anche accettabile utilizzare un diario chiuso e push-wall, a condizione che il ricercatore carichi anche una copia dello script sottoposto a revisione paritaria su Cristin. Sarà poi reso pubblicamente disponibile senza scadenza nell’Archivio della Conoscenza (Green Open Access), a meno che il ricercatore stesso non desideri effettuare una prenotazione.

Dal 1° gennaio 2022, sarà obbligatorio per i ricercatori UiT caricare gli script peer-reviewed di Cristin.

Brekke, Raade e Aspaas della Norwegian Arctic University UiT

Già oggi Gravidanza Più del novanta percento dei ricercatori dell’UiT Copie dei testi integrali dei loro articoli su Cristin, in modo che possano essere resi disponibili, se possibile, nell’Archivio della Conoscenza. I funzionari controllano ciò che l’editore consente e fissano scadenze che possono variare da pochi mesi a tre anni.

In vigore dal 1 gennaio 2022 Sarà obbligatorio per i ricercatori UiT caricare gli script peer-reviewed di Cristin. In linea con la nuova politica, i funzionari dell’archivio della conoscenza garantiranno che sia disponibile nell’archivio senza una scadenza, indipendentemente da ciò che la rivista scrive sul suo sito Web o da ciò che un ricercatore fa inavvertitamente clic nel flusso di lavoro quando invia all’editore.

non sarà responsabile Rendere il testo sottoposto a revisione paritaria pubblicamente disponibile solo nei casi in cui il ricercatore stesso non lo voglia. La responsabilità legale per qualsiasi controversia con l’editore è a livello istituzionale e non al ricercatore stesso. I dipendenti che sperimentano incertezza, o che dovrebbero essere contattati da un editore che ritiene che leggi e regolamenti siano stati violati, potranno sempre fare affidamento sulla politica dell’organizzazione. La responsabilità passa dal singolo ricercatore all’ente.

Perché questo è importante? Per molti anni, UiT ha lavorato intenzionalmente per la scienza aperta in tutta la sua ampiezza. Il professore di chimica Kenneth Rudd è stato in prima linea in questo lavoro durante i suoi due mandati come Vice Cancelliere. Il feedback dei ricercatori è stato molto positivo, un enorme cambiamento culturale è in pieno svolgimento e La scienza aperta è ora praticata per una serie di ambienti accademici innovativi presso l’UiT.

buona scortaTuttavia, le riviste di qualità garantita ad accesso aperto sono ancora limitate in alcune aree tematiche. L’acquisto gratuito dei singoli articoli si è rivelato piuttosto costoso. I cosiddetti accordi di trasformazione non hanno comportato minori costi per le imprese. Il contesto economico rende necessario intraprendere nuove strade per promuovere l’accesso aperto, risparmiando allo stesso tempo i budget.

Requisiti UE Il Consiglio della ricerca (Piano S) è conforme alla nuova politica dell’UiT, salvo che il Piano S richiede ai ricercatori di specificare che il finanziatore richiede l’accesso aperto all’archivio delle conoscenze presentando un manoscritto per la valutazione in una rivista (preavviso).

In volontà UiT Il preavviso agli editori è garantito dalle Linee guida UiT per l’accesso aperto espresse in Documento politico aggiornato sul nostro sito web.

Era all’inizio del 2021 Ha nominato un gruppo di lavoro con ricercatori competenti di varie discipline che, insieme ad esperti della Biblioteca di Ateneo e competenze legali dell’amministrazione, hanno preparato la nuova policy per l’UiT. Le raccomandazioni del gruppo di lavoro sono ora in fase di attuazione.

Dipendenti assunti In UiT non devi avvisare in anticipo quando invii un SMS. Dovrebbero essere autorizzati a postare dove vogliono. Tutto quello che devono considerare è caricare l’ultimo articolo peer-reviewed di Cristin. Se per motivi personali non desiderano che un articolo sia reso disponibile ad accesso libero nell’archivio della conoscenza, devono assicurarsi che non sia disponibile. Ma nessun editore dovrebbe essere in grado di obbligarli a farlo.

durante il lavoro Con la nuova politica, la task force è entrata in contatto con altre istituzioni che hanno introdotto politiche simili. A nostra conoscenza, non è stato testato prima nel contesto scandinavo, ma in un certo numero di istituzioni negli Stati Uniti, inclusa l’Università di Harvard, è stato testato. Pratiche simili Da più di dieci anni.

Responsabile di Il professore di politica di Harvard Peter Soper afferma che meno del 5% dei loro articoli di ricerca non è stato reso open green access a seguito della prenotazione dei ricercatori. In altre parole, oltre il 95% della letteratura di ricerca scritta dagli studiosi di Harvard è resa disponibile nel loro archivio delle conoscenze, senza ritardi nelle scadenze.

Riusciremo? Ottieni numeri altrettanto buoni in Norvegia? resta da vedere. UiT è disposta a provare e, si spera, seguiranno altre organizzazioni.

Leggi anche:

Segui altre discussioni nel mondo accademico sulla pagina delle opinioni di Khrono

READ  Per un'architettura più giusta