Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

In un’ora e mezza sono arrivate qui 35 vittime del terrorismo – VG

Responsabilità principale: L’ospedale Ringerike, insieme al primario Jorge Martinez e all’infermiera Hilda Marie Rundhaugen, ha ricoverato 35 pazienti il ​​22 luglio 2011. Foto: Fredrik Solstad, VJ

RINGERIKE HOSPITAL (VG) Mentre il governo e la polizia hanno ricevuto critiche dopo il 22 luglio, il Ringerike Hospital è stato accolto.

Inserito:

Alle 3:30 del 22 luglio 2011, l’infermiera Hilda Marie Rundhaugen era in licenza.

Sta partendo per un viaggio con la famiglia. Dal lavoro al pronto soccorso del Ringerike Hospital, un’infermiera guida il Rema 1000.

Rundhaugen ha sentito alla radio che una bomba era esplosa nel distretto governativo. Pensa se chiamerà l’ospedale e chiede se hanno bisogno che torni, ma lei lascia perdere.

Dopo il giro di shopping, il suo telefono vibra. L’ospedale ha ricevuto le prime segnalazioni della sparatoria di Otoya.

Rundhausen chiama suo marito. Non ci sarà nessun volo in cabina oggi.

Vacanza ritardata: l’infermiera Hilda Marie Rundhaugen avrebbe dovuto congedarsi dopo il turno di oggi del 22 luglio. Non è andata così. Foto: Fredrik Solstad

Molte critiche sono state mosse alle autorità pubbliche all’indomani degli attacchi terroristici del 22 luglio 2011.

Il governo è stato criticato per mancanza di preparazione e sicurezza. La polizia è stata criticata per il suo lavoro durante l’attacco terroristico.

“Risorse che non si sono trovate”, scrive alla commissione del 22 luglio sul lavoro di polizia a Utøya.

Ma al Ringerike Hospital, le risorse si sono trovate utili a vicenda.

Il piccolo ospedale è stato costruito per curare contemporaneamente quattro pazienti in condizioni critiche e dieci pazienti lievemente feriti, secondo il prestigioso giornale di qualità e sicurezza BMJ.

Il 22 luglio 2011, 35 giovani uomini e donne sono stati curati. Tutti sono sopravvissuti. Sette di loro sono stati successivamente trasferiti all’ospedale di Ullevål.

READ  La Cina pubblica nuovi video e foto del suo Zhurong Mars Rover

In passato, l’ospedale è stato riconosciuto a livello internazionale per come ha gestito quello che potrebbe sembrare un compito impossibile.

Questa è la storia del medico e dell’infermiera che vi hanno contribuito.

Per la prima volta raccontano la loro storia dal giorno che ha cambiato la Norvegia.

Ricordo: Ci sono 35 cuori di vetro appesi nel corridoio del Ringerike Hospital, uno per ogni paziente trattato lì il 22 luglio. Foto: Fredrik Solstad

Ogni mese, il personale del Ringerike Hospital si allena per curare i cosiddetti pazienti traumatizzati. Simulano ogni scenario immaginabile.

Ma non si sono allenati in una posizione del genere. Nessuno di coloro che hanno organizzato la formazione mensile avrebbe potuto immaginare che potesse accadere una cosa del genere.

Tuttavia, devono passare ore prima che i primi pazienti arrivino da Utøya per cercare di prepararsi.

Ci vogliono poco più di due ore da quando è stata segnalata la sparatoria a Utøya alla prima ambulanza fuori dal pronto soccorso.

L’infermiera Hilda Marie Rundhugen passa lentamente il tempo preparando attrezzature e stanze.

L’ufficiale medico capo Jorge Martinez è responsabile del pronto soccorso. Deve assicurarsi che tutti sappiano esattamente quale ruolo giocano quando arrivano i pazienti.

I dipendenti ricevono un cosiddetto “biglietto da visita”, stanze associate e incarichi di lavoro. È un foglio A4 laminato.

La nota spiega le mansioni lavorative che ciascun dipendente svolgerà individualmente nelle prossime ore. Non ci dovrebbero essere dubbi su dove dovrebbe essere una persona, chi dovrebbe tagliare i vestiti, chi dovrebbe proteggere le vie aeree o chi dovrebbe scrivere continuamente un diario.

Distribuzione chiara: ecco come appare il biglietto da visita che identifica gli incarichi di lavoro al Ringerike Hospital. Queste non sono le stesse carte utilizzate il 22 luglio 2011. Foto: Fredrik Solstad

Poi sono arrivate le ambulanze con i primi ragazzi di Utoya. Bagnato, freddo e terrorizzato.

READ  Express, parcheggio multa | Non è possibile stimare le multe per il parcheggio

Sono stati uccisi da un uomo in uniforme della polizia. Possono fidarsi che medici e infermieri li vogliono bene?

Medici e infermieri dovrebbero riposare, rassicurare e curare allo stesso tempo.

Allo stesso tempo, nuovi giovani vengono costantemente al pronto soccorso. C’è un ingorgo a Sollihøgda tra Utøya e Oslo, quindi molte ambulanze segnano il percorso di Ringerike.

Il Chief Medical Officer Martinez sta entrando in una bolla di concentrazione, dice oggi.

Se il paziente di fronte a te è lì a causa di un incidente sugli sci, un incidente d’auto o un attacco terroristico, pensi solo alla tua missione per aiutare quella persona.

Il compito di Martinez è quello di correre alle ambulanze e agli elicotteri e valutare lo stato di salute di chi entra.

Chi dovrebbe avere la priorità? Chi ha bisogno di un intervento chirurgico? Chi amministra con un trattamento più semplice?

Quattro dei pazienti sono rimasti così gravemente feriti che hanno dovuto subire un intervento chirurgico. Martinez li manda nelle tre sale operatorie del pronto soccorso.

Occorrono 40 minuti dall’arrivo del primo paziente il 22 luglio perché la capacità dell’ospedale venga effettivamente esaurita. L’ospedale riceve un numero di pazienti molto maggiore di quanto effettivamente indicato.

Tutti dovrebbero intervenire dove è necessario. Martinez finisce per chiedere a un ginecologo di curare un infortunio al piede. Il ginecologo non esita un attimo.

Responsabilità senior: il direttore medico Jorge Martinez ha assunto la piena responsabilità del pronto soccorso del Ringerick Hospital il 22 luglio 2011. Foto: Fredrik Solstad

L’infermiera Rundhaugen lavora nella sala traumatologica 116 del pronto soccorso.

I carri armati delle vacanze sono ormai lontani. Pensa solo al paziente di fronte a lei.

READ  Lyngdorf TDAI-1120 - Adatta alla stanza

L’infermiera rimane nella stessa stanza dei traumi per molto tempo. È così concentrata che dimentica che ore sono, quanto è calda e ha iniziato a lavorare alle sette e mezza quella mattina.

Una volta la sera, Rundhaugen riceve davanti a sé un piatto di cibo e gli chiede di mangiare. Potrebbe pensare che siano stati serviti pane e zuppa, ma non oserebbe dirlo con certezza. Tutto quello che sai è che ha da mangiare.

Non accade per caso. Quando suona l’allarme, in ospedale non vengono chiamati solo medici e infermieri.

Anche il personale di cucina fa parte della preparazione alle emergenze. È difficile salvare vite senza cibo per lo stomaco.

Dieci anni dopo: durante questo periodo, le vittime del terrorismo di Utøya furono portate nelle sale operatorie dell’ospedale Ringerike. Foto: Fredrik Solstad

Il flusso di nuovi pazienti diminuisce dopo un’ora e mezza. Alla fine, non c’è nessun paziente nel pronto soccorso dove lavorava Rundhaugen. Da quanto tempo è nella stanza 116, non ne ha idea.

Quando ti calmi, inizi a pulire al pronto soccorso.

Ricorda l’odore del sangue di un paziente gravemente ferito ancora in cura. Il paziente andrà presto dagli specialisti di Ullevål.

L’eliambulanza è quella che prende il paziente. Le raffiche dell’elicottero colpirono le porte aperte. Ci sono turbinii di foglie in volo.

Quando il paziente è sull’aereo e l’elicottero sta volando verso Oslo, regna la calma.

– Solo allora ho cominciato a pensare a quante persone potevano farsi male. Allora non ne avevo idea, perché non avevo tempo per pensarci.

Stesso posto: Jorge Martinez e Hilde Marie Rundhaugen lavorano ancora oggi al Ringerike Hospital. Foto: Fredrik Solstad

io rapporto In BMJ Quality and Safety, gli sforzi al Ringerike Hospital sono descritti come “fantastici”.

Gli autori dell’articolo notano in particolare che il piano di emergenza dell’ospedale era completo e dettagliato, ma non così dettagliato da impedire al personale di improvvisare di fronte a sfide che non avrebbero potuto pianificare.

Inoltre, gli autori dell’articolo notano che la formazione mensile sui traumi e la grande fiducia tra i colleghi sono stati fondamentali per un impegno di successo con l’ospedale il 22 luglio.

Il medico senior Martinez è orgoglioso quando si guarda indietro.

– Tutti coloro che hanno lavorato in questo giorno trattano i bambini che sono venuti in modo professionale, ma anche con amore e calore. Penso che l’abbiamo fatto.