Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Insediamento a livello europeo superiore – Taxivision

4

TV-dramma

“Rabbia”

Regia: Magnus Martens & Lars Crom

Viaplay

Il creatore di “Mammon” German Stenberg Ericsson è tornato, con un budget di oltre cento milioni su un grande investimento. La prima impressione locale si trasformerà in un thriller cospirativo sulla grande politica internazionale, il terrorismo e l’isteria dell’estremismo di destra. L’obiettivo qui sembra essere quello di creare una versione scandinava di “Homeland”, ma ricorda le prime stagioni di “24”. Con una differenza significativa “Furia” è guidata da un impegno politico che è esattamente dall’altra parte dell’angolo reazionario “24” che esisteva a suo tempo.

“Furia” è una serie di qualità ben strutturata che racconta una storia coerente in otto episodi, con ovvie intenzioni di raggiungere un pubblico internazionale. Una parte significativa della conversazione si svolge in tedesco e inglese, con la maggior parte delle storie che si svolgono al di fuori dei confini della Norvegia. Non può misurare la maggior parte di ciò che viene prodotto per il mercato elettrico negli Stati Uniti, a meno che il dialogo non sia caratterizzato da un’esposizione secca e un sistema di trama un po’ più meccanizzato – ma “Furia” si sta stabilendo su una scala europea più elevata. La serie aiuta molto ad essere controllata centralmente da un regista talentuoso ed esperto. Negli ultimi anni, Magnus Martens (il mio preferito) è stato dietro gli episodi di diverse importanti serie internazionali, tra cui “Bungee”, “Power” e “Figure the Walking Dead”. Ha diretto cinque episodi di “Furia”, mentre i restanti tre sono diretti dall’italo-tedesco Lars Chrome (“Caccia ad Adolf Eichmann”, “Un minuto di silenzio”).

READ  Ricetta: Negroni Fragola | ABC News

La storia del motivo per cui è stato assunto un regista tedesco diventa più chiara man mano che la storia si svolge e la trama si sposta a Berlino. Ma tutto inizia a Roma Stallone, dove arriva il poliziotto Askir Eng (Paul Swer Hagen) con la figlia di sette anni Michael (Isabella Beatrice Lunda). È un uomo riservato e sobrio che non dirà più di quello che dice. Lo sceriffo Seam (Henrik Mastot) è sbalordito dal curriculum di Asker pieno di buchi neri e segretamente timbrati e sospetta che sia un “tipo noioso di poliziotto”. Askir è un uomo con abilità molto specifiche, è in fuga con sua figlia da molto tempo – con un nome di copertura e un indirizzo segreto che li nasconde alla mafia russa. La cosa intelligente è avere un profilo basso, ma Askir riusciva a malapena a muoversi prima che il villaggio subisse il suo primo omicidio.

Dopo aver notato un attacco a un centro di accoglienza locale, l’adolescente Stein è stato brutalmente picchiato a morte nelle profondità della giungla. Suo padre, Gazette Wang (Fritzov Saheim), era un razzista e faceva parte di un ambiente di estrema destra. Questo include gli imprenditori locali Bjorn (Trent Espen Seam), suo fratello minore Ole (Preben Hotland) e lo chef Rakna (Ine Marie Wilman). Un blogger simile a un blogger ha cambiato il suo soprannome in “Furia” e ha guadagnato più attenzione nei circoli estremisti di destra oltre i confini nazionali. In una serie normale, l’intera azione si sarebbe svolta a Romstall (che è sfruttata al massimo per la sua bellissima natura e le alte montagne), ma “Furia” ha più ambizioni e presto si sposterà in una prospettiva globale.

READ  Olimpiadi estive - Sprint shock: - Grande vergogna

Già alla fine del primo capitolo la situazione precipita, che include una grande sorpresa, che avevo chiesto di non rivelare qui. Ma in parole povere: il leader di estrema destra Gheddafi sta pianificando un grande attacco terroristico dell’11 settembre che potrebbe rovesciare l’intera struttura di potere in Europa. Il poliziotto Askir è coinvolto nella cospirazione da una parte, mentre Ole e Rakna sono attivamente coinvolti dall’altra. Alla fine, è stato introdotto il capo del dipartimento antiterrorismo tedesco: Kathy Phalke (Nina Kuncentorf), che aumenta la sensazione di “24”, mentre gli applausi dei funzionari del governo mentre camminano veloci dagli ufficiali medici, guardando attivamente gli schermi dei computer che crittografano i file di dati e cacciano loro giù. Inevitabilmente spie.

A volte gli sceneggiatori (tra cui Nicolaus Fropinius e Hedge Ulstein di Thaksin) si sforzano un po’ di più di spremere riferimenti multipli come “bitcoin”, “deep web”, “8 chan” e “red pill”. E “Pekida”.

Rabbia.

A un certo punto mi aspettavo che qualcuno dicesse che gli attacchi terroristici sono finanziati dalla vendita NFT delle monete di Pepe the Frock, o qualcosa del genere. Tuttavia, un onesto impegno politico è nascosto sotto tutte le conferenze thriller e le parole sonore che sono direttamente collegate ai temi attuali che circondano l’ascesa del terrorismo di estrema destra. Si dice che “Furia” sia denso, messo in scena in modo dinamico e raramente rimanga a lungo in ogni luogo.

READ  Probabilmente la verdura più bella sul violino

Allo stesso tempo, il fatto che la serie sia così guidata dalla trama è un po’ una perdita di profondità psicologica e impedisce a molti di questi personaggi di diventare familiari. Ine Marie Wilman è molto evidente qui e crea una performance molto forte con alcune interessanti sfumature di grigio. Tutto crea un climax davvero emozionante, che conclude la storia, dicendoci allo stesso tempo che “è troppo lontano”. Quindi sarebbe molto sorprendente per me se non ottenessimo un “Furia: Stagione 2”.

Il commentatore di Thaksin Shinawatra HK Ulstein è uno degli sceneggiatori della serie TV “Furia”. Questa recensione è stata acquistata da uno dei critici esterni di Thaksin.