Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Quattro dipendenti di Trump devono testimoniare sulla tempesta del Congresso – NRK Urix – Notizie e documentari stranieri

Il più famoso di loro è Steve Bannon, ex capo stratega di Trump ed ex capo dello staff Mark Meadows.

Inoltre, il Congresso chiede all’ex capo di stato maggiore della Casa Bianca Dan Scavino e all’allora segretario alla Difesa Kashyap Patel di partecipare a un’udienza.

Si dice che i primi tre siano stati in contatto con il presidente prima o durante l’attacco al Congresso il 6 gennaio di quest’anno.

I sostenitori di Trump alzano la bandiera dello stato del sud negli scontri con la polizia fuori dal Congresso il 6 gennaio.

Foto: Shannon Stapleton/Reuters

I sostenitori di Trump volevano impedire al Congresso di approvare il risultato elettorale che ha reso Joe Biden presidente degli Stati Uniti. Il Senato avrebbe dovuto approvare i risultati elettorali quella sera.

Il capo di gabinetto era un testimone diretto

Meadows e Scavino hanno seguito da vicino il presidente prima e durante il discorso alla Casa Bianca del 6 gennaio.

Il presidente ha esortato i suoi sostenitori a marciare lungo Pennsylvania Avenue fino al Congresso e a “combattere come un inferno” per il suo paese.

Il 6 gennaio il presidente Donald Trump parla ai suoi sostenitori davanti alla Casa Bianca.

Il presidente Donald Trump ha detto che camminerà con i suoi sostenitori verso il Congresso. Ma i suoi consiglieri lo hanno eliminato. Qui durante il discorso davanti alla Casa Bianca, il 6 gennaio 2021.

Foto: Jacquelyn Martin / AP

La tempesta ha ucciso cinque persone, tra cui un agente di polizia del Congresso. Gli eletti sono fuggiti per salvarsi da una folla inferocita.

Sia Prati che Scavino bisogna provare Per convincere Trump a rilasciare una dichiarazione in cui dichiari che i sostenitori hanno fermato le proteste e hanno lasciato il Congresso.

Ma si dice anche che Meadows abbia cercato di convincere il Dipartimento di Giustizia e diversi stati a indagare sulle accuse di frode elettorale del presidente.

Secondo quanto riferito, il vice capo di gabinetto Dan Scavino ha incontrato Trump il 5 gennaio per discutere su come persuadere i membri del Congresso a non accettare il risultato delle elezioni.

I membri e i consiglieri della Camera cercano copertura mentre il Congresso si scatena.

Membri del Congresso che cercano di nascondersi dagli occupanti, 6 gennaio.

Foto: Andrew Harnik/AP

Rotolo di banoons

Il teorico di destra Steve Bannon è stato l’amministratore delegato stratega del presidente nel 2017.

Ma è stato controverso ed è stato espulso. Tuttavia, Bannon ha continuato a lavorare sui progetti di Trump. Ha raccolto fondi per costruire il muro contro il Messico, ma è stato accusato di frode in relazione al gruppo.

La notte prima dell’assalto al Congresso, partecipò a una riunione al Willard Hotel di Washington, D.C., il cui scopo era persuadere i rappresentanti del Congresso a smettere di approvare il risultato delle elezioni.

Secondo la Commissione d’inchiesta del Congresso, Bannon il 30 dicembre dello scorso anno ha esortato Trump a concentrarsi sul 6 gennaio.

Steve Bannon e Donald Trump in relazione al giuramento di Bannon come cancelliere il 22 gennaio 2017.

L’ex consigliere di Trump, Steve Bannon (R) in relazione al suo giuramento come consigliere il 22 gennaio 2017.

Foto: Mandel Ngan/AFP

Bannon ha provato negli anni successivi al 2017 mobilitare i nazionalisti di destra Anche fuori dagli Stati Uniti, soprattutto in Europa.

I documenti verranno consegnati

Il comitato ha richiesto documenti al Dipartimento della Difesa che potrebbero far luce sui possibili piani di Donald Trump di rimanere presidente dopo il 20 gennaio di quest’anno.

Kashyap Patel ha lavorato per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Trump, ma è stato capo dello staff del Dipartimento della Difesa durante la tempesta.

Secondo il Washington Post, il comitato ritiene che Patel sia collegato a documenti su una potenziale emergenza e disordini civili a partire dal 2020.

Condividi Patel in Dibattiti sulla sicurezza al Congresso Nei giorni prima della tempesta. Si dice anche che abbia avuto contatti diretti con il capo di stato maggiore Meadows il 6 gennaio.

La forca è stata istituita fuori dal Congresso il 6 gennaio 2021

I sostenitori di Trump hanno tenuto una forca fuori dal Congresso il 6 gennaio.

Foto: ANDREW CABALLERO-REYNOLDS / AFP / NTB

Trump condanna l’udienza

L’ex presidente Donald Trump ha condannato le indagini e sta cercando di fermare il rilascio dei documenti e le udienze.

Trump fa riferimento al cosiddetto “privilegio esecutivo”, il diritto di trattenere al pubblico informazioni che potrebbero danneggiare l’esercizio del potere del presidente. La corte non è menzionata nella Costituzione, ma è supportata dalle decisioni della Corte Suprema degli Stati Uniti.

Ma c’è disaccordo politico anche su questo ex I presidenti possono invocare questo diritto, ifølge The Washington Post.

Trump chiede anche al comitato del Congresso di chiamare testimoni per le “elezioni presidenziali truccate nel 2020, che è stata la ragione principale per cui centinaia di migliaia di persone sono andate a Washington, DC”.

Non ci sono prove che la vittoria di Joe Biden sia stata il risultato di brogli elettorali.


READ  L'esercito prende il potere in Guinea - applica il coprifuoco nazionale - VG