Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Israele riferisce che l’11,2% di tutti i bambini infetti da SARS-CoV-2 soffre di Covid a lungo termine

Secondo il giornale Tempi di Israele Lunedì scorso, il Ministero della Salute israeliano ha annunciato che oltre il 10% dei bambini israeliani a cui è stato diagnosticato il coronavirus mostra segni di gravi sintomi post-Covid-19 (“Covid-19 a lungo termine”), il che significa che hanno Covid-19. Sintomi a più di quattro settimane dopo l’infezione iniziale.

Uno studio di follow-up condotto dal Ministero della Salute su 13.864 bambini di età compresa tra 3 e 18 anni, guariti dall’infezione da Covid-19, ha rilevato che l’11,2% di loro ha riportato sintomi di malattia Covid a lungo termine. I numeri allarmanti arrivano mentre le infezioni e le morti tra i bambini continuano a salire alle stelle in tutto il mondo, a causa del cambiamento del delta che ora sta colpendo i bambini a tassi allarmanti e causa di un aumento dei ricoveri ospedalieri.

Gli israeliani ricevono vaccini Covid-19 forniti da operatori sanitari in un centro di vaccinazione contro il coronavirus allestito in un parcheggio in un centro commerciale a Givatim, in Israele [Foto: AP Photo/Oded Balilty]

Lo studio ha anche mostrato che dopo 6 mesi di malattia, l’1,8% dei bambini di età inferiore ai 12 anni e il 4,6% di quelli di età compresa tra 12 e 18 anni hanno riportato sintomi a lungo termine. Nella fascia di età 12-18 anni, la possibilità di sviluppare Covid a lungo termine era maggiore tra coloro che mostravano sintomi. Tuttavia, anche le infezioni asintomatiche hanno sviluppato sintomi Covid a lungo termine.

Il Covid prolungato è una malattia multisistemica ancora poco conosciuta e può persistere per mesi, forse per anni. I sintomi consistono in una lunga lista di disturbi, che vanno da disturbi del sonno e insonnia, a palpitazioni cardiache, problemi digestivi, difficoltà respiratorie, dolori muscolari e articolari, affaticamento, mal di testa, problemi neurologici come deterioramento cognitivo o “nebbia cerebrale” e generalmente un mancata concentrazione.

In Israele, dove più di 200.000 bambini di età inferiore ai 18 anni sono risultati positivi al Covid-19, almeno 22.400 bambini hanno sintomi persistenti. Questi risultati sono di particolare interesse per quelli del gruppo più giovane, non ultimi neonati e bambini piccoli nelle prime fasi dell’infanzia. Poco o nulla si sa su quanto tempo i sintomi li influenzeranno, potenzialmente rovinando il loro sviluppo a lungo termine e aumentando il loro ciclo di vita.

READ  Coronavirus, teorie del complotto Un rapporto dell'intelligence avverte di un futuro cupo dopo COVID-19