Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Italdesign rende omaggio all’Audi (piatta) di 50 anni

Italdesign rende omaggio all’Audi (piatta) di 50 anni

Italdesign ha reinterpretato l'Audi sportiva di 50 anni in un modo nuovo.  (Foto: Italdesign)
Italdesign ha reinterpretato l’Audi sportiva di 50 anni in un modo nuovo. (Foto: Italdesign)

Cosa segue l’Asso di Picche? Sì, asso de picche Nel Movimento. Nessun rischio. Spiegheremo.

Il grande Giorgetto Giugiaro ha tanti grandi progetti. Il designer italiano è dietro auto come la BMW M1, la Lotus Esprit, la DMC DeLorean e l’originale Volkswagen Golf. Sì, l’imponente Audi 80.

Ha anche progettato una versione leggermente più sportiva chiamata Audi Coupé, ma prima lui e il team di Italdesign Centro Style avevano creato un’Audi sportiva. Qualcuno ha chiamato Asso di Picche. Il pacchetto più economico del mazzo.

Presentata al Salone di Francoforte del 1973, era uno studio stilistico per una coupé sportiva 2+2 costruita su telaio Audi 80 e meccanica Italdesign, con caratteristiche stilistiche ispirate ai design dell’Alfa Romeo Caymano e della Maserati Boomerang. Due anni prima che Karman iniziasse su richiesta di un bodybuilder.

Purtroppo la vettura non ha superato la fiera, ma è riuscita a lasciare il segno. Molte auto si ispirano a linee strette, pulite e moderne, quindi puoi vedere l’eredità dei pezzi di ricambio italiani in molte auto.

– Joaquin Garcia, design manager di Italdesign, afferma che si tratta di un modello poco conosciuto dal grande pubblico.

‒ Tuttavia, dal punto di vista del design, è uno dei più innovativi e importanti mai realizzati. È un veicolo ordinato, aerodinamico, “guidato” e penetrante. Un design semplice e pulito, una carrozzeria leggera dalle proporzioni interessanti, un flusso orizzontale espresso da linee rette e parallele, un montante C molto prominente che sarebbe diventato col tempo iconico, e il paraurti anteriore, considerato per la prima volta come un elemento puramente funzionale accessorio, sono stati creati come parte della linea del corpo. 50 anni dopo, questo design automobilistico continua a essere un’espressione formale del concetto di movimento.

READ  Granerud ha realizzato uno scatto da sogno a Monaco:

Ora c’è la versione 2.0 del pacchetto di salvataggio, questa volta con il nickname “In Motion”. Questo è Azzo di Piche in Movementto.

Italdesign afferma di aver interpretato l’auto in modo moderno, ma di averlo fatto preservando l’essenza e la semplicità del design, ma dandole anche un senso di atemporalità.

‒ L’auto degli anni ’70 ha un rapporto tra carrozzeria e superfici vetrate che privilegia queste ultime, dice Garcia.

Oggi dobbiamo pensare anche alla sicurezza e all’elettrificazione. Le dimensioni e la struttura sono grandi con la nostra monoscocca e questo garantisce una manovrabilità molto efficiente in caso di collisione. Questo rende la forma più stretta e scultorea. Il pacco batteria, fissato alla piattaforma del telaio, ha comportato un aumento dell’altezza della carrozzeria dell’auto per fornire un alloggiamento adeguato. I passaruota, pronunciati nella parte anteriore ma più bassi nella parte posteriore, avvolgono la parte superiore delle ruote, che sono appositamente allargate per compensare la carrozzeria più ampia del veicolo.

Poi hanno aggiunto un punto importante.

‒ Abbiamo unito fisico e digitale per modernizzare il carattere di un modello storico per i nostri tempi.

Di conseguenza, un’auto del genere:

Italdesign sottolinea che non si chiama RestoMod, ma segue un proprio stile moderno.

Si tratta di una coupé elettrica 2+2, 3 porte, senza montante centrale, costruita sulla piattaforma di nuova generazione, e misura 4,66 metri di lunghezza, 1,23 metri di altezza e 1,95 metri di larghezza. L’Asso di Picche in Movimento ha la scocca in alluminio e le finestre in policarbonato.

La modernità lo dimostra anche il tetto, una parte del quale è trattata come una lente polarizzata che filtra il 100% dei raggi UVA. Quindi non sarai al sole qui.

READ  Vaticano, Papa | Il Vaticano è stato criticato per la cooperazione russo-ucraina nella processione pasquale

Ma anche cose come il cofano del bagagliaio nella parte anteriore dell’auto risalgono a 50 anni fa. La lunga presa d’aria di Asso di Picche è stata trasformata in un moderno elemento funzionale che si apre su una presa di ricarica.

Le grandi porte classiche hanno un meccanismo a doppia cerniera che permette alla porta di oscillare prima in avanti e poi oscillare, facilitando l’uscita e l’entrata.

All’interno, le illustrazioni mostrano che abbiamo due elementi cilindrici che dominano il cruscotto, e qui c’è anche uno schermo leggero e ultrasottile che può essere arrotolato o estratto secondo necessità.

Il volante dovrebbe collegare l’auto storica con quella in movimento – ed è rettangolare con angoli arrotondati e molto compatto in termini di spazio interno.

‒ L’Asso di Piche in Movemento esprime la nostra visione perché presenta molti temi moderni discussi nell’industria automobilistica e altrove – un concetto per un movimento più sostenibile e consapevole, afferma Garcia.

‒ Progetti come questo ci permettono di celebrare tutti i nostri anni di ricerca e innovazione, supportati da partnership di successo, e di depositare la nostra eredità nel futuro e raccogliere le nostre numerose esperienze.

Movemento rischia di fare la stessa sorte della vettura Movemento dell’Asso di Picche, che ha dovuto rendere omaggio e non superare mai il palco del salone.

Ma fortunatamente abbiamo alcune illustrazioni digitali che mostrano l’auto perché ha lo stesso livello artistico di 50 anni fa.

Per saperne di più: