Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Joe Biden: – In Europa con Trump nelle sue borse

Quando Joe Biden pubblica Il primo viaggio all’estero di mercoledì è un altro segno ufficiale del ritorno alla normalità della Casa Bianca e della presidenza dopo quattro anni di shock e incredulità. L’entourage europeo di Biden è pieno di vecchie conoscenze con stretti legami sia con Bruxelles che con Whitehall. Al Ministero degli Affari Esteri norvegese, sono i nomi di battesimo con il ministro degli Esteri Anthony Blinken. Probabilmente ti senti sicuro e prevedibile.

Lo stesso Joe Biden è probabilmente il politico americano con la più lunga esperienza in politica estera e non c’è motivo di dubitare che voglia normalizzare i rapporti con i partner europei degli Stati Uniti. Ma questo compito può essere difficile quanto rimettere il dentifricio nel tubetto. Fiducia infranta e incertezza seminata. Chissà se Donald Trump, o più probabilmente un nuovo trombettista – magari qualcuno più intelligente e politicamente esperto, Trump 2.0 – non tornerà al potere in meno di quattro anni e capovolgerà tutto? E Biden controlla davvero il proprio cortile?

critico: Martedì, dopo un incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha adottato una linea dura contro la Cina. Video: Vegard Kvaale.
Mostra di più

È anche riconoscibile lettera gonfia. In un post sul Washington Post di domenica scorsa, Biden ha descritto il viaggio come un rinnovamento delle relazioni degli Stati Uniti con i suoi “partner democratici più vicini”. Insieme, resisteranno ai regimi autoritari in Cina e Russia, dimostrando che le democrazie sono le migliori per gestire le crisi globali, siano esse pandemie o climatiche, per garantire crescita economica, progresso tecnologico e assistenza sanitaria più solida per le nazioni povere.

Riusciva a malapena a far corrispondere più volte la parola democrazia nel breve testo e l’incantesimo era probabilmente rivolto a un pubblico molto più vicino allo Studio Ovale. In meno di cinque mesi dalla sua presidenza, Biden ha tenuto sotto controllo la pandemia, l’economia è in forte espansione e i sondaggi hanno mostrato che la maggioranza degli elettori lo sostiene quando si tratta di ricostruzione.

READ  L'ONU chiede ai ribelli di rilasciare esperti - NRK Urix - Notizie e documentari esteri Foreign

Ma la democrazia americana sta arrivando.

È stato certamente ingenuo pensare che Donald Trump avrebbe perso la sua stretta sul Partito Repubblicano una volta che si fosse dimesso, ma il partito ha continuato a dare ossigeno alle bugie e alle cospirazioni selvagge di Trump sulla frode elettorale, rimane scioccante. Subito dopo l’attacco al Congresso, c’era la speranza che anche i suoi più fedeli sostenitori fossero stufi, ma è già in corso una revisione di quanto accaduto il 6 gennaio. Non è stato affatto un attacco violento e un attacco alla democrazia americana, ma piuttosto una legittima manifestazione di elettori che hanno derubato i loro voti. Anche Mike Pence, la cui vita Trump ha messo a rischio, si è inchinato al suo vecchio capo.

minaccia alla democrazia Sta proprio nel minare le opzioni legali. La menzogna sulla frode elettorale ha messo radici tra gli elettori repubblicani fino ai vertici del partito. Durante la primavera, 14 stati, guidati da Georgia Square, hanno adottato nuove restrizioni al diritto di voto, presumibilmente per prevenire futuri brogli elettorali. Di fatto, sono particolarmente colpiti gli elettori di minoranza che tradizionalmente votavano per i Democratici. Invece di cambiare le politiche per attirare una maggiore diversità di elettori, gli stati repubblicani renderanno loro più difficile votare.

Joe Biden ha risposto introducendo un disegno di legge che garantisce il diritto di voto e blocca i tentativi di sopprimere gli elettori, ma probabilmente non accadrà grazie a uno dei suoi. Il senatore del West Virginia Joe Manchin è diventato uno dei politici più potenti di Washington dal cambio di presidente. Con un Senato diviso, il Democratico conservatore, per così dire, è a posto. Anche Biden non può scommettere sulla collaborazione con l’altra parte. La dirigenza repubblicana ha confermato che si opporrà e voterà su tutto ciò che proviene dall’amministrazione Biden.

READ  La paura "un incubo per l'ambiente" - VG

La polarizzazione era cattiva Sotto Barack Obama, peggio sotto Donald Trump e diventa completamente devastato dopo le elezioni. Obama si è buttato nel dibattito. Teme che “il primo vero esperimento per costruire una grande democrazia multietnica e multiculturale fallirà”. In un’intervista con la CNN lunedì, Obama ha detto: “C’è motivo di preoccupazione quando uno dei nostri più grandi partiti è disposto ad adottare un modo di guardare alla nostra democrazia che è estraneo e inaccettabile solo cinque o dieci anni fa”.

Questo è lo sfondo che Biden porta con sé nelle sue borse in Europa, dove parlerà del potere della democrazia. Di fronte a un presidente autoritario, si scopre che ci sono gravi debolezze.