Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Johannes Thingness Poe – Disperato:

Oberhof (Dagbladet): – È troppo brutto.

Lo ha detto l’estroverso Johannes Thingnes Beau dopo il deludente 21° e 28° posto di Oberhof.

Continua:

– Penso che sia difficile. Lo trovo difficile e mi rilasso e lo lascio fluire. Voglio incontrarmi, ma non accadrà.

Johannes Thingnes Bø cerca di spiegare perché i migliori risultati falliscono, allo stesso modo cerca di capire la soluzione al problema.

Potrebbe esserci qualcosa che non va nel tuo mercato azionario?

Battesimo del fuoco: Johannes Thingnes Bø all’inizio della ricerca sul caos del ghiaccio dell’Oberhof. Le stesse condizioni previste a Pechino. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Mostra di più

– Potrebbe essere… Penso che tutti sappiano che sto facendo del mio meglio. Non posso fare di più.

Perché qualcosa non va per Stryningen, che ha lottato con la fotografia di paesaggio in questa stagione.

Ma a Natale, lui e l’allenatore di tiro Siegfried Mazet hanno cercato di invertire la tendenza, concentrandosi sulla riduzione della velocità del tiro.

– Volevo molto

LOTTA: Johannes Thingnes Bø ha un tiro orizzontale a 3 braccia nello sprint di Oberhof.  Ha fatto lo stesso all'inizio dell'inseguimento.  Coppa del mondo di biathlon.  Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet

LOTTA: Johannes Thingnes Bø ha un tiro orizzontale a 3 braccia nello sprint di Oberhof. Ha fatto lo stesso all’inizio dell’inseguimento. Coppa del mondo di biathlon. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Mostra di più

Anche prima di Natale, Thingnes Bø sarebbe potuto apparire, per molti versi, più vicino a una risposta al francese Le Grand-Bornand quando ha portato a casa il suo primo vincitore della Coppa del Mondo della stagione in volata.

Ma un passo avanti rimane due passi in Germania.

– Volevo molto. Volevo un po’ e volevo un po’ nel mezzo, ma i bagliori non si abbassano comunque. Semplicemente non sto meglio. Ma penso di dover uscire da qualcosa ed entrare in qualcosa di nuovo, dice.

Ma poiché le Olimpiadi di Pechino iniziano tra poco meno di tre settimane, non c’è tempo per provare qualcosa di nuovo, assicura Thingnes Bø.

– Devo solo esercitarmi un po’, forse, dice.

Basta la vittoria

Crisi: - È tutto nero

Crisi: – È tutto nero


Thingnes Bø ha vinto la Coppa del Mondo per tre anni consecutivi. Possono essere assegnati fino a 53 titoli di Coppa del Mondo.

È anche medaglia d’oro olimpica nella distanza regolare dai Giochi Olimpici di Pyeongchang e numerosi titoli mondiali.

Era il numero uno del mondo, da molti anni in testa alla concorrenza. Quest’anno sono quelli prima di lui.

Una posizione sconosciuta per qualcuno che ha sempre voluto inseguire le vittorie – per soddisfare le sue aspettative e le aspettative della gente, ha assicurato a Dagbladet in Francia prima di Natale.

Quando hai avuto molte vittorie prima, la vittoria da sola è sufficiente per il popolo, e davvero anche per me. Non dovrebbe passare molto tempo in mezzo, quindi ha funzionato bene per me. Egli ha detto.

– Ha raggiunto il fondo

Ottiene supporto: Johannes Thingnes Poe riceve supporto dal compagno di squadra Vettel Sigstad Kristiansen.  Eccolo insieme in allenamento congiunto a Oberhof.  Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet

Ottiene supporto: Johannes Thingnes Poe riceve supporto dal compagno di squadra Vettel Sigstad Kristiansen. Eccolo insieme in allenamento congiunto a Oberhof. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Mostra di più

Thingnes Bø è alimentato da Vetle Sjåstad Christiansen. Jello boy fa notare che pensa che il suo compagno di squadra abbia poca fiducia in se stesso per tirare, ma farà una bella esperienza.

– Penso che gli farebbe bene andare a casa a fare una passeggiata. Trova la pace della mente e magari prendi una decisione sulla situazione che vuoi usare. Perché si gira molto e ci prova e fallisce. Penso che dovrebbe smettere di cercare quello che pensa sia il migliore una volta, e poi fidarsi di quella scelta, afferma Sjåstad Christianen che spera che il suo compagno di squadra torni nel territorio del flusso.

Anche l’istruttore di tiro Siegfried Mazet è convinto che Thingens Bø tornerà in campo.

A causa delle pessime previsioni del tempo a Oberhof, la gara maschile di giovedì è stata posticipata a venerdì. L’istruttore di tiro ha sottolineato che le condizioni meteorologiche e del vento ottengono poco, ma creano sfide per gli atleti.

Con condizioni più difficili, una buona fotografia è più difficile. Oggi è difficile determinare se è dovuto alle condizioni o alla messa a fuoco, ha detto l’allenatore Mazett, dopo l’inizio dell’inseguimento.

Abbiate fede: l'allenatore di tiro Siegfried Mazett durante la staffetta mista a Oberhof.  Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet

Abbiate fede: l’allenatore di tiro Siegfried Mazett durante la staffetta mista a Oberhof. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Mostra di più

– Sembra che Johannes non sappia esattamente cosa c’è che non va?

– Con l’inizio dello sprint e dell’inseguimento, è ovviamente dispiaciuto, ma ora sappiamo che può solo migliorare. Siamo arrivati ​​in fondo e dobbiamo “spingere” per arrivare dove vogliamo essere. Abbiamo ancora tre gare e diverse settimane di rally prima delle Olimpiadi.

Mazet continua:

Snur - Cambia il piano di battaglia

Snur – Cambia il piano di battaglia


– Forte fisicamente. So per certo che anche il tiro con l’arco entra nella competizione.

Sono andato a casa

Il resto dei suoi compagni di piscina è andato a fare un’escursione all’italiano Lavaz. Thingnes Bø è tornato a casa sua a Kongsvinger per poter trascorrere del tempo con sua moglie e suo figlio.

Se questo dovesse produrre lo stesso risultato per la sua compagna di squadra Ingrid Landmark Tandrifold, si spera che otterrà una risposta nell’ultimo round di Coppa del Mondo a Interselva, prima delle Olimpiadi di febbraio.

READ  La squadra in trasferta di solito vince a tribuna vuota nelle qualificazioni ai Mondiali - VG