Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Karsten Warholm

OSLO / SOGNSVANN (Dagbladet): Durante i Giochi Olimpici di Tokyo, Karsten Warholm è il primo uomo nella storia a correre i 400 m ostacoli in meno di 46 secondi.

Successivamente, ha raggiunto la vetta della Diamond League.

A dicembre è diventato storico quando è diventato il primo norvegese È stato nominato atleta dell’anno dalla International Association of Athletics Federations (WA).

Ora ha parlato anche il popolo norvegese. Karsten Warholm è il vincitore dell’annuale Dagbladet Prize: «Folkets idrettspris».

Nawras: Karsten Warholm ha ottenuto e vinto un’impressionante medaglia d’oro e un nuovo record mondiale nei 400 m ostacoli ai Giochi Olimpici di Tokyo. Foto: Bjørn Langsem. Video: Scoperta +
Mostra di più

Orgoglioso di essere norvegese

– Penso che sia molto divertente. In effetti, penso che sia fantastico averlo per la terza volta.

Lo racconta Karsten Warholm a Dagbladet, che ha vinto lo stesso premio sia nel 2017 che nel 2019. Negli stessi anni è diventato il campione del mondo nei 400 metri ostacoli.

Tutto in Norvegia: – Sono orgoglioso di rappresentare la Norvegia. Foto: Lars Evind Pons/Dagbladet
Mostra di più

Ha già uno dei trofei nel suo appartamento di Oslo. Dice che il resto delle medaglie e dei trofei è a casa con mamma e papà a Olssteinvik.

Il 2021 è stato l’anno in cui Warholm ha avuto un enorme successo, correndo probabilmente la migliore gara nella storia delle Olimpiadi.

Durante le Olimpiadi estive di Tokyo, ha stabilito un record mondiale e un record olimpico quando ha corso con un tempo di 45,94. Lo sprint olimpico è stato paragonato, tra le altre cose, all’impressionante record di Bolt sui 100 metri.

Una delle parti più difficili del lavoro, sottolinea Warholm, è il riottenimento. Perché quando sei al top, e magari vuoi divertirti, devi riprendere velocemente lo stesso ritmo per raggiungere nuovi traguardi.

È qualcosa a cui Warholm e l’allenatore Liv Olaf Allnes hanno dato la massima priorità per anni, dice.

I premi che riceve in seguito per i suoi successi aiutano a motivarlo ulteriormente:

– In effetti, ogni volta che ricevo premi, mi dà solo più motivazione per tornare a fare il lavoro. ne sono orgoglioso. E grato ovviamente. È fantastico che il premio venga votato dalle persone, dice Warholm, prima di continuare:

Sono orgoglioso di essere norvegese e di correre con la bandiera norvegese sul petto. Mi sono assicurato di mettere la bandiera norvegese sulle divise speciali, cosa che faccio con i tornei d’oltremare. Essendo norvegese e rappresentando la Norvegia nel mondo, ne sono molto orgoglioso.

Probabilmente significa più di quanto la gente pensi

Quando ci sono così tanti premi, si potrebbe pensare che alla fine perderanno la loro rilevanza.

Ma per Warholm, il “Premio del popolo” significa più di quanto molti possano pensare, sottolinea.

– Ci sono molte persone che pensano e chiedono se non c’è inflazione solo per me. Non è assolutamente il caso.

Il prezzo, grande o piccolo che sia, è per Warholm la prova che è stato in grado di raggiungere nuovamente il successo.

Anche nel tempo.

Crede che il modo in cui il miglior atleta del mondo riesce a motivarsi per raggiungere nuovi obiettivi più e più volte ha a che fare con dove sceglie di concentrarsi.

Non credo davvero di avere una personalità che gravita verso la gestione di tali risultati più e più volte. Divento ansioso rapidamente e mi piace sempre tenere gli occhi su cose nuove. Ma ne sono davvero entusiasta qui e mi dà una quantità incredibile. Attraverso Leif Olaf (Alnes) e la mia squadra, sono stato in grado di tenere gli occhi sulla palla, dice Warholm e spiega:

– Sono stato in grado di alzarmi ogni giorno e poi andare a fare il compito a portata di mano. Penso che molte persone lottino con questo alla fine, quando vincono le cose, la vita qui in qualche modo diventa molto unilaterale. Ma sono stato in grado di mantenere la mia vita normale da remoto e vivere nelle mie bolle per essere in grado di fare ciò che serve per esibirmi meglio.

– Penso che il segreto sia il 100%.

READ  Europa League - estremamente nera