Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Klæbo si attiene al piano A – prevede di dare il massimo alle Olimpiadi – Dagsavisen

Alle Olimpiadi di Pyeongchang in Corea del Sud quasi quattro anni fa, ha coperto cinque distanze e ha vinto l’oro nello sprint, nello sprint a squadre e nella staffetta.

Da allora, è diventato un pattinatore migliore. Brilla anche nelle ambizioni. Klæbo è diventato anche un corridore con più fiducia in se stesso. Se consentito, cercherà di percorrere tutte le distanze. È più facile alle Olimpiadi che ai Mondiali perché il torneo dura diversi giorni.

– Sì, è un piano per andare alle Olimpiadi in qualche modo, ma devo vedere quando ci arrivo. Devo guardare lungo i corridoi e sentire come si sente il corpo. Se possibile, ci proverò, dice Klæbo a NTB.

Domenica era di umore perlato durante il suo allenamento in Val di Fiemi a Lago di Tesero. La Coppa del Mondo si è svolta lì nel 1991, 2003 e 2013.

Klæbo si allena molto tranquillamente per un’ora e venticinque minuti con, tra gli altri, la leggenda dello skateboard ed esperto di TV 2 Peter Northug. Sorrideva, rideva e si divertiva nella poetessa italiana.

il più importante

Dopo un veloce volo di ritorno in Norvegia dopo il tour, il volo si dirige nuovamente verso l’Italia. Allora il luogo è l’Alpe di Siusi, che dista poche ore di macchina a nord della Val di Fiemme.

Non sorprende che la cosa più importante nelle prossime settimane oltre a rimanere in salute.

– Certo, è addestramento. Fai un buon allenamento di due settimane prima del viaggio a Pechino. Sarà un’esperienza leggermente diversa. Il viaggio sarà lungo e con adattamento ad un altro fuso orario. Sarà simile a quello che era prima delle Olimpiadi di Pyeongchang.

READ  Hauge ha segnato dopo un attacco superbo, ma ha perso la vittoria negli ultimi minuti

con attenzione

Spesso sono i piccoli dettagli che distinguono il meglio dal secondo migliore.

Cerco di essere molto attento e prestare attenzione ad ogni dettaglio. Il tour costa molto, non importa se si tratta di sei o otto tappe. Scommettiamo ancora due giorni buoni, e poi starà bene con una pausa.

L’allenatore della Sprint Monsen dice che la cosa più importante dopo il round è fare quello che fai normalmente.

– Sarebbe un riassunto di quello in cui sono stati coinvolti qui, e poi è naturale che si allenino. Non c’è nessun piano segreto dietro di esso. Hanno bisogno di nuove persone la settimana in cui tornano a casa.

Johannes Husfluth Klapow guida la gara di pattinaggio su ghiaccio in vista della quinta tappa di oggi. Quindi inizia con una lunghezza di circa 15 chilometri dal giunto in stile classico.

Martedì si deciderà il colle mostruoso dell’Alpe Cermis.