Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Cina è atterrata su Marte

La navicella spaziale cinese Tianwen-1, in orbita attorno al Pianeta Rosso, fece atterrare il mezzo da sbarco e il rover – chiamato Zhurong dal leggendario dio cinese del fuoco – completando così la parte più pericolosa della sua missione di dieci mesi su Marte. L’atterraggio di Zorong è considerato il più grande test del programma di ricerca spaziale cinese fino ad oggi. Nel giro di pochi giorni iniziarono a condurre indagini geologiche.

Un test delle ambizioni spaziali della Cina

Secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua, una capsula è stata separata dall’orbita di Tianwen 1 intorno alle 4:00 ora di Pechino del 15 maggio e inviata nell’atmosfera marziana a un’altitudine di 125 chilometri.

Quindi la discesa sulla superficie di Marte è iniziata a una velocità iniziale di 4,8 chilometri al secondo. Secondo. La capsula ha sparato un enorme paracadute e prima di atterrare ha ricevuto i freni potenziati dai razzi. Da un’altezza di 100 metri, il sito di atterraggio è stato valutato da un laser per evitare l’atterraggio in grandi irregolarità.

La nave affondò indipendentemente nell’atmosfera marziana. Ogni passo era rischioso. Se si fosse verificato un errore, l’atterraggio sarebbe fallito.

Geng Yan, commentato dal Lunar Exploration and Space Program Center, China National Space Administration

Lanciato a luglio 2020.

Grande balzo per la Cina

Questa è la prima spedizione su Marte per la Cina e il terzo paese dopo Russia e Stati Uniti a far atterrare un veicolo spaziale su questo pianeta.

La missione è un grande salto per la Cina perché fanno ciò che la NASA ha intrapreso per decenni, in pochissimo tempo.

Roberto Urosi, planetologo presso il Dipartimento di Radioastronomia, Bologna

La navicella spaziale Perseverance della NASA, atterrata il 18 febbraio, si trova a diverse centinaia di chilometri dal sito di atterraggio di Zorong. Diverse navicelle orbitano attorno a Marte, inclusa la nave della speranza degli Emirati, anch’essa arrivata a febbraio.

READ  Spazio per aumenti salariali nel 2021

La missione Tianwen 1 è la prima a inviare una nave in orbita attorno al pianeta, così come un lander e un rover in superficie. La sonda è stata lanciata dalla Terra nel luglio 2020 e ha raggiunto Marte nel febbraio 2021.

Il rover e il mezzo da sbarco Zhurong.

Diverse missioni sono state bloccate all’arrivo

L’atterraggio su Marte è noto per essere difficile, anche perché non abbiamo il controllo su di esso in tempo reale dalla Terra: tutto deve essere controllato con istruzioni pre-programmate. Diverse missioni sono state bloccate all’arrivo.

Nel 1997, il Mars Pathfinder della NASA ha lanciato il suo primo rover, Sojourner, ed è finito in una zona rocciosa.

Non abbiamo tratto molta scienza da quella missione, ma ha aperto la strada a rover più autonomi e ora stiamo raccogliendo i frutti di quelle missioni.

Flannery, lavora sulla perseveranza, la quinta navicella spaziale della NASA su Marte

Utopia Planetia

Tra pochi giorni, il rover a sei ruote a energia solare inizierà un’esplorazione che durerà per almeno tre mesi, ma può sopravvivere per anni come Spirit e Opportunity Rover della NASA.

Utopia Planitia, dove è atterrato Zhurong, è una superficie piatta e ampia in un grande “stagno” che si è formato quando un oggetto più piccolo si è scontrato con Marte miliardi di anni fa. La superficie della piscina è in gran parte ricoperta di materiale vulcanico. Gli studi sull’area indicano che il permafrost potrebbe essere scavato appena sotto la superficie. Nel 1976, il Viking 2 della NASA atterrò a nord a Utopia Planitia.

Zhurong era dotato di una varietà di strumenti. Due telecamere sono montate su un palo per acquisire immagini e pianificare il percorso. La telecamera multispettrale rileverà i minerali contenuti nelle rocce.

READ  Battaglia per il clima - C'è solo un fatto

Layout di rimonta rock

La missione di successo potrebbe essere l’inizio di missioni cinesi più avanzate: prevedono di restituire le rocce entro il 2030.

Fonte: natura