Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La comprensione cristiana della realtà, una minaccia al programma ideologico dello stato

NLA COLLEGE: Il NLA Christian College è stato a lungo in condizioni meteorologiche avverse e teme per il futuro, scrive qui Kjell Skartveit. La foto mostra la sezione a Pristen a Bergen. Foto: Strano Mehus

Le elezioni parlamentari sono finite, ma non finisce per questo il dibattito sulla libertà di religione e di espressione, né il dibattito sul posto del cristianesimo nella scena politica.

L’NLA Christian College è sempre stato in condizioni meteorologiche avverse e si preoccupa per il futuro. Rischi NLA, principalmente a causa della piattaforma etica di coesistenza conservatrice e della perdita dell’accreditamento del college.

L’amministrazione scolastica non è soggetta alle richieste di liberazione morale del movimento LGBTIQ, e quindi viene accolta con l’affermazione che non promuovono la libertà accademica (nessuno mette in dubbio la libertà accademica offerta dalla teoria di genere estrema).

Allo stesso tempo, è diventato chiaro che la Direzione dell’Istruzione sostiene la Società per l’etica umana nella sua richiesta di interrompere la distribuzione di Bibbie nelle scuole norvegesi. Il segretario generale di Gideon, Steinar Hopland, ha detto oggi alla Norvegia che sarebbe stata la prima volta che un ente governativo in un paese democratico voleva smettere di distribuire bibbie nelle scuole.

Questo è successo nello stesso momento in cui il governo ha inviato una proposta per una nuova legge sull’istruzione per la consultazione. In tre nuovi paragrafi è stato stabilito il divieto di predicare nell’istruzione scolastica ed è stato esteso il diritto all’esonero dalle attività a causa di opinioni sulla vita.

Ciò ha spinto il segretario generale Karl Johan Keode dell’Associazione norvegese degli studenti cristiani e della gioventù scolastica (Laget) a chiedere se le persone religiose fossero le uniche a cui non dovrebbe essere permesso di menzionare nulla, e si è chiesto quale fosse la differenza nel gridare “Dio è morte “dalla piazza o viva Dio dal pulpito?

Durante queste discussioni, il ministro del lavoro e degli affari sociali Torbjørn Røe Isaksen ha visitato il podcast Dagen Tore og Tarjei. Qui ha detto di aver capito coloro che temevano che sarebbe stato più difficile gestire scuole religiose indipendenti.

Preoccupato per il cristianesimo, che la libertà venga erosa, forse principalmente dal requisito che tutti siano liberali nel valore, e detestando l’idea che tutti debbano adattarsi ai valori della maggioranza per gestire le istituzioni, conclude:

“I cristiani conservatori in Norvegia sono sotto pressione da tutte le parti”.

C’è qualcosa in alcuni politici oggi, si preoccupano dello sviluppo, sono felici di difendere la libertà di religione, ma non sono in grado di vedere il loro ruolo in ciò che sta accadendo. La maggior parte delle volte, non vogliono discutere concetti di base come la visione del mondo o la comprensione della realtà. Cosa è successo alla percezione della realtà in Norvegia quando la libertà di espressione è stata messa sotto pressione?

L’articolo continua sotto l’annuncio.

Senza polemiche, i politici norvegesi si sono allontanati dalla visione del mondo cristiana e “si sono rivolti”, consciamente o inconsciamente, a una visione del mondo postmoderna. Dalla costruzione della società su concetti come verità, moralità e decenza, gli stessi concetti sono diventati il ​​nemico e l’avversario della comprensione dei politici di libertà, generosità, autorealizzazione e buona vita.

Il postmodernismo vede la visione del mondo cristiano come una minaccia da combattere, cosa che è stata confermata in forma giuridica con la Risoluzione sulla Nuova Legge sulla Discriminazione nel 2013.

Paesi come la Polonia e l’Ungheria hanno compreso le conseguenze morali del postmodernismo e come esso rappresenti un pericolo per ciò che considerano giusto e buono. Quindi osano dire di no alla teoria radicale del gender e alla sua promozione dei bambini. Vedono questa ideologia come una vera minaccia agli ideali democratici tradizionali, alla libertà, alla scienza classica, al buon vivere e alla fede cristiana.

Torbjørn Røe Isaksen afferma di sostenere una legge sul matrimonio neutrale rispetto al genere, ma è preoccupato per la corrispondenza dei requisiti. Non è solo in questo. È diventato comune per molti acconsentire alle richieste del movimento LGBTIQ, ma che credono di poter ancora mantenere i tradizionali diritti umani come la libertà di parola e di religione.

I partiti politici in Norvegia affermano di voler lottare per la libertà religiosa, mentre la maggior parte dei politici sostiene sia la legislazione sulla discriminazione, sia l’inclusione delle nozioni di orientamento sessuale e identità di genere nel codice penale § 185 e il desiderio di vietare la terapia di riferimento per i bambini.

In effetti, dicono che dovremmo essere autorizzati a mantenere la libertà di religione, ma solo a livello di pensiero. Non dobbiamo convivere con le conseguenze pratiche di una visione cristiana del mondo, vista come offensiva e odiosa.

Ma forse la cosa più importante di tutte: la comprensione cristiana della realtà è in completo contrasto con la comprensione della realtà postmoderna e le affermazioni che supportano il suo punto di partenza normativo sono raramente accettate dallo stato.

Quindi ha senso che la Direzione dell’Istruzione dica di no alle organizzazioni che vogliono distribuire la Bibbia agli studenti delle scuole norvegesi. Tale pratica potrebbe essere vissuta come predicare qualcosa che non tollererebbe e lo stato non potrebbe consentire. Gli studenti norvegesi devono essere educati secondo ideali non cristiani.

Vediamo gli stessi meccanismi nella discussione sul divieto della terapia di conversione. Sebbene il movimento LGBTIQ predichi che è perfettamente naturale cambiare sia l’orientamento sessuale che l’identità di genere, l’alternativa cristiana dovrebbe essere vietata, perché i cristiani osano dire qualcosa sulla verità e sulla volontà di Dio per l’uomo.

La sfida è che pochi, se non nessuno, politici oggi oserebbe dire qualcosa sulle conseguenze politiche del postmodernismo. Affermare di accettare i diritti LGBT è la punta di diamante del postmodernismo, e da nessuna parte il rifiuto della verità e la coltivazione della diversità sono evidenti qui. L’idea di diversità, inclusione e generosità riguarda davvero l’accettazione dell’assenza di norme e quadri etici riguardanti il ​​rapporto sessuale, la sessualità e la sessualità, e ovviamente la fede cristiana va contro tale dogma.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

Pertanto, sia le leggi sulla discriminazione che l’articolo 185 del codice penale hanno lo scopo di proteggere lo stato dalle critiche ideologiche dei cristiani. È la base ideologica della teoria radicale del genere che queste leggi ora proteggono, le idee che hanno portato all’accettazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, la credenza in un’identità di genere fluttuante e la liberalizzazione della legge sulle biotecnologie.

Non è un caso che siano i cristiani ad essere colpiti dalla restrizione alla libertà di espressione, anzi ne è un naturale precursore.

I politici che esprimono preoccupazione a nome dei cristiani, ma allo stesso tempo sostengono matrimoni neutri rispetto al genere e sviluppi nella discriminazione e nel diritto penale, agiscono quindi in contraddizione.

Nello stesso modo in cui la Polonia e l’Ungheria proteggono ciò che pensano sia reale e buono per la società, la Norvegia fa lo stesso. Pertanto, i limiti della libertà di espressione non sono definiti allo stesso modo, e in Norvegia colpiscono le voci conservatrici, cristiane o meno.

Quindi la risposta al segretario generale Karl Johan Caugh della Norwegian Christian Students and School Youth Association è molto semplice: non è un caso che i cristiani siano quelli colpiti dalla ristretta libertà di espressione, questo in realtà è normale dall’edificio. Il Dio del cristianesimo rappresenta una verità che la Norvegia pagana non sopporta di ascoltare. Così i cristiani diventano dissidenti nel nostro tempo.

READ  Expression, Ospedale Østfold | È una routine chiedere ai pazienti esausti di Calens di cambiare stanza nel cuore della notte?