Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La crisi dei migranti non è un problema norvegese, è un problema globale

Di recente sono scoppiate tensioni diplomatiche tra Italia e Norvegia in merito ai migranti soccorsi dalle ONG al largo delle coste italiane. L’Italia ha insistito affinché la Norvegia si assumesse la responsabilità perché le barche navigavano sotto bandiera norvegese. La Norvegia non era d’accordo.

Ma entrambi i paesi hanno evitato il vero problema. Un problema che non è né norvegese né italiano. È un problema globale. Un problema che richiede soluzioni globali.

Maurizio Jerry

Maurizio Jerry

Il numero di domande di asilo in tutta Europa, inclusa la Norvegia, è al livello più alto dal 2015, quando i rifugiati siriani hanno causato una delle più grandi crisi in Europa.

Inoltre, il numero di rifugiati climatici potrebbe raggiungere ben 1,2 miliardi nei prossimi 30 anni. In effetti, i disastri umanitari causati da cambiamenti climatici irreversibili sono ormai una realtà. Basti pensare alle catastrofiche inondazioni in Pakistan e Nigeria quest’anno.

Naturalmente, esistono meccanismi ben sviluppati per affrontare la migrazione in cui le Nazioni Unite svolgono un ruolo importante.

A livello regionale, i paesi europei hanno recentemente concordato un “meccanismo di solidarietà temporaneo” per allentare la pressione sui singoli paesi consentendo ai migranti di attendere decisioni sulle domande provenienti da altri paesi.

Ma questa pietra miliare è solo “temporanea”: l’UE non ha compiuto progressi lavorando su un nuovo patto su migrazione e asilo dal 2020.

In effetti, all’Europa e al mondo manca semplicemente la volontà politica di sviluppare una strategia coerente in materia di frontiere, rifugiati e migrazione. Per questo Italia e Norvegia si sono rivolte l’una contro l’altra, non contro un quadro internazionale funzionale.

Come possiamo risolvere un problema più grande dei due?

Gli ostacoli sono politici, economici e morali.

In primo luogo, l’attesa prossima crisi dei rifugiati richiede un dialogo globale tra i governi mondiali e le organizzazioni civili, sulla falsariga della Conferenza delle parti sulle questioni climatiche e delle Sfide economiche globali del G-20. La migrazione di massa ha bisogno di un proprio forum globale per esplorare la cooperazione e concordare politiche ai massimi livelli.

L’eredità del paese come forza globale per la pace, la diplomazia e la cooperazione rende la Norvegia un buon candidato per ospitare un tale incontro.

Il coordinamento politico deve poi tradursi in soluzioni economiche. Le sfide legate alla migrazione avranno bisogno di un fondo globale per coprire i costi associati all’accoglienza dei migranti, simile al Fondo per perdite e danni concordato alla COP27, che aiuta i paesi più colpiti dal cambiamento climatico. In effetti, si potrebbe sostenere che il Loss and Damage Fund dovrebbe essere utilizzato anche per sostenere i paesi che accettano i rifugiati climatici.

Forse la sfida più importante nell’imminente crisi dei rifugiati è la sfida morale.

Le nostre società semplicemente non sono pronte a rispondere con empatia e comprensione alla crisi dei rifugiati.

Con i politici che soffrono di storici deficit di fiducia, abbiamo bisogno di una leadership morale. Significa coinvolgere la leadership culturale, civica e religiosa attraverso processi politici ed economici.

Questo può sembrare strano. Ma tale collaborazione è necessaria e le grandi agenzie governative stanno già facilitando tali partenariati. Ad esempio, quest’anno il G-20 ha incluso anche il Forum R20, il primo forum basato sulla fede basato sulla premessa che “le grandi sfide che il mondo deve affrontare non sono solo politiche o economiche, ma anche morali”.

È uno dei primi grandi esempi di leader religiosi e culturali che sostengono gli sforzi politici secolari al più alto livello ed è organizzato dalla Muslim World League, la più grande organizzazione non governativa musulmana del mondo, guidata dal Segretario Generale Dr. Muhammad bin Abdul Karim. Alisa. Al-Issa ha guidato la prima delegazione musulmana ad Auschwitz e ha combattuto l’antisemitismo e l’estremismo islamico.

Questo è solo l’inizio.

In definitiva, il mondo è sull’orlo di inevitabili cambiamenti e sconvolgimenti. Se non riusciamo a coinvolgere tutti attraverso partnership economiche, politiche ed etiche senza precedenti, senza dubbio affonderemo.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri stati utilizzando collegamenti che conducono direttamente alle nostre pagine. La riproduzione o altro uso di tutto o parte del Contenuto può essere effettuato solo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Il decenne americano ha fatto un salto di qualità: - Una grande mossa rischia di portare in breve tempo al ribasso e alla volatilità del mercato azionario