Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La medaglia d’oro olimpica cancellata: – Forse era troppo

Ingebrigtsen ha detto a NTB durante un incontro con i media sul nuovo libro del mio papà allenatore, Il metodo Gjerts.

Nel libro, l’allenatore di successo racconta una ricetta su come i suoi “figli” sono diventati alcuni dei migliori corridori del mondo. Sotto questo si trova la parola “supercompensazione”.

– Se fai la supercompensazione nel modo giusto, significa che stai guidando relativamente lontano. Poi prenditela comoda per un po’, prima di ottenere un’enorme “spinta” dal corpo in modo da recuperare, dice.

Il metodo è molto impegnativo, afferma Ingebrigtsen, e può fornire rapidamente feedback ai professionisti che lo provano. Menziona, tra le altre cose, il tempo che si avvicina al torneo della Diamond League a Firenze all’inizio di quest’anno. Poi suo figlio Jacob Ingbrigtsen ha stabilito un nuovo record europeo di 5.000 metri nel tempo di 12.48.45.

– al confine

– Eravamo appena al confine dopo 5000 metri Jacob a Firenze. Forse eravamo proprio lì, al confine con ciò che poteva resistere, dice Ingebrigtsen.

Poco dopo la competizione, il super talentuoso ha sviluppato un mal di gola che lo ha costretto a rinunciare alle partite di Bislet in casa.

– È del tutto possibile che questo sia stato il motivo per cui ha avuto mal di gola quando stavamo andando a Bislet, dice padre Ingbrigtsen, che continua:

Non sappiamo ancora dove abbia preso questa infezione. Forse era un piccolo extra. È andata bene, ma c’era molto pericolo, dice.

approccio individuale

Quando all’allenatore viene chiesto se lo usa spesso o se continuerà ad usarlo, l’allenatore dubita della risposta.

– noi. Staremo molto attenti e potrebbe trattarsi di un approccio più individuale che di gruppo.

READ  Infine, Jesus Corona è a posto con uno dei 'Big Five'

– Abbiamo già usato alcuni metodi di gruppo nella supercompensazione e si è rivelato molto sfortunato per alcuni. Farlo comporta un po’ di rischio, dice Ingbrigtsen.

Ciò è giustificato dal fatto che si può continuare a supercompensare finché gli atleti sono giovani e in buona salute. Su questo fronte, la medaglia d’oro olimpica Jacob (21) è quella che attualmente ha più possibilità.

Puoi farlo quando gli atleti sono relativamente giovani, in modo che si riprendano in seguito e abbiano un maggiore controllo sulla parte di recupero. Conclude che più un giocatore invecchia, più è difficile recuperare.