Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La medicina norvegese può essere efficace contro una grave malattia coronarica – VG

Buoni risultati: la società norvegese BerGenBio ha studiato l’effetto di un farmaco per i pazienti con pazienti Corona negli ospedali in Sud Africa e India. Foto: NIAID-RML

Un nuovo studio mostra che la medicina norvegese ha il potenziale per aumentare la percentuale di pazienti che vivono senza bisogno di terapia respiratoria del 50%.

Pubblicato:

Da ottobre BerGenBio è proprietaria dell’azienda norvegese Studia gli effetti dei farmaci Per i pazienti Corona negli ospedali in Sud Africa e India.

Lo studio mostra che per oltre il 50% dei pazienti ricoverati con Covid-19, il farmaco ha il potenziale per aumentare la percentuale di persone che vivono senza la necessità di terapia respiratoria. L’azienda lo annuncia in un comunicato stampa.

Il farmaco utilizzato nello studio si chiama Bemcentinib ed è stato effettivamente sviluppato per curare il cancro. Il motivo per testarlo su pazienti Corona è che il farmaco ha una proprietà che può costruire resistenza cellulare e quindi essere efficace contro molte malattie, secondo La medicina oggi.

Un campione casuale di pazienti ha ricevuto anche il trattamento standard per il solo coronavirus e il resto ha ricevuto anche bimentinib. Sono stati quindi valutati fino al giorno 90 per verificare se i pazienti che avevano ricevuto il farmaco avevano una migliore possibilità di sopravvivenza senza bisogno di un ventilatore.

PROF: Steiner Kvinsland Foto: Frederick Hagen

L’abilità intensa rimarrà una sfida

Il professor Stener Kvinnsland afferma che la necessità di cure intensive e ventilatori sarà essenziale anche dopo la vaccinazione. In precedenza ha presieduto i lavori del comitato investigativo sulla crisi di Corona.

READ  Scontri duri a Parigi - una manifestazione contro il passaggio obbligatorio di Corona - VG

Per il prossimo futuro, nonostante i recenti progressi nella vaccinazione, rimane una significativa necessità globale di trattamenti efficaci per i pazienti COVID-19 che forniscano benefici di sopravvivenza e allevino le esigenze di cure intensive ospedaliere, afferma Kvinnsland.

La società ha scritto in un comunicato stampa che per gli ospedali di tutto il mondo che combattono la pandemia, la mancanza di ventilatori è la sfida più grande.

– Nel sottogruppo di maggiore gravità, la sopravvivenza senza respiratore è stata osservata nel 90% dei pazienti trattati con pimentinib rispetto al 72% dei pazienti che hanno ricevuto il trattamento standard, scrive Bergenbio.

– Molto incoraggiante

Si prevede che il farmaco mantenga il suo effetto anche se emergono nuovi ceppi virali resistenti, perché è indipendente dalla proteina spike che causa la mutazione del virus. Lo ha affermato il professor Tom Wilkinson, che è il capo esaminatore del programma CCORD.

Il CEO dell’azienda, Richard Godfrey, afferma che il risultato è incoraggiante.

“La capacità di bimentinib di aumentare la sopravvivenza senza un ventilatore in oltre il 50 per cento dei pazienti ricoverati con COVID-19 è molto incoraggiante”, afferma Godfrey.

Continueremo a discutere questi risultati con le autorità di regolamentazione, l’industria e i partner governativi per definire i nostri prossimi passi.

READ  Notizie sul virus Corona, capo dell'OMS: potrebbe essere il primo caso di un dipendente in un laboratorio di Wuhan