venerdì, Giugno 21, 2024

La mia Liz e Mia Marie non hanno avuto altra scelta che diventare amiche in prigione

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

[email protected]

[email protected]

Il materasso vola fuori dalla porta, segno evidente che la nuova arrivata Mia Marie (31 anni) non è la benvenuta. Un compagno di prigionia ha deciso che è così Lei Chi è il capo, nessuno dovrebbe entrare qui!

Dopo un po’ di diplomazia da parte degli agenti penitenziari, divenne chiaro che non erano i detenuti a decidere chi avrebbe vissuto e dove. Mia Marie trova un posto al piano di sopra, dall’altra parte della stanza rispetto al lanciamaterassi. Il seminterrato appartiene a My Liz (41).

Sono fortunati ad avere solo tre ospiti in una stanza che può ospitare quattro persone.

-Soffro di un po’ di ansia. All’inizio era spaventoso condividere la stanza con altri e lei si arrabbiava moltissimo. “Quindi sono stata molto felice quando è arrivata Mia”, ha detto May a Liz.

Mia Marie (TV) è diventata l’amica di cui mia Liz aveva bisogno per sentirsi al sicuro quando doveva scontare la sua pena a Ravenbergite. Trascorrono la maggior parte della giornata parlando e uscendo insieme.

Brian Cliff Olguin

Ho trovato il tono con il nuovo arrivato. L’amicizia si è sviluppata rapidamente. Sia Mia Marie che Mia Liz apprezzano la pace e la tranquillità, preferibilmente un po’ lontane dalle folle rumorose. Si ride molto, si urla e si cammina nelle porte.

Malattia della puttana

“Raddoppio delle celle” nelle carceri maschili significa raddoppiare la capacità delle celle collocando due prigionieri in ciascuna cella. In Ravenberget raddoppiare significa in realtà triplicare e quadruplicare. A parte le celle della reception, che sono stanze private, la maggior parte delle celle sono dotate di due letti a castello e quattro armadietti con serratura.

È stretto, ma per molti anni è stato considerato sufficiente come prigione aperta per le donne. La convivenza pone grandi esigenze alla capacità di adattamento del detenuto.

-Ci sono molte persone esigenti e ingrate qui. Alcuni vanno in giro a lamentarsi degli altri e ad inventarsi cose per cambiare stanza. Molte maldicenze e intrighi. Così tante donne non vanno in un posto, è troppo intenso, dice Mia Marie.

Guarda fuori dalla finestra, dove Gloma fluttua silenziosamente laggiù, tra gli alti pini.

I detenuti godono di un grado di libertà relativamente ampio. Le porte delle stanze sono aperte e possono uscire quando vogliono. La sfida è la mancanza di privacy.

-La sala TV è sempre affollata di gente che discute su cosa guardare.

L’unico posto in cui puoi stare da solo è il bagno.

Senza privacy

A lei, che è entrata per prima nella stanza, piace che la notte sia luminosa, con la luce da lettura accesa e le tende tirate. Mia Marie deve indossare una maschera per dormire. La mia Liz apre la porta dell’armadio per bloccare la luce. In un certo senso funziona, purché non debbano discutere.

Brian Cliff Olguin

La mia Liz dice che la prima volta qui è stata difficile. Aveva l’ansia. Dopo aver trascorso la maggior parte del tempo da sola, ha dovuto abituarsi a vivere vicino agli altri. Nessuno vuole essere lì.

-Ho davvero lottato con il rumore. Ero un disastro nervoso, ma gli agenti qui sono molto bravi, mi hanno aiutato.

Pensano che sia meglio dormire vestiti addosso.

-Con così tanta gente intorno, non puoi sdraiarti nudo!

Storia: i precedenti residenti hanno lasciato molti messaggi importanti.

Storia: i precedenti residenti hanno lasciato molti messaggi importanti.

Brian Cliff Olguin

Circa il 70-80 per cento di coloro che vengono processati a Ravenbergheit hanno un problema di droga, stima l’agente senior ad interim Katherine Anebe. Molti di loro soffrono anche di malattie mentali.

-Abbiamo molta zavorra molto pesante. Può essere molto complicato, con problemi psicologici derivanti dalla violenza, dall’uso di droghe e dalla violenza contro i tuoi figli.

Katherine Annibe (TV) e Jill Espey dedicano molto tempo alla gestione dei conflitti.

Katherine Annibe (TV) e Jill Espey dedicano molto tempo alla gestione dei conflitti.

Brian Cliff Olguin

Gli edifici, un ex campo della Guardia Nazionale, non sono progettati per gestire queste cose. Non molto tempo fa, un prigioniero che mostrava segni di malattia mentale è stato confinato in isolamento.

Quando ha chiesto di uscire a fumare, le hanno chiesto di aspettare tre minuti affinché qualcuno la accompagnasse fuori. Quando arrivarono, era riuscita a farsi strada attraverso il muro nella stanza accanto e fuori dall’altra cella.

Non aveva tempo di aspettare. Successivamente, hanno ricevuto due cellule booster.

I preparativi rallentano man mano che la prigione si avvicina alla capacità massima e l’infermeria si riempie. Cercano di fornire sempre una stanza malata migliorata. Ciò non è sempre possibile quando i residenti non possono convivere a causa di ritiro, problemi psicologici o igienici o ferite aperte.

READ  La 'rivoluzione igienica' cinese: proteste contro il regime negli spazi pubblici

Mediatori dei conflitti

– Il servizio penitenziario si aspettava che affrontassimo questo problema senza soldi aggiuntivi, nota Anebe.

Jill Espey, presidente della NFF locale, afferma che i conflitti e la gestione dei conflitti tra ragazze occupano gran parte della giornata lavorativa del carcere.

-Ci sono conflitti quasi sempre. Un po’ di litigio, qui è soprattutto verbale. Si trovano in situazioni di vita così diverse che ci vuole un po’ per andare d’accordo al 100% con chiunque entri nella stanza insieme.

In fondo al corridoio vivono quattro membri della stessa famiglia: due sorelle e le rispettive mogli, tutte condannate per rapina nello stesso caso.  La cosa peggiore è stare qui, lontano dai bambini che vivono a casa in Romania, dice

In fondo al corridoio vivono quattro membri della stessa famiglia: due sorelle e le rispettive mogli, tutte condannate per rapina nello stesso caso. La cosa peggiore è stare qui, lontano dai bambini di casa in Romania, dice Elena.

Brian Cliff Olguin

Potrebbe significare mettere nella stessa stanza tossicodipendenti o persone che parlano una lingua comune.

I musulmani che hanno cinque orari di preghiera, di cui undici la sera e tre la sera, possono combinarli insieme. Ma quando l’occupazione raggiunge i 40 prigionieri, il puzzle diventa impossibile.

Differenza ingiustificata

Le camere quadruple per uomini sono state interrotte diversi anni fa. Qual è il motivo per cui la Raffenbergheit, nella quale gran parte dei seggi sono donne, continua ad essere gestita in questo modo?

Le celle contenenti tre o quattro persone non costituiscono di per sé necessariamente un’ingerenza nel diritto alla privacy ai sensi della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

È quanto scrive in una mail Thomas Berg, consigliere senior della Fondazione norvegese per i diritti umani. Ma il principio dell’isolamento è chiaramente stabilito nella legislazione e nella pratica nazionale, nonché nelle norme penitenziarie europee.

Brian Cliff Olguin

– Poiché si tratta di una questione di disparità di trattamento tra donne e uomini, si pone anche la questione se esista o meno una discriminazione. Non si può sostenere di spendere meno soldi per le detenute perché sono donne. La questione è se le autorità abbiano ragioni realistiche per cui alcune detenute trascorrono del tempo in celle da quattro persone, mentre i detenuti maschi no, dice Berg.

READ  - Non è accettabile in alcun modo che le convinzioni politiche influenzino la ricerca

Le risorse finanziarie possono essere considerate una giustificazione realistica, ma secondo Berg devono sempre essere valutate rispetto al peso individuale, allo stato di salute e alla durata della pena.

buone notizie

Il Servizio penitenziario affitta gli edifici dal comune di Sarpsborg e, dopo il dialogo con il comune, si stanno apportando le modifiche, come promesso dal Direttore delle comunicazioni della Direzione dei servizi penitenziari, Pál Espen Humber.

Si prevede che il consiglio comunale adotterà un nuovo piano per gli edifici carcerari nell’autunno del 2023. KDI ha chiesto a un architetto di progettare una nuova soluzione in cui le vecchie stanze vengono sostituite con celle individuali. Stanno anche valutando la possibilità di espandere la capacità della prigione sostituendo uno degli altri edifici più vecchi.

Ravenberget è una prigione dal 2006, prima che la Guardia Nazionale fosse di stanza qui.

Ravenberget è una prigione dal 2006, prima che la Guardia Nazionale fosse di stanza qui.

Brian Cliff Olguin

La speranza è quindi cresciuta, ma la pazienza dei dipendenti di Ravneberget è finita.

-È molto discriminatorio. Si dice che la Norvegia sia un paese paritario, ma non è vero. Catherine Anebe afferma che alla prospettiva delle donne viene sempre data meno priorità.

– La gente pensa che ci siano troppo poche donne in carcere, quindi vengono dimenticate, concorda Espey.

Ravenberget ha ospiti provenienti da tutto il paese, molti dei quali attualmente provengono dal Trøndelag e dalla Norvegia settentrionale. La distanza del viaggio e i costi conseguenti fanno sì che i loro parenti non li visitino. Un maggiore utilizzo delle chat su schermo mira a ridurre l’onere della suddivisione in zone in località remote.

Nonostante tutte le obiezioni contenute in questo articolo, Mia Marie e My Liz sono soddisfatte di come funziona la prigione, il cibo è buono e gli agenti carcerari sono bravi, secondo le due.

Mia Marie e la mia Liz

Mia Marie e la mia Liz

Brian Cliff Olguin

-Ma sarebbe stato molto più facile qui se avessimo avuto più privacy. La cosa migliore è poterne avere due nella stanza.

More articles

Latest article