Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La nostra democrazia muore in stanze chiuse • Budstikka

La nostra democrazia muore in stanze chiuse • Budstikka

Sembra che Hans A. Hveem abbia cercato su Google alcune note critiche sul programma di Rødt e le abbia riprodotte su Budstikka il 25 febbraio, ma il tentativo di mettere in discussione la comprensione della democrazia da parte di Rødt appare alquanto tiepido.

Non è rassicurante ricordare che Hafim trova difficile sottolineare che la pratica della maggioranza in Asker di decidere le questioni politiche in stanze chiuse è antidemocratica.

Le parole di Ibsen in “Un nemico del popolo” sui “nemici più pericolosi della verità e della libertà tra noi, la maggioranza compatta” avrebbero dovuto essere abbastanza chiare.

Ma invece di cercare di capire perché viene puntato, Hveem cerca gli errori in rosso.

Se lo stesso Hveem si fosse preso la briga di leggere il programma, si sarebbe sperato che si sarebbe accorto che scriviamo sulla nostra visione della democrazia e discutiamo il concetto in meno di 70 punti del programma.

Uno di questi punti afferma: “Per Reid il socialismo senza democrazia non è affatto socialismo. Un tale sistema presuppone l’appoggio (…) della maggioranza del popolo ».

Hveem sceglie alcune frasi nel programma e fa riferimento correttamente alla pagina e al paragrafo, e una di queste frasi è “Affinché i lavoratori abbiano il potere, è necessario un cambiamento fondamentale nei rapporti di potere: una rivoluzione socialista”.

Il tentativo di mettere in discussione la comprensione della democrazia da parte di Rodette sembra incerto, scrive il ricorrente a proposito della pubblicazione di Hans A. Hveem su Asker Høyre.

Foto: privato

Se l’avesse letto lui stesso, è strano che non abbia notato la frase sottostante che dice: “Noi in rosso vogliamo che la rivoluzione sia radicata democraticamente e pacificamente”.

READ  Vuoi più accademici che osano essere impopolari

Forse il punto antidemocratico qui dovrebbe derivare dal fatto che è Hafim a capire che le rivoluzioni devono essere antidemocratiche e possibilmente violente, ma poi bisogna ricordare che la società ha attraversato una “rivoluzione industriale” e una “rivoluzione verde”.

Entrambi i grandi cambiamenti sociali, descritti come rivoluzioni, senza che ci sia nulla di antidemocratico o violento in questo.

Red ha un approccio marxista alla comprensione della società e di come potrebbero essere possibili differenze di classe.

Dare secondo le capacità e assecondare il bisogno non è più antidemocratico di quanto fino a pochi anni fa era largamente accettato nella classe ampia anche nel movimento socialdemocratico, e anche per molti è ancora un buon obiettivo.

Il fatto che alcuni tiranni e dittatori abbiano rubato il concetto di Marx nel secolo scorso e sviluppato alcuni dei paesi meno democratici che conosciamo non è decisivo per noi nel respingere la teoria di base di Marx.

Crediamo che il tentativo di minare la volontà di democrazia facendo riferimento alla storia del partito sia basato sulla sua illogicità.

Rødt è stata fondata nel 2007 e si è più volte accordata con la politica dei suoi predecessori, poiché i nostri oppositori politici non immaginavano gli accordi precedenti.

Un compromesso simile potrebbe essere fatto con frammenti di storia per i conservatori, ad esempio per quanto riguarda la posizione del partito sul colpo di stato in Cile nel 1973, il colpo di stato in Grecia nel 1967 e il sostegno del Segretario di Stato conservatore all’intervento americano in America centrale. Nel 1984, alla menzione di qualcosa.

Se vogliamo usare la storia per argomentare il nostro punto, dobbiamo usare l’intera storia.

READ  'Sig. Plankton' Netflix K-Drama Rom-Com: tutto ciò che sappiamo finora