Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La nuova strategia offre ai ricercatori più potere contro gli editori

Per NTNU, è importante che tutta la conoscenza sia resa disponibile a tutti. Per i singoli ricercatori, ciò significherà che si connetteranno con più persone, afferma Tor Grande, vicepresidente della ricerca.

La strategia si chiama Strategia di conservazione ed entrerà in vigore il 1 ottobre di quest’anno. Tradotto liberamente, riguarda i diritti di possedere, utilizzare, monitorare e archiviare le proprie ricerche. Gli editori non saranno più lasciati con entrambe le parti dopo aver pubblicato un articolo accademico in una delle loro riviste.

fatti

Maggiori diritti alla propria ricerca

La strategia di conservazione per i ricercatori riguarda la libertà di possedere, utilizzare, monitorare e archiviare le proprie ricerche.

  • La pratica prevedeva che gli editori lavorassero con un divieto sugli articoli pubblicati prima che i ricercatori potessero pubblicare dove vogliono e rendere immediatamente disponibile la ricerca.
  • Questa linea di ragionamento è supportata dal Piano S.
  • Plan S è un’iniziativa per l’accesso aperto alla ricerca finanziata con fondi pubblici.
  • L’iniziativa è stata lanciata da una coalizione di finanziatori europei della ricerca, la Coalition S.
  • La nuova strategia significa che i ricercatori sono liberi di utilizzare il più recente manoscritto sottoposto a revisione paritaria prima che venga pubblicato in riviste chiuse.
  • Gli editori temono che l’accesso aperto significhi cattive finanze per loro perché potrebbero perdere le entrate dell’abbonamento.
  • UiT – L’Università Artica della Norvegia ha introdotto la strategia RR per la prima volta in Norvegia. Ora, anche NTNU ha adottato una tale strategia. Molte università norvegesi stanno pensando di fare lo stesso.

NTNU sarà la seconda università in Norvegia a offrire questa strategia. Il primo è stato UiT, la Norwegian Arctic University, che ha introdotto una strategia di fidelizzazione dal 1° gennaio di quest’anno. In Europa e negli Stati Uniti, numerose istituzioni hanno già introdotto questa strategia.

L’UiT era tipico all’inizio. Li abbiamo ispirati”, dice Grande.

Sta più liberamente in relazione alle riviste chiuse

Lo sfondo di ciò che sta accadendo ora è il Piano S, lanciato nel 2018 da una coalizione di finanziatori europei della ricerca (Coalition S) e garantirà che i risultati di tutte le ricerche finanziate dalla coalizione siano immediatamente disponibili. Nel 2020 hanno introdotto la Strategia di conservazione dei diritti per raggiungere questo obiettivo.

Le università norvegesi stanno ora seguendo l’esempio.

Con la nostra strategia, i ricercatori possono pubblicare dove vogliono e la strategia consente anche l’accesso aperto alla ricerca pubblicata su riviste chiuse, afferma Sigurd Eriksson, direttore della Biblioteca NTNU.

La decisione di NTNU sulla nuova strategia affermava quanto segue:

READ  Lo slancio per proteggere il Mare del Sud sta crescendo

«Introducendo una strategia di conservazione dei diritti, la trascrizione integrale di tutti gli articoli accademici sarà resa immediatamente disponibile al pubblico senza divieto e indipendentemente dal luogo di pubblicazione e dal finanziatore. Ciò aiuterà NTNU a raggiungere l’obiettivo di rendere tutte le pubblicazioni accessibili il più rapidamente possibile. “

«I ricercatori si riservano il diritto di distribuire e utilizzare testi e altri materiali da loro stessi prodotti. Possono anche pubblicare liberamente quello che vogliono, e allo stesso tempo possono caricare e rendere disponibili copie complete del loro lavoro negli archivi scientifici. “

Nessuna responsabilità individuale

I ricercatori non finirebbero in una disputa tra NTNU, che vuole il maggior accesso possibile, e gli editori che insistono su una scadenza prima che gli articoli diventino disponibili al pubblico?

Con questa strategia, è la Fondazione che ha la responsabilità legale di garantire i diritti sul manoscritto. Tour Grande sottolinea che non sarà una responsabilità esclusiva.

Finora è stata una navigazione tranquilla

Quindi la UiT Arctic University of Norway può vantarsi di aver presentato per prima la strategia.

L’UiT è stata molto avanti quando si tratta di scienza aperta. C’era entusiasmo per questo a casa qui. Quindi è stato naturale per noi fare il passo successivo, afferma Camilla Breck, vicepresidente dell’università per la ricerca e lo sviluppo.

Camilla Brikke è Vice Cancelliere della UiT Arctic University of Norway

Brick dice che le esperienze dei primi sei mesi sono state buone. Non ci sono state reazioni da parte delle case editrici ei ricercatori non hanno colto l’occasione che avevano per trattenersi dal rendere la ricerca il più accessibile possibile.

Il vicepresidente della NTNU afferma che, a sua conoscenza, non sono stati molti i casi in cui gli editori hanno criticato i singoli ricercatori che hanno intrapreso l’autoarchiviazione in violazione delle normative delle riviste. Gli editori hanno scelto di non ricavarne un numero.

Brikki afferma che a Tromsø l’introduzione della strategia è stata accolta con interesse internazionale. Tra l’altro, UiT ha tenuto conferenze su questo argomento all’Università di Stoccolma.

Vogliamo che più persone facciano le nostre stesse cose. Questo aiuta a fare pressione sugli editori. Non accettiamo scadenze stabilite dagli editori e pubblichiamo l’ultimo manoscritto sottoposto a revisione paritaria nei nostri archivi.

Non sono gli articoli di ricerca pubblicati a finire negli archivi aperti delle istituzioni, ma i più recenti manoscritti sottoposti a revisione paritaria.

READ  L'informazione e la formazione per i giovani con narcolessia o ipersonnia rimane idiopatica

È gratificante che NTNU segua l’esempio e speriamo che più organizzazioni nel nostro settore seguano l’esempio, afferma il vicecancelliere Camilla Brikki di UiT.

Editori critici

Come Khrono ha menzionato primaI giganti dell’editoria nel 2021, tra l’altro, si sono opposti alla strategia di conservazione dei diritti.

In una lettera aperta firmata da più di 50 parti interessate, tra cui Elsevier, Springer Nature, Taylor & Francis e Wiley, gli editori hanno scritto che ciò mette in discussione le entrate necessarie per finanziare vari lavori editoriali, incluso “il processo di revisione tra pari, che è considerato rilevante valore critico ed è fondamentale per validare i risultati”.

Hanno inoltre affermato che la strategia Plan S “elimina la possibilità di addebitare commissioni per i servizi forniti dagli editori, tramite abbonamenti o spese di pubblicazione (commissioni di elaborazione degli articoli)”. Hanno concluso che “la strategia di conservazione non è economicamente sostenibile e mina il potenziale supporto per le riviste ad accesso aperto”.

Gli editori credevano anche che avrebbe “minato l’integrità della copia pubblicata (la copia del record)”.

È stato affermato che la strategia “non tiene conto delle libertà accademiche di lunga data” e che funzionerebbe per un “obiettivo comune di un ecosistema scientifico più aperto ed equo”.

Stagnazione nei manoscritti autoarchiviati

Sia UiT che NTNU hanno adottato il modello di Harvard. Coinvolge le organizzazioni che pubblicizzano sui loro siti Web che hanno una strategia di fidelizzazione. Un altro modello è che i ricercatori stessi siano responsabili dell’inserimento del testo che afferma che si riservano i diritti quando inviano articoli alla rivista. I ricercatori NTNU dovrebbero evitarlo.

A livello internazionale, ci sono importanti università che hanno già adottato una strategia di conservazione dei diritti. Il presidente dell’università Tor Grande ha menzionato alla NTNU Harvard, Stanford, Trinity e Oxford.

Gran parte di coloro che finanziano la ricerca richiedono l’accesso aperto e l’autoarchiviazione.

Quindi c’è pressione da tutte le parti per la ricerca più aperta possibile. Tuttavia, Grande vede una tendenza che non gli piace.

– La mia preoccupazione è che la percentuale di articoli auto-archiviati in NTNU sia stagnante e sia tornata un po’ indietro. Gran parte delle nostre pubblicazioni non sono ancora disponibili per tutti, dice.

Il vicecancelliere spiega questo sviluppo dicendo che ci sono post che possono essere archiviati da soli, ma ciò non è avvenuto. In questo contesto, sottolinea l’importanza dell’editoria co-internazionale. Più del 50 percento degli articoli su NTNU sono pubblicati insieme a partner internazionali. In caso di autoarchiviazione è richiesto il consenso di tutti gli autori.

READ  In Norvegia sono state trovate medaglie di 1500 anni

– Non ho una buona risposta sul motivo per cui si è fermato. Questo è qualcosa a cui dobbiamo prestare maggiore attenzione all’interno di NTNU.

L’economia è un fattore importante

Per gli editori era molto redditizio pubblicare riviste scientifiche. Il modello di business era semplice: altri finanziano i ricercatori e la ricerca, mentre gli editori guadagnano molto dagli abbonamenti che danno alle istituzioni e ad altri l’accesso agli articoli di ricerca.

L’aspetto finanziario è un motivo importante per cui NTNU sta ora introducendo questa strategia. I modelli finanziari negli accordi editoriali oggi non sono economicamente sostenibili. Il direttore della biblioteca Sigurd Ericsson afferma che la strategia adottata è un potenziale strumento che può influenzare l’ulteriore sviluppo nella giusta direzione.

NTNU vuole un modello di business in cui tutto sia aperto. Grandi sottolinea che gli accordi in vigore oggi in Norvegia non contribuiscono alla trasparenza che vorrebbero.

– C’è stata una crescita nel numero di pubblicazioni in Norvegia, che ci ha portato a utilizzare la quota alla fine dell’anno. Ciò significa che alcuni dei nostri articoli di giornale non si apriranno se non paghiamo molto, e l’abbiamo fatto, dice Grande.

Strategia di studio UiO e UiB

Altre università stanno seguendo con impazienza lo sviluppo. Il direttore della biblioteca Randy Halvge Eversby dell’Università di Oslo (UiO) afferma che in autunno esamineranno una strategia per i diritti istituzionali.

Una tale strategia promuoverebbe l’autoarchiviazione come una reale alternativa per soddisfare i requisiti di accesso aperto, afferma.

Anche l’Università di Bergen sta valutando la possibilità di lanciare la strategia in autunno.

– Sì, stiamo discutendo la politica dei diritti istituzionali, che può sollevare i ricercatori dalla responsabilità e dal lavoro di garantire i diritti dei loro articoli dagli editori stessi, sottolinea Benedict Carlsen, vicepresidente per la ricerca e le relazioni internazionali.

Quest’anno Sikt negozierà con 12 editori per conto del settore. I grandi accordi devono essere rinnovati. Un principio importante sarà l’accesso illimitato alla pubblicazione pubblica nelle riviste dell’editore.

L’accesso aperto come parte della scienza aperta è un cambio di paradigma, osserva il vicecancelliere Tor Grande di NTNU.