Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La scarsità di cibo è causa di disordini politici, conflitti e guerre

  • Roberto Rodriguez

    Ex ministro brasiliano dell’agricoltura

  • Jens Ultrafit Mo

    Capo di Umoe

La maggior parte delle importazioni norvegesi di soia proviene dal Brasile. Foto: un agricoltore controlla la produzione di soia vicino a Campos Lindos. Foto: Osli Marcelino / Reuters / NTB

Cibo e pace sono strettamente correlati.

Discussione
Questo è l’argomento di discussione. Le opinioni espresse nel testo sono a carico di chi scrive.

L’esperta agraria brasiliana Alison Paulinelli è Nominato per il Premio Nobel per la Pace Per i suoi sforzi nel produrre cibo in Brasile e nel resto del mondo tropicale. L’anno scorso Premio del Programma alimentare delle Nazioni Unite.

Produrre cibo di qualità è la chiave per la pace.

Negli anni ’70, il Brasile era un importatore netto di alimenti. Ampie parti del paese erano considerate inadatte alla produzione alimentare. Ma attraverso investimenti in scienza e tecnologia e nello sviluppo delle capacità umane, il Brasile ha rivoluzionato l’agricoltura.

Oggi, il Brasile è il quarto produttore alimentare al mondo. In Norvegia dipendiamo in particolare dalla soia brasiliana per la produzione di salmone.

La scarsità di cibo porta al conflitto

L’esperta agricola Alison Paulinelli è stata la mente dietro la rivoluzione alimentare brasiliana. Paolinelli ha guidato il balzo in avanti del Brasile nell’agricoltura dando priorità alla scienza. Innovare un nuovo modo per coltivare l’agricoltura tropicale. Questo lo rende meritevole del Premio per la Pace per diversi motivi.

In primo luogo, la carenza di cibo o l’aumento della spesa per il cibo portano a disordini politici, conflitti e guerre. Azione contro la fame ha mostrato in un rapporto che nel 77% di tutti i conflitti nel mondo, la scarsità di cibo è una delle tante. I driver sono dietro il conflitto.

READ  Discussione, messaggio del lettore | "Koronapass = Dittatura"

Il genere Ulltveit-Moe è il capo di Umoe. Roberto Rodriguez, ex ministro dell’Agricoltura, Brasile. Foto: Ole Gunnar Onsøien / NTB / Edilson Rodrigues

L’agricoltura è l’attività principale della popolazione nella maggior parte dei paesi poveri, allo stesso tempo questa popolazione è anche più vulnerabile alle conseguenze di guerre e conflitti. Produrre cibo a sufficienza, oltre a mantenere la spesa per il cibo a un livello che anche i poveri possono permettersi, è essenziale per mantenere la pace e la stabilità. Il Brasile l’ha fatto – molte grazie ad Alison Paulinelli.

La carenza di risorse può essere risolta

In secondo luogo, il modo in cui produciamo il cibo è importante per prevenire guerre e conflitti. Un esempio di ciò è la mancanza d’acqua.

La carenza d’acqua può portare a conflitti tra diversi gruppi, come gli agricoltori residenti e i nomadi che allevano bestiame. La soluzione ai conflitti derivanti dalla mancanza di risorse è aumentare l’efficienza dell’agricoltura in modo che ce ne sia abbastanza per tutti.

Paolinelli lo ha evidenziato. Pertanto, la sua candidatura è sostenuta anche da accademici e istituzioni di diversi paesi africani.

La condivisione della conoscenza è la chiave

La terza ragione per assegnare il Premio Nobel per la Pace a Paulinelli è che ha lavorato per tutta la vita per garantire che le conoscenze e le esperienze acquisite dal Brasile fossero condivise con il mondo intero.

Il direttore dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’agricoltura ha dichiarato: “Per gettare i semi della pace, abbiamo prima bisogno degli stessi semi e degli agricoltori che li coltivano!”

Alisson Paolinelli lavora secondo questo motto. Il premio per la pace per lui sarebbe il riconoscimento che cibo e pace sono strettamente correlati.