Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Agenzia spaziale europea interrompe la cooperazione con la Russia. Anche il rover europeo di marzo non verrà rilasciato quest’anno

L’Agenzia spaziale europea cercherà delle alternative.

A settembre, l’Agenzia spaziale europea (ESA) avrebbe dovuto inviare il suo primo rover su Marte.

La NASA ora ha due rover che operano su Marte: Curiosity e Perseverance. La Cina ne ha uno.

Anche la navicella spaziale dell’Agenzia spaziale europea, Rosalind Franklin, doveva essere installata, ma il lancio è stato posticipato nel 2018 e nel 2020.

Ora l’organizzazione spaziale ha chiarito che anche quest’anno non ci sarà alcun lancio.

L’Agenzia spaziale europea ha collaborato con l’agenzia spaziale russa Roscosmos al programma ExoMars.

In un comunicato stampa L’Agenzia Spaziale Europea annuncia la sospensione della cooperazione a causa della guerra in Ucraina e delle sanzioni imposte alla Russia dagli Stati membri.

Impossibile continuare

La decisione è stata presa in una riunione a Parigi il 16-17 marzo.

L’Agenzia spaziale europea ha scritto che si rammarica profondamente per le vittime umane e per le tragiche conseguenze dell’aggressione all’Ucraina.

“L’Agenzia spaziale europea è pienamente in linea con le sanzioni che gli Stati membri hanno imposto alla Russia”.

L’agenzia spaziale ha scritto di riconoscere che al momento è impossibile continuare la cooperazione con Roscosmos per il lancio nel 2022.

Il rover doveva essere lanciato con un missile russo Proton-M. Viene chiamata la barca da sbarco KazachukAnche la Russia era responsabile. Inoltre, Roscosmos ha sviluppato strumenti tecnici e scientifici per la missione.

due parti

La prima parte del programma ExoMars è stata completata nel 2016. In quel momento è stata lanciata la sonda spaziale Trace Gas Orbiter.

Ora è in orbita attorno a Marte ed è progettato per studiare gas rari nell’atmosfera di Marte, come il metano. Il metano è interessante perché può essere prodotto da organismi viventi e si decompone abbastanza rapidamente nell’atmosfera marziana.

La seconda parte del programma è l’invio del rover Rosalind Franklin. Il Trace Gas Orbiter migliorerà la connessione tra il rover e la terra.

Il rover sarà il primo a perlustrare la Terra sulla superficie di Marte. È in grado di prelevare campioni fino a due metri da terra.

L’obiettivo principale è scoprire se c’è vita su Marte, o se può ancora essere trovata lì, Secondo Store norske leksikon.

Più vecchio nel 2026

L’ESA studierà ora le sue alternative.

Su Conferenza stampa 17 marzoIl CEO Joseph Asbacher ha affermato che un lancio nel 2022 senza Roscosmos è impossibile.

L’Agenzia spaziale europea esaminerà se intende intraprendere il progetto da sola o stabilire una cooperazione con altri partner. Ciò aumenterà i costi, Secondo la BBC. Asbacher ha dichiarato in conferenza stampa che oltre un miliardo di euro è già stato investito nel progetto ExoMars da parte europea.

Senza Roscosmos, ha detto, il lancio nel 2026 sarebbe l’occasione più vicina, ma sarebbe anche molto difficile.

“La cooperazione con la NASA è un’alternativa che prenderemo in considerazione”, ha affermato Asbacher. Secondo Spacenews.

David Parker in conferenza stampa ha affermato che se la cooperazione con Roscosmos verrà ripristinata, il lancio nel 2024 potrebbe essere possibile. È il direttore del volo spaziale con equipaggio e della robotica spaziale presso l’Agenzia spaziale europea.

delusione e speranza

Parker ha affermato che la prima parte del programma ExoMars, il Trace Gas Orbiter, sta “producendo davvero una scienza straordinaria”, restituendo la maggior parte dei dati dai rover della NASA.

“Ma in nessun modo posso nascondere la delusione delle persone che sono state coinvolte in questo progetto per così tanti anni”, ha detto Parker.

Ha anche affermato che nessun altro aveva costruito una macchina in grado di cercare la vita passata su Marte nello stesso modo in cui avrebbe dovuto fare il rover Rosalind Franklin.

– Siamo molto orgogliosi di ciò che abbiamo ottenuto finora. Marte ha 4,5 miliardi di anni, quindi dobbiamo solo aspettare qualche anno prima che riveli tutti i suoi segreti e forse risponda alla domanda di base: c’era vita su Marte prima?

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai feedback, domande, lodi o critiche? O consigli su qualcosa di cui scrivere?

READ  IL DIRETTORE DI PAR EXPLORA MAGALLANES INCONTRA LA SCIENZA DELLA MACROZONE AUSTRALIANA CEREMI PER COORDINARE LE PROSSIME ATTIVITÀ