Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

LaMia 2933: l’incidente aereo che ha spazzato via una squadra di calcio

Erano animali domestici in campagna. Il piccolo club di Chapeco nel sud del Brasile. La Chapecoense gioca a livelli più bassi da 30 anni, ma sta iniziando a scalare avventurosamente nelle sezioni. Dalla quarta divisione a metà degli anni 2000 alla promozione nell’attuale Prima Divisione nel 2013.

Nel 2015 si sono assicurati un buon posto nel campionato italiano, avendo avuto la possibilità di giocare contro grandi squadre del resto del Sud America nella Copa Sol Americano, l’equivalente sudamericano dell’Europa League.

Si dice che la squadra “giochi con 13 uomini”. Il dodicesimo è un pubblico di casa inarrestabile, e il tredicesimo è una pioggia che cade sempre e rende le partite allo Chapeco un incubo per le squadre ospiti”, scrive. NRK giornalista Arnt Sefansen, per la squadra che ha raggiunto la finale di Copa Sol nel 2016.

(L’articolo continua sotto l’immagine).

I giocatori della Chapecoense festeggiano la vittoria contro il San Lorenzo nelle semifinali di Copa Sudamericana. Non hanno raggiunto le finali. Foto: Paulo Whitaker/Reuters

aerei charter

Dovevano incontrare l’Atlético Nacional di Medellin in Colombia nella finale di Copa Sol. Doveva essere suonato a Medellin il 30 novembre. Non hanno raggiunto quella finale.

Il 28 novembre il team volerà in Colombia con LaMia Airlines noleggiato dalla Bolivia. A causa delle regole di volo dell’ICAO, la compagnia non è autorizzata a volare direttamente tra il Brasile e la Colombia, poiché proviene dalla Bolivia. Pertanto, la squadra di calcio ha dovuto prima effettuare voli di linea da San Paolo a Santa Cruz in Bolivia, dove era pronto un LaMia Avro RJ85 per portarli a Medellin.

È qui che vengono prese decisioni fatali, con conseguenze disastrose per le 77 persone a bordo.

Cogli l’occasione per non fermarti

La distanza tra le due città è interamente all’interno della zona di confine della gamma di aerei passeggeri a quattro motori. Era già stato deciso tra il capitano e il suo primo collega che l’aereo avrebbe dovuto fare scalo a Cogiba, al confine tra Bolivia e Brasile, per assicurarsi carburante sufficiente, ma ciò non è avvenuto.

READ  Stein Eric Hagen: - Finalmente sono felice

L’aereo decolla da Santa Cruz carico di 9.037 kg di carburante e l’equipaggio prevede di utilizzare 8.858 kg di carburante per il volo. Il capitano ne approfitta per gestire la distanza senza intermediari. Il volo era già in ritardo quando un giocatore voleva prendere un videogioco dal suo bagaglio e il capitano temeva che non sarebbe arrivato a Kogibba prima che l’aeroporto chiudesse per la notte.

Le spie luminose si accendono

Tre ore dopo l’inizio del volo, alle 21:16, in cabina di pilotaggio iniziano a comparire avvisi di carburante. L’aereo è quindi a 143 km da Bogotà, il principale aeroporto della Colombia, mentre rimane a 333 km da Medellin. Il capitano sceglie di non interrompere, ma prosegue in direzione di Medellin.

Alle 21:30 avevano raggiunto lo spazio aereo di Medellín e avevano iniziato ad atterrare. Lì, l’aereo si blocca. Un altro aereo ha problemi ed è considerato prioritario dai controllori del traffico aereo. Il capitano ha scelto di non segnalare che i livelli di carburante dell’aereo erano pericolosamente bassi.

Solo quando gli viene detto che devono aspettarsi un ulteriore ritardo viene informato che dovrebbe essere data loro la priorità. Alle 21:49, il volo numero 2933 è stato immediatamente autorizzato ad atterrare.

Alle 21.52 il capitano annunciò di aver finito il carburante e un minuto dopo i motori sul lato destro si fermarono. Dopo circa due minuti si sono spenti anche gli ultimi due motori. Oltre al fatto che i motori hanno smesso di funzionare, la cabina ha segnalato anche problemi elettrici. Alle 21.55 i controllori del traffico aereo perdono il contatto con l’aereo.

– caduto dal cielo

– Era molto tranquillo. Non sapevamo nulla del sistema di altoparlanti. Poi abbiamo iniziato a cadere.

Non ci sarà nessuna esplosione quando LaMia 2239 colpirà la vetta del monte Cerro Gordo fuori Medellin. Nessun carburante rimasto che potrebbe prendere fuoco. L’aereo è ancora diviso in due parti e le parti dell’aereo sono distribuite su una vasta area. Delle 77 persone a bordo, 71 sono morte, 19 delle quali calciatori e 21 giornalisti.

Non molte persone sulla terra hanno vissuto quel momento prima. Un secondo sei sulla buona strada per realizzare i tuoi sogni con tutti i tuoi amici e tutti sono felici. Poi il giorno dopo tutto va in aereo e cade dal cielo Jackson Follman ricorda il contrario Tribuna dei giocatori. Il portiere è stato uno dei tre giocatori a sopravvivere all’incidente, ma ha dovuto amputargli una gamba e non poteva più giocare per il club.

– Dentro l’aereo non puoi fare niente. Non puoi correre, non puoi piangere o chiedere aiuto. Non puoi nemmeno chiedere perché. Tutto quello che puoi fare è pregare e lasciare la tua vita nelle mani di Dio.

Jackson Follman, Alan Rochelle e Helio Neto sono stati gli unici tre giocatori a sopravvivere all'incidente.  Qui durante una conferenza stampa del 2017. Foto: Fredy Builes/Reuters

Jackson Follman, Alan Rochelle e Helio Neto sono stati gli unici tre giocatori a sopravvivere all’incidente. Qui durante una conferenza stampa del 2017. Foto: Fredy Builes/Reuters

“ragazzo angelo”

Uno dei primi ad arrivare sulla scena è stato il quindicenne Johann Alexis Ramirez. Soprannominato “The Boy Angel” per i suoi sforzi sulla scena durante i primi minuti del caos. Lui e suo padre conoscevano la montagna e sono stati in grado di guidare le squadre di soccorso attraverso il fango e l’oscurità fino a quando non sono arrivati ​​in tempo per trovare i sopravvissuti. Lui e suo padre hanno anche partecipato al salvataggio di tre sopravvissuti.

Hanno iniziato a prendere i feriti, ma poi si sono fatti strada e sono andati lentamente, quindi abbiamo detto loro che era un modo più facile e veloce, ha detto il colombiano.

Il mondo del calcio è in lutto

La mattina dopo l’incidente aereo, Chapeco si sveglia alla notizia della partenza della squadra di calcio. Solo tre dei 22 giocatori della squadra sono sopravvissuti. Inoltre, c’è un tecnico aeronautico, un assistente di volo e un giornalista che sono tornati vivi dall’incidente.

L’intero mondo del calcio era in lutto. L’Atletico National si è offerto di premiare la Chapecoense per vincere la finale di Copa Sol in onore dei morti. Squadre di tutto il Brasile hanno fornito giocatori gratuiti in modo che la squadra potesse risorgere e ci sono stati messaggi di simpatia da tutto il mondo.

Il mondo del calcio ha sofferto in passato di tragedie aeree, sia l’incidente di Superga, quando i campioni d’Italia del Grande Torino persero 18 giocatori, sia l’incidente di Monaco, quando il Manchester United perse otto giocatori.

Tuttavia, questa è stata più di una tragedia calcistica: è stato un crimine.

Le finanze discordanti della compagnia aerea

Un aereo di questo tipo si è schiantato fuori Medellin, in Colombia.  Foto: Reuters/NTB scanpix

Un aereo di questo tipo si è schiantato fuori Medellin, in Colombia. Foto: Reuters/NTB scanpix

La compagnia aerea La Mia ha avuto grandi difficoltà finanziarie e anche il capitano Miguel Quiroga era comproprietario della compagnia aerea. L’azienda era specializzata in squadre di calcio volanti, ma aveva molte difficoltà. L’assicurazione per l’aereo è scaduta e il capitano ha accusato la riluttanza a fare rifornimento dovuta alla situazione finanziaria della compagnia. Dovrebbero anche aver percorso in precedenza la stessa distanza con il minimo di carburante.

L’Air Accident Investigation Board ha concluso che i piloti hanno presentato un piano di volo incompleto senza pianificare adeguate riserve di carburante. E di recente, nel settembre di quest’anno, è stato arrestato il controllore del traffico aereo, che ha approvato il piano di volo prima che l’aereo partisse per la Bolivia. Il controllore del traffico aereo boliviano si è nascosto in Brasile dall’incidente, quando credeva di essere perseguitato dalle autorità boliviane.

A dicembre, la compagnia aerea ha ricevuto la sospensione della licenza di volo dalle autorità aeronautiche boliviane e poco dopo ha dichiarato bancarotta.