Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le scuole in bianco e nero ci mostrano come l’Islam ha conquistato l’Europa

L’Islam permea tutti i livelli nelle scuole dove i musulmani sono ben rappresentati. Questo è vero in tutta l’Europa occidentale. I programmi di studio vengono modificati o censurati e gli studenti si stringono a vicenda nel pugno di ferro islamico. Nessuno sembra sapere come fermare l’evoluzione, perché nessuno ha mai decifrato il codice: come modernizzare e umanizzare l’Islam? Beh, forse non è possibile. Perché allora l’Islam deve prendere le distanze dal suo profeta Maometto. Come faranno a farcela senza che l’Islam crolli come un castello di carte?

“Siamo deboli e spesso penso: loro hanno vinto e noi abbiamo perso. questo è L’insegnante scriveSusan Fessinger in Austria nel libro A Flame of Fire. “Loro” sono studenti musulmani e “noi” siamo europei. Le scuole viennesi a maggioranza musulmana sono un monito di ciò che presto diventerà una realtà anche nelle principali città norvegesi. Gli insegnanti indossano abiti “modesti”, vengono picchiati, le studentesse chinano il capo e guardano timidamente, e le scuole scelgono la sottomissione pura. Le madrasse hanno permesso al pugno di ferro islamico di prendere piede. Il dinosauro islamico etico vaga sia nelle aule che nei cortili delle scuole. La preghiera è più importante dell’istruzione e le scuole producono perdenti sociali.

Le società islamiche in crescita hanno una presa ferrea sugli individui. Wiesinger tuona a questa conclusione “religiosa”:

Non abbiamo più la forza di combattere la mentalità religiosa dei nostri studenti. È troppo forte. Siamo molto deboli.

un altro libro

Ora è stato pubblicato un altro libro su queste circostanze. Il nome dell’autore è Jean-Pierre Aubin, un nome che avevamo già notato nei primi anni 2000. Era la mente dietro il cosiddetto “Rapporto Aubin”, che riguardava specificamente lo status dell’Islam nelle scuole francesi. Il rapporto è stato completato e consegnato alle autorità nel 2003, ma si è tentato di nasconderlo in un cassetto. Nel 2004, è trapelato al pubblico e ha scosso la nazione. Il rapporto, preparato all’epoca dal governo, rivelava un quadro così brillante dell’influenza degli islamisti nelle scuole che il governo lo avrebbe passato sotto silenzio. Obin e 10 ispettori dell’istruzione hanno visitato un gran numero di scuole nelle zone residenziali a maggioranza musulmana. Hanno affrontato una realtà in completo conflitto con i valori dello Stato francese, particolarmente associato al sessismo e all’odio per gli ebrei. Il rapporto ha rivelato 18 anni fa che l’antisemitismo era diffuso, che gli studenti ebrei erano soggetti ad abusi verbali e fisici e che l’insegnamento dello sterminio degli ebrei nei campi di concentramento di Hitler era una pratica ad alto rischio di rivolte e boicottaggi. Il rapporto ha anche rivelato forti e diffuse pressioni sulle ragazze musulmane affinché si coprissero con il velo. Questo rapporto è stato uno sfondo importante quando la Francia ha imposto il divieto di “appariscenti simboli religiosi” nelle scuole pubbliche nel nuovo anno scolastico alla fine dell’estate 2004.

READ  Profondità del mare: colore unico - 7 modelli

Ora il libro di Aubin, Come l’Islam penetra nella scuolaE il Tradotto in danese. Le condizioni attuali nelle scuole sono diventate da tempo tali che sempre più scuole in Francia operano non secondo il principio laico francese (“laïcité” in francese), ma in misura maggiore secondo gli standard religiosi e islamici.

La situazione nel sistema scolastico pubblico francese è disperata in molti luoghi.

L’autocensura è la regola piuttosto che l’eccezione, quando gli insegnanti insegnano la religione e come funziona uno stato laico, non basato sulla religione. Dopo che l’insegnante Samuel Paty è stato brutalmente decapitato nel 2020, che ha osato discutere e mostrare caricature del profeta Maometto (dopo aver detto agli studenti che non erano tenuti a partecipare), probabilmente ci saranno esattamente 0 insegnanti che oseranno fare qualcosa del genere in futuro.

Almeno due terzi degli ebrei francesi hanno lasciato il sistema scolastico pubblico e si sono trasferiti in scuole private. L’antisemitismo tra molti studenti musulmani lo rende leggermente comprensibile.

I musulmani in Francia di seconda e terza generazione si allontanano dalla forma di governo democratica più dei loro genitori. Gli studenti musulmani sono ostili alla scienza in numero molto maggiore rispetto ad altri gruppi. Solo il sei percento. Crede che la teoria dell’evoluzione sia il miglior sforzo scientifico nello sviluppo umano.

Il 68% degli studenti musulmani consente alle sentenze religiose di avere la precedenza sulla legislazione vigente.

Violenza in sostanza

Allo stesso tempo, tutto ciò avviene sullo sfondo di una maggiore disponibilità alla violenza tra gli studenti di origine islamica. Rompere un bullo è la legge in molte scuole francesi.

READ  Mentre aspettiamo la Russia...

Obin credeva che i problemi potessero essere risolti aderendo a norme secolari. L’abbiamo già sentito. Chiaramente, Obin non ha colto ciò che è ovvio per molti di noi: la cultura disfunzionale degli stati falliti si è spostata insieme al fardello dell’Islam attraverso l’immigrazione. L’Islam non poteva sottomettersi all’umanizzazione e alla modernizzazione.

Calciando ripetutamente Obin verso il lato destro – da cui deve stare lontano per la vita o per la morte – lo scopre I riferimenti in Den korte avis sono fastidiosi. Perché il giusto, come in Eric Zemmour, un ebreo berbero del Nord Africa, ha avuto ragione nel corso degli anni. Lasciato completamente perso. Questo dovrebbe essere perfettamente chiaro a tutti noi ormai.

La domanda naturale è: quando gli islamisti possono imporre una presa così seria su scuole e università francesi, che dire del resto della società e delle sue istituzioni? Qual è la situazione, ad esempio, nel sistema sanitario e nelle aule dei tribunali? Secondo lei, cosa riserverà il futuro quando un gran numero di giovani musulmani entrerà nel settore pubblico se non affronteremo il male alla radice?

Come il gigante intellettuale e autore Alain Finkielkraut, suo Dopo l’esecuzione di Patty:

“La convivenza è un mito. Le terre perdute dalla Repubblica sono le terre conquistate con l’odio della Francia. Gli occhi sono aperti e le prove non possono più essere nascoste”.

Quindi cosa si dovrebbe fare?

La Francia (e la Svezia e l’Inghilterra) devono decidere urgentemente se il paese debba essere ceduto e disperso dall’interno o se ripristinare il controllo secolare. Poiché la generazione più giovane dei musulmani è più fondamentalista della generazione dei genitori e dei nonni, lo sviluppo continuerà lungo le strade tracciate da Maometto. È il potere dell’Islam sotto Maometto a Medina che prevale. Se si vuole umanizzare l’Islam, allora bisogna prendere le distanze dall’assassino, giurista e comandante dell’esercito Maometto come fulgido esempio da seguire. E se lo fai, l’intero castello di carte islamico crollerà.

READ  Dobbiamo fare spazio all'innovazione radicale

Proprio per questo forse l’unica vera alternativa alla restaurazione dei francesi è il rimpatrio forzato delle famiglie non assimilabili che conducono una guerra a bassa intensità contro lo Stato-nazione. Lo stesso vale per il resto dell’Europa occidentale. La storia avrebbe dovuto insegnarci che l’Islam e la libertà/stati-nazione sani sono come l’olio e l’acqua. Metti da parte il dialogo e il discorso breve. Guarda la realtà negli occhi.

Se c’è un paese in Europa che ormai dovrebbe aver imparato, e quindi prendere il cucchiaio in una mano completamente diversa, è la Francia. In secondo luogo, la Svezia.