Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Europa in panchina nel gioco dell’autosicurezza

Con l’aumento delle tensioni in Ucraina, sta diventando sempre più chiaro che la minaccia di una nuova guerra in Europa viene trattata come un affare americano e russo. I capi di stato europei sono stati relegati a ruoli di supporto.

“È difficile non avere un’idea della Guerra Fredda quando i presidenti di Washington e Mosca discutono su come ridurre l’escalation di una situazione che minaccia l’Europa, senza consentire agli stessi leader europei di partecipare”, ha scritto Theresa Kochler, corrispondente di Natale dall’UE di Svenska Dagbladet. Vigilia. Nell’attuale crisi ucraina, Russia e Stati Uniti stanno lavorando per identificare problemi e opportunità.

Nonostante il fatto che l’Ucraina, il secondo paese più grande d’Europa, sia minacciata da un’invasione russa e la NATO stia tenendo riunioni di crisi, i capi di stato europei sono stati notevolmente silenziosi su come salvare la pace. In nessun modo i leader dei paesi europei hanno avviato un dialogo pubblico su ciò che è necessario per sviluppare un rapporto più rispettoso tra Russia e Occidente.

Questo è uno dei motivi per cui molti paesi dell’UE, come Germania e Francia, tengono incontri diplomatici sia a Kiev che a Mosca prima e dopo il nuovo anno.

Il ministro degli Esteri dell’Unione europea Josep Borrell sta ora cercando di entrare in campo e ha visitato l’Ucraina. Da Kiev, ha chiarito che il mondo nel 2022 non è il tipo in cui due parti, Stati Uniti e Russia, possono risolvere i grovigli dell’Europa senza coinvolgere i paesi europei. I due presidenti, Joe Biden e Vladimir Putin, hanno messo in guardia contro una lotta per le loro aree di interesse. Si ritiene che i negoziati in corso siano simili ai negoziati condotti dall’americano Franklin Roosevelt, dal britannico Winston Churchill e dal sovietico Joseph Stalin a Yalta nel 1945, quando la nuova mappa dell’Europa dopo la seconda guerra mondiale. È stato dipinto secondo gli interessi delle grandi potenze.

Borrell crede che quando la crisi di oggi sarà risolta, gli Stati Uniti e la Russia abbiano scelto un vecchio modello. Ma finora non è stato ascoltato, e l’Unione Europea, con i suoi 27 Stati membri, non ha ancora posto al tavolo dei negoziati. Né l’Ucraina.

mi sono dimenticato

La Russia considera gli Stati Uniti come la sua controparte, e si affaccia sull’Unione Europea nel maggior numero di contesti possibile. Ecco perché il presidente Vladimir Putin ha presentato una lista di richieste agli Stati Uniti quando ora vuole ridisegnare la mappa della politica di sicurezza in Europa. Putin vuole una mappa più simile all’Europa che abbiamo visto prima della quarta, quinta, sesta, settima e ottava espansione della NATO. (Vedi i fatti sulle espansioni della NATO.) L’espansione avvenuta dal 1999 al 2020, che ora è più problematica di prima. Per la Russia, il possibile ingresso dell’Ucraina nella NATO è un punto chiave nelle accuse contro l’Occidente di attrezzarsi completamente nel “cortile di casa” della Russia.

Espansioni della NATO sin dal suo inizio.

Putin chiede che Ucraina e Georgia non possano aderire alla NATO, che la NATO ritiri le sue forze dagli stati baltici e dalla Polonia e che non abbia armi offensive in Romania e Polonia. Se l’attuale quadro della politica di sicurezza non viene cancellato, con gli stati orientati verso l’Occidente fino ai confini della Russia in tutta l’Europa orientale, Mosca è pronta per un’azione militare per rafforzare la sua sicurezza. In un primo momento, un nuovo intervento militare contro l’Ucraina, che vuole un futuro occidentale, e che allarga i suoi rapporti con gli Stati Uniti, in attesa del suo ingresso nel focolare Nato.

READ  Silvio Berlusconi aspira al palazzo presidenziale?

La Russia spera nel caos occidentale

In materia militare e di sicurezza, l’Unione europea non appare in alcun modo come i paesi “USA” dell’Europa. Gli Stati membri dell’Unione europea hanno una relazione asimmetrica su come i paesi cooperano con la NATO e opinioni diverse sulla leadership degli Stati Uniti nell’alleanza. Sebbene la crisi ucraina minacci la sicurezza dell’Europa nel suo insieme, anche i paesi dell’Unione europea hanno approcci diversi alla crisi. E ora solo a gennaio, diverse settimane dopo che Putin e Biden hanno dialogato e hanno elaborato un piano negoziale che includesse anche la NATO e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), l’Unione europea ha alzato la voce. Borrell ha ora chiarito che “l’UE non può rimanere uno spettatore neutrale nei negoziati”.

Prima di Natale, Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, ha chiarito che Borrell non aveva posto al tavolo dei negoziati. È una posizione che i leader dell’UE sembrano accettare da tempo. Alcuni analisti ritengono che la mossa di Zakharova sia stata volutamente provocatoria e che la Russia voglia davvero coinvolgere l’Unione Europea. fonte di diplomazia Maschio EUobserver Che “i russi vogliono che il servizio estero dell’UE intervenga, perché sanno che ciò significherà caos e discordia sul lato occidentale”.

Negli stati baltici, molti politici sostengono che Svezia e Finlandia dovrebbero diventare membri della NATO.

La ragione per cui la Russia è fiduciosa che l’UE interferirà nei negoziati a favore della Russia è che un certo numero di paesi dell’UE, tra cui Germania, Francia e Finlandia, hanno una visione più sfumata della Russia rispetto agli Stati Uniti e alla leadership della NATO. La Germania è particolarmente interessata al ruolo della politica energetica russa in Europa ed è di grande importanza per l’Europa che la cooperazione energetica con Putin venga ulteriormente sviluppata. Questo è uno dei motivi per cui molti paesi dell’UE, come Germania e Francia, tengono incontri diplomatici sia a Kiev che a Mosca prima e dopo il nuovo anno. L’Unione Europea fino al nuovo anno ha permesso al conflitto ucraino di consolidarsi come un accordo tra Russia e Stati Uniti.

ricatto russo

Il ministro degli Esteri lituano Gabrilius Landsbergis è uno dei pochi eminenti politici europei che ha parlato esplicitamente della situazione in Ucraina. In un’intervista al quotidiano britannico The Times, ha recentemente affermato che la NATO dovrebbe ora fornire armi all’Ucraina. Inoltre, vuole più soldati della NATO nell’Europa orientale, dove la Norvegia ha già 120 soldati pronti al combattimento in una forza in avanzamento di otto nazioni. Il ministro esprime la sua preoccupazione a nome degli Stati baltici – Estonia, Lettonia e Lituania. È anche preoccupato per la Romania e la Norvegia, che sono i confini più settentrionali dell’Europa con una Russia più aggressiva. Landsbergis descrive le richieste di Putin per gli Stati Uniti come “ricatto”.

READ  DN Maps e nomina le aziende più interessanti della Norvegia nel suo premio Innovators of the Year. Norxe produce proiettori per simulatori.

Negli stati baltici, molti politici sostengono che Svezia e Finlandia dovrebbero diventare membri della NATO. Uno di loro è Marko Michelson, il quale crede che se Finlandia e Svezia aderiranno alla NATO, il Nord Europa sarà più sicuro e stabile. Mikhelson è a capo della commissione per gli affari esteri del parlamento estone e i suoi commenti hanno ricevuto una certa attenzione al di fuori dell’Estonia. Il messaggio è stato sicuramente raccolto in Russia, ed è parte del motivo per cui c’è un messaggio della vigilia di Natale che fa riflettere dal Cremlino:

Maria Zakharova può dichiarare che se Svezia e Finlandia diventeranno membri della NATO, ciò avrà “serie conseguenze militari e politiche, che richiederanno una risposta adeguata da parte della Russia”.

Svezia e Finlandia lavorano già a stretto contatto con la NATO, ma mentre la Finlandia non ha intenzione di richiedere l’adesione, sia il presidente finlandese Sauli Niinistö che il primo ministro Sanna Marin hanno affermato nei loro discorsi di Capodanno che la Finlandia è ovviamente libera di scegliere i suoi partner dell’alleanza. .

Nessun tedesco per vendere armi

In Ucraina, con una popolazione di 44 milioni, la volontà di difendere è grande. Un sondaggio dell’Istituto internazionale di sociologia di Kiev, condotto a dicembre, ha mostrato che il 58% degli uomini e il 13% delle donne Disposto a prendere parte alla lotta armata Per difendere l’Ucraina contro le forze russe.

Sono passati 14 anni da quando la NATO ha promesso che l’Ucraina sarebbe stata in grado di diventare un membro della NATO.

Questo autunno, il governo di Kiev ha cercato di acquistare armi difensive da utilizzare contro droni e cecchini attraverso il sistema NATO, ma senza successo. All’inizio di dicembre, il ministro degli Esteri ucraino Oleksiy Reznikov ha accusato la Germania di ostacolare tale commercio. Il governo sta ora studiando possibili acquisti diretti di armi da Lituania, Regno Unito e Francia, ma l’Ucraina attualmente non ha vettori di armi fedeli in Europa. E nessun presidente europeo si è detto pronto a sostenere militarmente Kiev, se la Russia lanciasse un attacco.

Joe Biden ha sottolineato in diverse recenti conversazioni telefoniche con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che gli Stati Uniti sostengono l’Ucraina e “agiranno con decisione” se la Russia attaccherà, ma non è chiaro se Biden si aprirà all’assistenza militare degli Stati Uniti nella guerra. Non è inoltre chiaro se il coinvolgimento armato degli Stati Uniti in Ucraina includerà quasi automaticamente gli alleati della NATO.

“Ora Gli amici dell’Ucraina danno impulso alla Russia per invadere L’Ucraina ha detto chiaramente e categoricamente che non sosterrà militarmente Kiev”. Giles negli ultimi anni attraverso articoli, rapporti e libri, tra gli altri Regole di Mosca – Cosa motiva la Russia a confrontarsi con l’Occidente) Era un feroce critico dell’Occidente e non ha mai capito che la Russia, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, non aveva in alcun modo l’ambizione di diventare la democrazia che l’Occidente sognava.

Ciò significa che per i paesi europei la Russia è sia un amico che un nemico.

Sono passati 14 anni da quando la NATO ha promesso che l’Ucraina sarebbe stata in grado di aderire alla NATO, ma ora è chiaro che né gli Stati Uniti né altri paesi della NATO vogliono che l’Ucraina si unisca all’alleanza nel prossimo futuro. Il paese è ancora un paese importante per la politica di sicurezza degli Stati Uniti e della NATO, ma è anche una polveriera che può esplodere e danneggiare la reputazione della NATO.

READ  La stagflazione spaventa gli investitori | finansavisin

La volontà di aprire autentici negoziati di adesione con l’Ucraina e la Georgia è tra i paesi europei che, dopo la caduta del muro di Berlino, hanno sviluppato i rapporti più stretti con la Russia. Tra questi c’è la Germania, che è all’avanguardia nella cooperazione in materia di politica energetica con Putin. Il gasdotto North Stream 2 è pronto per trasportare gas dalla Russia alla Germania e all’Europa, ma è improbabile che venga messo in funzione prima dell’estate. Sia gli Stati Uniti che molti paesi in Europa sono scettici su questa cooperazione sul gas.

Europa senza flessibilità

Nell’ultima conferenza stampa del presidente del Consiglio italiano Mario Draghi prima del nuovo anno sono emersi alcuni problemi dell’Europa con la Russia. Draghi, tecnocrate che governa l’Italia senza affiliazione di partito, è ormai considerato una delle voci più importanti d’Europa. È stato scelto come la persona più potente d’Europa da Politico, uno dei siti di analisi politica più influenti in Europa.

Per come la vede Draghi, all’Europa manca ciò che serve per dissuadere la Russia da uno scontro militare con l’Ucraina. “L’Unione europea non ha le sue forze armate”, ha detto Draghi al Financial Times. “Abbiamo missili, navi, cannoni o un esercito?” ha chiesto retoricamente Draghi, aggiungendo che la NATO ha attualmente altri interessi strategici. Le sanzioni pecuniarie sono L’unica possibilità per l’Europa Per “dissuadere” la Russia, crede Draghi. Ciò rafforza l’immagine dell’Unione europea, che svolge un ruolo di sostegno nel dramma europeo del mantenimento della pace.

Anche il gas russo sta mantenendo alte le temperature interne in gran parte dell’Europa questo inverno, mentre la retorica del Cremlino e dei 100.000 soldati al confine con l’Ucraina manda ondate di freddo in tutto il continente. Tuttavia, Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron e il nuovo cancelliere socialdemocratico tedesco Olaf Schulz concordano sulla necessità di mantenere i contatti con Putin, anche per evitare danni alle forniture di gas.

Ciò significa che per i paesi europei la Russia è sia un amico che un nemico.