Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’intelligenza artificiale è il nuovo compositore

Questo articolo è stato preparato e sponsorizzato da Università di Oslo – leggi di più.

I compositori di IA potrebbero contribuire a forme musicali completamente nuove in futuro.

Usare le macchine per creare musica non è una novità. Ma negli ultimi anni l’intelligenza artificiale (AI) ha preso il sopravvento nel mondo della musica: ad esempio, un essere umano può scrivere la melodia principale, mentre la macchina, alimentata dall’IA, crea l’arrangiamento in sottofondo.

Tuttavia, secondo Cağrı Erdem, la musica creata da AI non sorprende troppo. È ricercatore presso il RITMO Center for Interdisciplinary Research on Rhythm, Time and Movement dell’Università di Oslo.

– Le sorprese non sono la priorità di KI. Si tratta più di darti ciò che ordini, dice.

Voleva fare qualcosa al riguardo.

– Volevo che la macchina fosse un partner per fare musica insieme. Allora la macchina deve avere una sua volontà, dice, in modo che possa agire da sola.

Il termine tecnico inglese “agenzia” si riferisce alla capacità di una macchina di agire in modo indipendente.

Macchina come partner

Questo è diventato l’argomento di una tesi di dottorato. Qui ha esplorato quello che ha chiamato controllo condiviso.

Ha sviluppato sistemi interattivi. Un arrangiamento è uno strumento controllato da un musicista e da una macchina e può essere scelto da entrambi gli attori. Il ricercatore ha dato a questo sistema il nome CAVI.

Una clip sonora in cui sei chitarre ascoltano e reagiscono in base a ciò che sentono diventa una sorta di assolo di chitarra. Erdem spiega che le chitarre danno il loro contributo alla composizione.

In questo video, Cağrı Erdem e sei chitarre che suonano da soli suonano usando CAVI

Movimenti importanti del corpo

Ha anche esplorato come il corpo può essere utilizzato per interagire con l’IA.

– Osservando i sistemi di intelligenza artificiale nella musica di oggi, non interagiscono con il corpo umano. Si basano principalmente sul solo suono. Ma quando suoni con i musicisti, interagisci con loro attraverso il suono e il movimento.

Quindi Cağrı Erdem ha ottenuto 36 chitarristi per il laboratorio. Ha raccolto set di dati che gli hanno detto in che modo i loro movimenti erano correlati alla musica che stavano suonando.

– Ho trovato una stretta connessione tra suono e movimento, in particolare i movimenti della mano destra. Il modo in cui tocchiamo una corda di chitarra riflette come suona.

Erdem ha utilizzato un algoritmo di apprendimento automatico per codificare il movimento e il suono, in modo da poter quindi fornire alla macchina le informazioni sul movimento e ottenere il suono dalla macchina di conseguenza.

Ha completato un sistema in grado di creare musica mentre suonava la chitarra ad aria.

Questo sistema si chiama “Playing in the Air”. A lungo termine, ritiene, tale tecnologia potrebbe migliorare le interazioni tra umani e macchine.

Il ricercatore mostra come un sistema può creare musica mentre suona la chitarra ad aria.

Nuovi strumenti forniscono la musica del futuro

Erdem lavora in un campo ristretto. Ma crede che la ricerca sia importante, per diversi motivi.

– Nella storia della musica, pochi nuovi strumenti hanno avuto il maggiore impatto sulla musica creata.

Quando arrivò il pianoforte, lo strumento fu inizialmente chiamato “pianoforte”. Tu debolmente, dall’italiano: pianoforte, e fortemente, dall’italiano: forte, da esso perché è.

– i brani scritti successivi portano il marchio delle nuove possibilità offerte dal pianoforte. Questo strumento ha influenzato la musica. Credo che la ricerca su nuovi strumenti sia molto importante perché aiuta a costruire le basi per la musica del futuro, dice Erdem.

E l’intelligenza artificiale creativa

Tuttavia, sottolinea che l’industria tecnologica è guidata da ingegneri, non artisti.

– Lo vediamo nei sistemi di intelligenza artificiale che abbiamo oggi. Se digiti la parola gatto nel motore di ricerca, otterrai immagini basate su altre immagini di gatti. Questo ha senso, ma significa anche che l’algoritmo non ti dà foto di gatti rari.

Secondo Erdem, se l’IA vuole contribuire a creare espressioni musicali più ampie, più artisti devono iniziare a usarla.

– Lavorando all’intersezione tra arte, tecnologia e ricerca, dobbiamo esplorare come gli strumenti possono aiutare a espandere l’arte e la musica in futuro.

Cağrı Erdem esamina come l’intelligenza artificiale viene utilizzata nella musica.

IA in futuro

L’IA sta già dando un contributo significativo alle esperienze musicali delle persone. Quando un servizio di streaming ti consiglia artisti? Quando l’IA ascolta le colonne sonore dei film con grandi arrangiamenti orchestrali? Potrebbe essere un’IA che li ha creati sulla base di una semplice melodia.

Il ricercatore non ha dubbi sul fatto che tra 50 anni l’IA sarà a tutti i livelli della produzione musicale.

– Penso che useremo l’IA sia nella scrittura di canzoni, nell’arrangiamento, nella registrazione, nel missaggio, nello streaming, nella promozione e nelle esibizioni dal vivo.

Inoltre, Erdem ci dice che i musicisti di intelligenza artificiale avranno un’enorme base di fan. Shimon è il robot musicale C’è già. Al momento non ha fan, ma può essere prenotato per eventi.

– Allora dovremo fare qualche giro con i diritti d’autore. Non sappiamo ancora come andranno le cose. Ad esempio, abbiamo faticato a scoprire chi possiede i diritti d’autore per la musica forniti da CAVI, perché non ci sono regole per questo nel sistema norvegese, dice Cağrı Erdem.

Nota:

Cağrı Erdem: controllo o controllo? Esplorare la metafora, l’agenzia e l’intelligenza artificiale nella performance musicale interattiva. Tesi di dottorato presso l’Università di Oslo2022. (sito web presso UiO sulla tesi)

READ  Responsabile dell'Armed Media Center per condividere la borsa delle razioni da campo con il primo ministro etiope e parlare di riforma e uguaglianza di genere