Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Liz Cheney: – Farò tutto il possibile per tenere Trump fuori dallo Studio Ovale – VG

Fuori: Mercoledì Liz Cheney ha incontrato i media al Campidoglio. Foto: MANDEL NGAN / AFP

La scorsa notte Liz Cheney ha pronunciato un duro discorso contro Donald Trump e i suoi colleghi repubblicani che sostengono le sue accuse non documentate di frode elettorale. Ora è stata privata della sua posizione di leadership nel Partito Repubblicano.

Pubblicato:

Rapporti Reuters e diversi media statunitensi. La decisione, sotto forma di voto chiuso, è stata sospesa dopo che Cheney ha criticato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Ha anche votato per mettere Trump sotto processo, perché crede che abbia istigato I sostenitori attaccano il Congresso il 6 gennaio quest’anno.

Poco dopo che Cheney ha evidentemente perso la sua posizione di leadership, ha continuato su insistenza di Trump, secondo ABC News.

“Farò tutto ciò che è in mio potere per garantire che l’ex presidente non si avvicini più allo Studio Ovale”, ha detto, riferendosi all’ufficio del presidente degli Stati Uniti alla Casa Bianca.

Lo stesso Trump ha già commentato l’impeachment:

Liz Cheney è una persona amareggiata e orribile, ha scritto in un comunicato, in cui ha anche affermato che lei stava parlando solo della causa dei Democratici e che non aveva fatto nulla di utile al Paese.

Trump ha scritto di aver visto il discorso che ha tenuto mercoledì sera alla Camera dei Rappresentanti, una delle due sale del Congresso degli Stati Uniti. Lì, Cheney ha contattato il partito e i sostenitori dell’ex presidente Donald Trump. E anche contro lo stesso Trump.

Il presidente: Donald Trump ha un solo mandato come presidente degli Stati Uniti. Foto: Andrew Caballero-Reynolds / AFP

Rimanere in silenzio e ignorare la bugia significa incoraggiare il bugiardo. Non starò fermo a guardare gli altri guidare il nostro partito in una direzione in cui si abbandona le regole di diritto e ci si unisce con l’ex presidente e la sua crociata per minare la nostra democrazia.

READ  - La Cina non sarà vittima di bullismo - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Il rappresentante del Wyoming detiene di gran lunga la terza posizione più potente nel Partito Repubblicano alla Camera dei Rappresentanti. Questa sarà probabilmente la sua fine oggi. Dopo tutti i segni del sole, la maggior parte dei suoi compagni di partito sostituirà la sua fedele a Trump, Elise Stefanik.

Motivo: ha votato per perseguire l’ex presidente Donald Trump, credendo che incitasse I suoi sostenitori attaccano il Congresso il 6 gennaio Quest’anno, è tra i relativamente pochi politici repubblicani che hanno osato descrivere le accuse prive di documenti di Trump di frode elettorale nelle elezioni presidenziali del novembre dello scorso anno come false.

– Ingannato

L’ex presidente ha ingannato milioni di americani. Hanno solo sentito le sue parole, ma non hanno sentito la verità mentre continua a minare il nostro processo democratico, chiedendo se la democrazia funziona del tutto, ha continuato Cheney dal podio.

Leggi anche

Procuratore generale degli Stati Uniti: non è stata trovata alcuna prova di frode elettorale che possa alterare il risultato

Non c’è dubbio che Trump continui a respingere le accuse di frode elettorale, nonostante il fatto che un tribunale dopo l’altro abbia respinto le sue affermazioni sulla scia delle elezioni dello scorso anno e persino il procuratore generale ha affermato che non c’erano prove di frode.

Recentemente, la scorsa settimana, l’ex presidente ha rilasciato una breve dichiarazione in cui scriveva che “le elezioni presidenziali truccate nel 2020 saranno conosciute da oggi come la grande menzogna”.

È un termine che i suoi critici usano da tempo per le sue accuse non documentate di frode elettorale.

Sospensione: Trump vince un tiro alla fune

READ  Le tempeste tropicali devastano la costa del Golfo degli Stati Uniti

Dimostrazione: foto tratta da un evento a Liz Cheney, raffigurata sul poster che l’uomo porta con sé nel Wyoming a gennaio. I sostenitori di Trump che tengono manifesti che la chiedono, tra le altre cose, di presentarsi davanti alla Corte Suprema, mostrano il suo dispiacere per il fatto che abbia votato per collocare Donald Trump davanti alla Corte Suprema. Foto: Michael Ciaglo / GETTY IMAGES NORD AMERICA

Cheney dice che considera Trump una minaccia che gli Stati Uniti non hanno mai visto prima.

L’ex presidente che ha scatenato un violento attacco al Congresso nel tentativo di rubare le elezioni deve ancora affrontare i suoi aggressivi tentativi di convincere gli americani che le elezioni gli sono state rubate. Rischia di incitare più violenza.

È più di Trump

L’esperto statunitense e ricercatore senior presso il Dipartimento di studi sulla difesa, Sven Melby, ha detto a VG questo fine settimana che la lotta per il potere attualmente in corso nel Partito Repubblicano ruota attorno a molto più di Liz Cheney e Donald Trump.

Il Ruota intorno allo spirito del partito e alla democrazia americana, Crede.

Leggi anche

Professore di democrazia negli Stati Uniti dopo le elezioni: – Un’esperienza terrificante

Per capire cosa sta succedendo ora nel Partito Repubblicano, dice Melby, bisogna presumere che gli Stati Uniti stiano passando dal controllo dei gruppi anglo-protestanti bianchi a una vera società multiculturale.

Ciò è legato a problemi economici e sociali, il che significa che il paese ha ora acquisito un’amara polarizzazione politica tra coloro che lottano per il cambiamento e gruppi che rappresentano il cambiamento. Il primo gruppo vede questo come una lotta per la loro esistenza. Temono che “gli Stati Uniti” stiano per essere abbattuti. Melby spiega che Trump è riuscito a diventare un simbolo per questo gruppo e ora dominano il Partito Repubblicano.

“Dato questo background, sembra che all’interno di questo gruppo Trump possa affermare che i rappresentanti del cambiamento hanno anche rubato le elezioni presidenziali di novembre, e l’assalto al Congresso è visto come un’espressione legittima di questo punto di vista”, dice.

Direzione autocratica

Secondo il capo ricercatore, questo gruppo ha chiare tendenze antidemocratiche:

A loro avviso, la posta in gioco è così alta che le regole democratiche e le regole del gioco non sono più strumenti sufficienti per raggiungere l’obiettivo di fermare il cambiamento.

Leggi anche

Esperto americano: la festa è diventata un culto personale per Trump

Quindi Melby pensa che la disputa su Cheney sia molto più del disaccordo su lei e Trump.

La questione è se il Partito Repubblicano rimarrà parte della democrazia americana o se il partito d’ora in poi sarà dominato da una tendenza autoritaria.

L’esperto americano ritiene che il fatto che Liz Cheney, la figlia dell’ex vicepresidente Dick Cheney, possa essere votata oggi dalla leadership del partito, sia un chiaro segno che questa è l’ultima cosa che sta per accadere.