Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“L’NFF ha un compito enorme davanti a sé se vuole ripristinare la fiducia dei sostenitori”.

Il dibattito su come il calcio norvegese si relaziona al riciclaggio di sport e tornei in regimi che violano i diritti umani fondamentali è importante e necessario.

Sebbene la NFF non sia principalmente un’organizzazione per i diritti umani, deve fare i conti con il fatto che il calcio è stato a lungo uno strumento politico per i paesi che vogliono acquistare potere, influenza e buone relazioni pubbliche.

È una scena di manovra impegnativa per club, tifosi, squadre nazionali, giocatori e capi di calcio. Il dibattito sui Mondiali in Qatar è stato il primo grande banco di prova, e purtroppo l’intero processo rimane un’occasione mancata.

Sebbene la dirigenza della National Football Association abbia affrontato la rivolta dei tifosi attraverso la scelta del Qatar e del calcio eccezionale, i fronti sono più acuti che mai.

Quello che in teoria dovrebbe essere un processo completo di discussione dei potenziali vantaggi e svantaggi del boicottaggio, è invece diventato caratterizzato da sfiducia, conflitto e una feroce battaglia per la verità. Questo non è davvero sorprendente.

Azione: molti tifosi norvegesi hanno espresso la loro opposizione alla Coppa del Mondo in Qatar. Qui dalla partita tra Odd e Sarpsborg 08. Foto: Trond Reidar Teigen

Fin dall’inizio, era chiaro che entrambe le parti non erano nemmeno d’accordo su cosa boicottare. La National Football Association ha sempre creduto che un boicottaggio dei Mondiali del Qatar dovesse significare anche un boicottaggio delle qualificazioni. I sostenitori del boicottaggio ritengono che il boicottaggio dei playoff non sia mai stato parte della premessa.

Gli oppositori di un boicottaggio si concentrano quasi esclusivamente su cosa potrebbe migliorare la situazione dei lavoratori migranti in Qatar e come un possibile boicottaggio influenzerebbe la loro situazione.

I sostenitori del boicottaggio hanno una prospettiva molto più ampia. Per molti di loro, non si tratta solo di lavoratori migranti in Qatar, ma anche di combattere il riciclaggio di sport come fenomeno e protesta pubblica contro il modo in cui opera la FIFA.

Non c’è nemmeno accordo sullo scopo di un possibile boicottaggio. Quando non si è d’accordo sull’obiettivo, diventa difficile accordarsi sullo strumento giusto.

La scelta del Qatar dipende dal fatto che la FIFA giochi nelle squadre nella lotta contro le violazioni dei diritti umani e il riciclaggio degli sport, ma per molti sostenitori del boicottaggio la FIFA è parte del problema piuttosto che parte della soluzione. Pertanto, tutte le misure che richiederebbero alla FIFA di contribuire alla promozione dei diritti umani in Qatar o di prevenire il riciclaggio di sport in futuro diventano irrilevanti.

C’è anche un forte disaccordo sulla base fattuale del caso. È quasi impossibile indagare su un caso del genere in modo imparziale, non importa quanto siano buone le tue intenzioni. Per molti giocatori la posta in gioco è molto alta e né la FIFA né il Qatar sono noti per giocare a carte particolarmente aperte.

Nuovo edificio: il Qatar ha dovuto costruire diverse nuove arene per il torneo.  Lo stadio Lusail è in costruzione qui.  L'arena può ospitare 80.000 spettatori.

Nuovo edificio: il Qatar ha dovuto costruire diverse nuove arene per il torneo. Lo stadio Lusail è in costruzione qui. L’arena può ospitare 80.000 spettatori. Fotografia: Hassan Ammar

La persona con cui parli stabilirà le linee guida per l’azione, che tu lo voglia o meno. Questo è sempre il caso di questioni controverse.

C’è una ragione per cui i mandati e la composizione dei vari comitati sono discussi così spesso in dettaglio nei partiti e nelle organizzazioni politiche. I membri del comitato presenteranno sempre i loro punti di vista, contatti, priorità e posizioni in tale lavoro e il mandato fornisce una guida su ciò che il comitato dovrebbe enfatizzare e quali questioni dovrebbero essere affrontate.

C’è un grande potere nel mettere in comune una scelta e dare loro un mandato per lavorarci sopra. Poiché la commissione e il mandato sono stati compilati dalla direzione del NFF, molti erano scettici sul loro lavoro molto prima che il rapporto fosse presentato.

Quella che doveva essere una base comune de facto per un dibattito complesso e importante è ora una nuova arena di lotta.

Ma il problema più grande è la completa crisi di fiducia tra le principali comunità di supporto e il NFF. Ecco perché l’intero processo fallisce. In breve, la situazione è che molti sostenitori del boicottaggio non si fidano dell’NFF.

Vinto: nel 2010, è diventato chiaro che il Qatar ha vinto la battaglia per la Coppa del Mondo 2022. Qui, l'allora emiro Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani festeggia con sua moglie, la sceicca Mozah bint Nasser Al-Misnad.

Vinto: nel 2010, è diventato chiaro che il Qatar ha vinto la battaglia per la Coppa del Mondo 2022. Qui, l’allora emiro Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani festeggia con sua moglie, la sceicca Mozah bint Nasser Al-Misnad. Foto: Christian Hartmann

Il rapporto tra NFF e alcune delle comunità di supporto è inacidito da molto tempo e questo dibattito ha segnato lungo la strada. Ricordi la battaglia della folla per dare fuoco alla partita? Bene, rispetto a quella lotta, il dibattito sul Qatar sta rapidamente diventando un fuoco d’artificio.

Questo è anche uno dei motivi per cui, ad esempio, la controversa proposta di bilancio è vista come mezzo di pressione e minaccia per far votare i club contro un boicottaggio, piuttosto che una vera e propria proposta di bilancio.

Molte persone reagiscono alla spina dorsale quando sono completamente scettiche su tutto ciò che viene dalla NFF. Alcune delle critiche alla gestione di questo dibattito da parte del NFF sono state ingiuste. Alcune caratteristiche personali erano ben al di sopra della linea. Ma molte critiche sono anche legittime.

Quando tu, come dirigente di un’organizzazione, ricevi molte critiche che consideri ingiuste o addirittura maleducate, è facile finire sulla difensiva. Questo è del tutto comprensibile, ma anche pericoloso perché si finisce rapidamente per respingere tutte le critiche, anche quelle pienamente giustificate.

È una dinamica che ho visto innumerevoli volte in diverse organizzazioni. Se si permette a una tale situazione di diffondersi internamente, crea un terreno fertile per ulteriori conflitti.

L’equilibrio di potere qui significa anche che è la leadership della National Football Association (NFF) che deve fare il primo passo verso la riconciliazione. C’è una differenza tra ciò che gli individui riescono a farla franca e ciò che si può dire o fare quando si rappresenta un’organizzazione.

Può sembrare ingiusto, ma è così che dovresti essere un leader. Allo stesso modo che i tifosi che invitano i club a difendere le proprie opinioni non possono essere paragonati ai dirigenti distrettuali che fanno lo stesso. Coloro che detengono una posizione di potere hanno sempre una responsabilità aggiuntiva nell’assicurare l’organizzazione delle operazioni.

È probabile che la NFF vinca la battaglia del boicottaggio nella straordinaria sessione di calcio, ma ha un compito enorme davanti a sé se vogliono ripristinare la fiducia del pubblico.

READ  Media spagnoli: Zidane ha finito con il Real Madrid dopo la stagione