Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lo slancio per proteggere il Mare del Sud sta crescendo

15 paesi si sono incontrati con l’Unione europea per una conferenza online il 28 aprile per affermare il loro impegno a proteggere i mari del sud dai cambiamenti climatici e da altri impatti umani.

Il ministro dell’Ambiente australiano Susan Lee è stata la prima a parlare alla riunione, inclusi rappresentanti di alto livello di Francia, Germania, Norvegia, Regno Unito, Uruguay, Cile, Argentina e l’inviato presidenziale degli Stati Uniti sui cambiamenti climatici dalle Americhe.

I quindici paesi e l’Unione europea sono membri del Comitato per la conservazione delle risorse marine viventi dell’Antartico, noto come CCAMLR.

Il commissario australiano per la conservazione delle risorse biologiche marine antartiche, Gillian Slocom, ha affermato che l’incontro sta guadagnando slancio per creare un sistema rappresentativo di area marina protetta (MPA) nell’Oceano Antartico.

“L’incontro, avviato dall’Unione Europea, ha convenuto di incoraggiare i 26 membri del Comitato per la conservazione delle risorse marine viventi dell’Antartico (CCAMLR) a impegnarsi in modo costruttivo nelle proposte di AMP attualmente allo studio.

“L’Australia continuerà a svolgere un ruolo di leadership nella creazione di un sistema rappresentativo di AMP nei mari meridionali, tra cui l’Antartide orientale e il Mare di Weddell”, ha detto Slocom.

Rete di aree marine protette antartiche

Nel 2009, la Commissione per la conservazione delle risorse marine viventi in Antartide ha istituito la sua prima area marina protetta, la Southern Orkney Islands Southern Shelf Area, un’area che copre 94.000 chilometri quadrati nell’Oceano Atlantico meridionale.

Nel 2016, i membri della Commissione per la conservazione delle risorse marine viventi in Antartide hanno approvato la creazione di una nuova riserva marina nella regione del Mare di Ross. L’area marina di Rus el Bahr, che copre un’area di 1,55 milioni di km2, è la più grande del mondo. Quasi tre quarti dell’area è una zona “vietata la caccia”, che vieta tutti i tipi di caccia.

READ  - È spiacevole per la chiesa condividere l'orgoglio - NRK Rogaland - Notizie locali, TV e radio

Dal 2012 l’Australia, insieme all’Unione Europea, ha chiesto l’adozione di un’area marina protetta nell’Antartide orientale. Norvegia, Regno Unito e Uruguay sono ora gli autori della proposta.

“Le aree marine protette nell’Antartide orientale proteggeranno le caratteristiche barriere coralline di acque profonde e le aree di alimentazione per mammiferi marini, pinguini e altri uccelli marini”, ha detto la signora Slocom.

Fornirà inoltre aree di riferimento scientifico per comprendere gli effetti della caccia al di fuori delle aree protette e le conseguenze dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi dell’Oceano Antartico.

Le aree marine protette su larga scala sono anche uno strumento importante per costruire la resilienza degli oceani e degli ecosistemi agli impatti dei cambiamenti climatici.

L’Australia è anche co-sponsor della Riserva marina del mare di Weddell e sostiene l’Argentina e il Cile nella creazione di una riserva marina nella penisola antartica.

La bandiera dell’Antartico australiano è tonica

Kim Ellis, direttore della divisione australiana dell’Antartide, ha affermato che la Commissione per la conservazione delle risorse marine viventi dell’Antartide è un eccellente esempio di applicazione della scienza per fornire una protezione ambientale basata su prove.

“La nostra scienza ha un’influenza diretta sui risultati delle politiche per una serie di questioni di gestione nei mari meridionali, dalla definizione dei limiti di pesca per la pesca del krill alla creazione di relazioni sulla progettazione delle aree marine protette”.

“È importante che le proposte del Comitato per la conservazione delle risorse marine viventi dell’Antartico si basino sulla migliore scienza disponibile, e questo è ciò che offre il Programma antartico australiano”, ha detto Ellis.

Il vice capo ricercatore presso l’AAD Dr Dirk Welsford è attualmente presidente del comitato scientifico della CCAMLR.

READ  Volo spaziale, Scienza/Tecnologia | Astronauti in viaggio verso la nuova stazione spaziale cinese

Sopra