Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Marina Ovganikova è tornata a sparare a Vladimir Putin, di nuovo

Marina Ovganikova è tornata a sparare a Vladimir Putin, di nuovo

La giornalista russa Marina Ovzhanikova ha fatto notizia a livello internazionale quando ha protestato contro la guerra di Putin in Ucraina durante un telegiornale in diretta su un canale statale russo.

In Intervista televisiva alla giornalista britannica Beth Rigby Ovsjannikova ancora una volta ha approfittato dell’occasione per prendere di mira il presidente russo.

– Non credo che Putin ne abbia abbastanza Shock per principianti per mettere a tacere tutti i suoi critici. Quando è iniziata la guerra, c’erano più persone del solito che si sono opposte al regime, e molte altre lo faranno, dice.

Novichok è una serie di agenti nervini, dal gruppo di agenti di guerra binaria, sviluppati nell’Unione Sovietica e in Russia nel periodo 1971-1993. Tra le altre cose, il veleno è stato usato contro l’ufficiale dell’intelligence russa in pensione Sergei Skripal e sua figlia nel 2018, e contro il politico dell’opposizione russa Alexei Navalny.

(L’articolo continua sotto l’immagine).

Qui, Marina Ovzhanikova mostra il suo poster in diretta TV russa lunedì sera. Foto: screenshot da Channel One

Putin teme per la sua vita

L’ex giornalista russo in un’intervista al giornalista britannico ha espresso la speranza che il presidente russo venga rovesciato dalle persone che lo circondano. Tra le altre cose, ha affrontato le recenti critiche del boss di Wagner Yevgeny Prigozhin, noto anche come lo chef di Putin.

– Guarda cosa sta succedendo adesso. Cosa dice Prigozhin. Sta parlando contro Putin. Spero che il sistema crolli dall’interno, dice Ovsjannikova.

Lei è molto chiara su una cosa: il giorno in cui la Russia perderà la guerra sarà l’ultimo per Putin.

READ  La scrittrice Anna Walgreens è morta - VG

– Questo è abbastanza ovvio. Dice che teme per la sua vita.

fuggì in Francia

Dal 2003 fino allo scorso anno, Ovsjannikova ha lavorato al canale televisivo russo Channel One Russia. Dopo l’acrobazia televisiva, il giornalista è scappato con una multa di 30.000 rubli russi, l’equivalente di poco più di 4.000 corone norvegesi.

Ma il giornalista non si è arreso lì. Da sola, si è messa in fila davanti al quartier generale del Cremlino di Mosca con uno striscione. Lo striscione diceva: “Putin è un assassino e i suoi soldati sono fascisti”. Ciò ha portato alla sua condanna per diffamazione dell’esercito russo.

Ovsjannikova è stata posta agli arresti domiciliari insieme alla figlia di 11 anni in attesa del processo. Se condannata, potrebbe ricevere fino a dieci anni di carcere.

Ma non siamo arrivati ​​a tanto. Ovshannikova è fuggita con sua figlia, è fuggita dalla Russia, attraverso l’Europa, in Francia. Ha vissuto qui da allora, temendo per la sua vita.