Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Meno mercurio nell’halibut blu – costa e fiordo

La riduzione delle emissioni in mare e in aria ha contribuito alla riduzione del contenuto di mercurio dell’halibut blu del Mare di Norvegia.

Campioni di halibut blu dalle crociere. Foto: Erlend Astad Lorentzen, Istituto di ricerca marina

I ricercatori hanno concluso questo dopo aver analizzato i dati del 2006-2015. Parte della diminuzione potrebbe anche essere spiegata da cambiamenti nelle dimensioni e nella dieta dei pesci, riporta il Marine Research Institute sul suo sito web.

I campioni provengono dalla cosiddetta indagine di base condotta nel 2006-2008 e dalle indagini di follow-up negli anni 2011-2015. Il lavoro è stato ora pubblicato sulla rivista Environmental Pollution.

Abbiamo visto un livello di mercurio molto più alto nell’indagine di base rispetto alle indagini di follow-up. Durante questo periodo di 10 anni, la concentrazione di mercurio nell’halibut blu è diminuita drasticamente, afferma il ricercatore Bent Nielsen.

Tenendo conto della variazione naturale

Ci possono essere diversi motivi per cui il mercurio è diverso. Quindi i ricercatori non possono dire nulla sulle ragioni del declino esaminando la concentrazione nel pesce isolatamente. Devono anche considerare le cause naturali della varianza.

Il mercurio aumenta, soprattutto con la lunghezza del pesce.

– Abbiamo visto che nei primi anni veniva pescato un pesce più grande. Pertanto, abbiamo dovuto correggere la discrepanza nella lunghezza del pesce con metodi statistici, afferma Nielsen.

Inoltre, il contenuto di mercurio è influenzato dalla dieta del pesce.

Se i pesci mangiano prede in alto nella catena alimentare, ottengono più mercurio, perché il mercurio è concentrato nella catena alimentare, dice Nielsen.

L’halibut blu è un importante consumatore nel Mare di Norvegia. Cioè, si trova vicino alla parte superiore della catena alimentare. Pertanto, sono anche estremamente vulnerabili alle tossine ambientali.

READ  Hai un posto per un bambino che ha bisogno di vedere?

Dieta variabile, ma anche meno inquinamento

Per verificare se ci fossero cambiamenti nella dieta del melù, i ricercatori hanno analizzato i cosiddetti isotopi stabili di carbonio e azoto, un modo comune di analizzare la dieta. Poi hanno visto che c’era un cambiamento nella dieta, con l’halibut blu che mangiava di più nella parte inferiore della catena alimentare.

– Ma anche dopo aver controllato l’altezza e la dieta con metodi statistici, vediamo una diminuzione delle concentrazioni di mercurio nell’halibut blu, afferma Benti Nielsen.

I grafici mostrano come la diminuzione del mercurio nell’halibut blu nel tempo, corretta per la lunghezza del pesce (a sinistra) e la dieta (a destra), coincida con la diminuzione delle emissioni di mercurio. Figura da Bank et al. 2021

Pertanto, i ricercatori hanno concluso che la diminuzione è dovuta al fatto che c’è meno mercurio nell’ambiente.

Secondo l’Agenzia per l’ambiente norvegese, le emissioni di mercurio nell’acqua e nell’aria sono diminuite dell’80% dal 1995.

Supporta gli sforzi relativi alla Convenzione di Minamata delle Nazioni Unite

Il mercurio è un tossico ambientale che può nuocere gravemente alla salute umana (vedi riquadro).

Il Marine Research Institute monitora il contenuto di mercurio e altri metalli pesanti nel pesce e in altri frutti di mare per documentare i livelli e assicurarsi che vengano rilevati eventuali livelli superiori ai valori limite. Anche i livelli di mercurio nell’halibut blu sono monitorati nell’ambito del monitoraggio ambientale delle aree marittime norvegesi, poiché l’halibut blu è un buon indicatore ambientale del mercurio nel mare.

Sono questi dati osservativi di un gran numero di halibut blu raccolti in un lungo periodo di tempo che sono stati utilizzati nel nuovo lavoro che è stato ora pubblicato.

READ  La morte di Hans Garder con il virus Corona -

Lo studio è un buon esempio di scienza replicabile che può essere utilizzata in un contesto politico e a sostegno della Convenzione di Minamata delle Nazioni Unite sul mercurio. Abbiamo anche utilizzato la complessa matematica bayesiana per comprendere il grado di incertezza nei nostri modelli, afferma il ricercatore Michael Bank.