Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mentre aspettiamo il Natale…

Mentre ci prepariamo per il Natale e Israele celebra Hanukkah, le maggiori potenze stanno riprendendo i negoziati per allentare le sanzioni contro l’Iran.

L’imposizione di sanzioni al regime non è stata senza motivo. Hanno sempre avuto l’obiettivo dichiarato di eliminare Israele, e lo hanno recentemente ripetuto.

L’Iran non è solo un pericolo per Israele, è anche un pericolo per la pace mondiale. I leader hanno una politica islamica che non solo confonde religione e stato, ma confonde terrorismo, paura e controllo con la politica.

In Norvegia, è stato rivelato che un ricercatore iraniano dell’NTNU aveva accesso a scienza e ricerca che potrebbero essere state utilizzate direttamente nel programma nucleare iraniano. L’indagine è ora in corso qui.

I prerequisiti per l’accordo nucleare del 2015 includevano limiti alla quantità di uranio che poteva essere arricchito. Stabilisce che l’Iran non arricchirà l’uranio con un tasso di arricchimento superiore al 3,67 per cento. Ora si scopre che hanno superato di gran lunga questa percentuale e sono più vicini che mai alla fabbricazione della bomba atomica.

“Abbiamo più di 210 chilogrammi di uranio arricchito al 20% e abbiamo prodotto da 25 chilogrammi al 60%, un livello che nessun paese può produrre oltre a quelli con armi nucleari”, ha affermato Behrouz Kamalvandi, portavoce dell’Iran. Il nucleare secondo Netavizen.

Per fabbricare armi nucleari è necessario un grado di arricchimento del 90%.

L’intelligence israeliana lo sta monitorando da vicino. Israele potrebbe anche essere dietro gli attacchi a diversi attori chiave coinvolti nel programma nucleare iraniano.

Se l’accordo sul nucleare avrà successo adesso, si tradurrà in miliardi che si riverseranno nel sistema. Questo, ovviamente, preoccupa il primo ministro israeliano Naftali Bennett, che lunedì scorso ha fatto di tutto per avvertire che l’Iran era sotto pressione per riprendere l’accordo nucleare.

READ  Abbiamo margini di miglioramento

Allo stesso tempo, la difesa israeliana si sta preparando al “Piano B” se i negoziati sul nucleare iraniano falliscono. Scrive per il Jerusalem Post.

E la difesa israeliana è pronta a lanciare un attacco militare al programma nucleare iraniano se le circostanze lo richiedono.

L’IDF ha condotto importanti esercitazioni nel nord in ottobre e novembre, e ci sono piani per raddoppiare il numero di esercitazioni militari.

Dopo la firma degli accordi abramitici, anche l’esercito israeliano iniziò a condurre manovre con gli stati del Golfo Arabo. Le esercitazioni all’inizio di novembre sono state le prime del loro genere e hanno mostrato a quale tipo di alleanza navale Israele potrebbe unirsi se ci fosse un’azione militare contro l’Iran.

“È emozionante vedere le forze statunitensi allenarsi con i partner regionali per migliorare le nostre capacità di sicurezza marittima collettiva”, ha affermato a proposito dell’esercitazione il vice ammiraglio Brad Cooper, comandante della NAVCENT, la quinta flotta e le forze marittime combinate degli Stati Uniti.

Ci sono anche indizi di un’alleanza aerea che potrebbe unire. Gli aerei israeliani hanno recentemente scortato un bombardiere pesante strategico B-1B e serbatoi di carburante KC-10 nel loro viaggio verso il Golfo. Anche jet provenienti da Egitto, Giordania, Bahrain e Arabia Saudita hanno scortato questi aerei mentre sorvolavano i rispettivi spazi aerei.

L’esercitazione di difesa aerea di Israele, la bandiera blu, che è diventata sempre più popolare con il passare degli anni, fornisce anche un’indicazione di altri paesi che possono volare con Israele quando si tratta di farlo. L’esercitazione di quest’anno ha visto la partecipazione di aerei provenienti da Germania, Italia, Regno Unito, Francia, India, Grecia e Stati Uniti.

READ  Ufficio domestico moderno | Lettere di notizie

Ma dove sarà la Norvegia?