Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mentre aspettiamo la Russia…

di Bengt Berg

a Al largo di Bengt Berg.

L’affermazione che la Russia e l’Unione Sovietica stavano per attaccarci era l’affermazione La “verità” norvegese del 1820. L’invasione era attesa da tempo. Ma questa affermazione è intesa solo come un argomento nella lotta politica interna, soprattutto sulle risorse economiche. La Russia e l’Unione Sovietica furono attaccate due volte, sia da Napoleone che da Hitler. Oggi chiamato. La partecipazione norvegese a un attacco della NATO a Mosca è più probabile di un attacco russo alla Norvegia.
Oggi, la paura della Russia è ancora seminata in Norvegia, con l’obiettivo di soggiogare ulteriormente la Norvegia agli Stati Uniti. Se non c’è motivo di temere un attacco russo alla Norvegia, allora c’è motivo per le potenze imperialiste occidentali di preoccuparsi del progresso internazionale russo con mezzi politici e militari. Soprattutto la crescente cooperazione con la Cina e la loro cooperazione con importanti paesi asiatici. La Russia ha messo piede per l’avanzata dell’Occidente dopo la caduta dell’Unione Sovietica e Mikhail Gorbaciov sostiene ed è soddisfatto dell’opposizione che la NATO ha ora ricevuto.

Quando arriveranno i russi?
Nel portale Radikal, anche Joakim Møllersen ha scritto nel 2015 Riprodotto in Dagsavisen:

foto
luglio 2015

La russofobia ha raggiunto livelli che non si vedevano dalla Guerra Fredda. Se non era chiaro prima di saperlo ora, qualcosa non va nel mondo, il dito può essere puntato su Mosca. Se voglio intimidire, oggi la paura ha un volto: il volto di Vladimir Putin. Ma posso assicurare a tutti: il nostro grande vicino in Oriente non inizierà una guerra contro la Norvegia.

Putin non è il nuovo Hitler, e la Russia non è in una guerra ibrida contro la Norvegia e non invierà i nazisti a compiere atti di terrorismo sul suolo norvegese, né a compiere omicidi contro la leadership norvegese oa sabotare le principali installazioni. Questo messaggio viene inviato principalmente agli editori e ai giornalisti norvegesi, ma anche a chiunque sia stato intimidito.

È sempre ardito fare previsioni politiche accurate, se altamente probabili. Proprio come qualsiasi viaggio su strada potrebbe finire con la morte, non è una scienza esatta che la Russia non possa mai attaccare la Norvegia per danneggiare o occupare la Norvegia. Ma i russi non erano venuti da quando erano stati avvertiti per la prima volta nel 1820, e non erano rimasti fino al 1945. Non era nemmeno probabile a quel tempo che il regime sovietico pre-caduto avrebbe attaccato la Norvegia come sosteneva l’AK Party negli anni ’80.

In Norvegia prima della seconda guerra mondiale, la paura dei russi, rappresentata dallo stato comunista sovietico, riuscì a centralizzare la difesa norvegese contro un attacco sovietico a Finnmark. Contemporaneamente all’abbellimento ideologico della Germania nazista e alle ambizioni imperiali di Hitler. Fu una difesa molto debole nella Norvegia meridionale, sia militarmente che ideologicamente, quella che affrontò l’attacco tedesco nell’aprile 1940. Molti importanti ufficiali norvegesi videro l’attacco nazista come una liberazione.

READ  Un messaggio chiaro dal dottore dopo un weekend terrificante

C’è stata un’invasione sovietica della Norvegia, proprio nel Finnmark. per espellere gli occupanti tedeschi. Dopo la guerra, non era militarmente possibile espellere i sovietici dal Finnmark, se i sovietici volevano rimanere lì. Ma i sovietici sotto Stalin non volevano questo. L’Unione Sovietica non aveva alcun interesse nel 1945, come in precedenza la Russia non aveva alcun interesse ad occupare la Norvegia in tutto o in parte.

Oggi, la paura dei russi è significativa come lotta politica interna per le risorse finanziarie e una più forte subordinazione agli Stati Uniti. Come dare agli Stati Uniti aree fisse in Norvegia dove le autorità norvegesi non hanno nulla da dire. Naturalmente, la Russia e altri paesi lo hanno notato. Non è nell’interesse della Norvegia diventare uno stato negli Stati Uniti nello stesso momento in cui scegliamo di essere più sottomessi alla Commissione europea rispetto a qualsiasi altro stato dell’UE. Stiamo attirando l’attenzione come area di marcia per gli Stati Uniti.

VG e Dagens Næringsliv davanti alla paura russa di oggi
Più volte alla settimana VG pubblica commenti editoriali a sostegno delle preoccupazioni dei russi.

Cuba spia foto
foto spia americana

Nell’ultimo numero di quest’anno di Dagens Næringsliv, l’editore politico Frithjof Jacobsen ha scritto: «È molto triste che alcuni interlocutori norvegesi mostrino la propria comprensione della calunnia russa secondo cui la NATO è una minaccia o che la Russia dovrebbe avere una “area di interesse” in cui Putin deve decidere dei suoi vicini.». Non si può dire più chiaramente che è perfettamente accettabile che Cuba dispieghi armi nucleari, e che il tutto è… Crisi di Cuba nel 1962 Era il risultato dell’inaccettabile imperialismo statunitense. Un argomento un po’ sconosciuto dai sostenitori degli Stati Uniti.

Quando Russia e Putin si ritirarono
Cecily Hellstveit scrive nell’ultimo numero di quest’anno di giorno e ora saggio intitolato «duro contro duro La Norvegia entra nel decennio della divisioneS “. Lì lei dice:Nel 2008, quando la Russia ha aperto la strada alla Georgia, Putin ha segnalato agli americani che il processo del Kosovo nel 1999 era andato troppo oltre.“La Russia ha continuato a controllare la Crimea, e quindi l’intera marina russa. La Russia collabora con la Turchia e l’Iran ed è vittoriosa nella guerra siriana e «Garantire una posizione dirigenziale in Medio Oriente. La Russia è ora il garante del fuoco completo intorno sia alla Turchia che a Israele.»

Mikhail Gorbaciov
NTB funziona 24.12.21 Intervista dell’agenzia di stampa russa RIA Novosti a Mikhail Gorbachev. L’ultimo leader dell’Unione Sovietica dice in quell’intervista:

READ  Valer, Solor | se e May-Liss sono dipendenti dai dipinti di Sigmund

– A partire dal [Vesten, merknad politikus] Arroganti e fiduciosi, hanno dichiarato la vittoria nella Guerra Fredda, afferma il novantenne ex leader sovietico.

– Ma i “vincitori” hanno deciso di costruire un nuovo impero. Da lì è nata l’idea dell’espansione della NATO, dice.
Il presidente Vladimir Putin ora chiede garanzie che la NATO fermi l’espansione nell’Europa orientale e il mese prossimo Russia e Stati Uniti dovrebbero sedersi al tavolo dei negoziati.
Gorbaciov spera che Putin vinca la sua offerta.
– Spero che il risultato, dice.

Potrebbe anche esserci motivo di includere il recentemente scomparso Kåre Willoch. Credeva che fosse del tutto irragionevole aspettarsi che la Russia consegnasse le sue intere forze navali all’Ucraina. Quindi era abbastanza ragionevole per la Russia mantenere la Crimea e questo La NATO ha rinunciato alla sua pretesa sulla Crimea. Sanzioni contro la Russia Ha detto che dovresti dimetterti Salice.

La Russia si è rafforzata mentre gli Stati Uniti si stanno indebolendo
Cecilie Hellestveit scrive nel post Dag og Tid:

“Putin sta usando la posizione rafforzata che la Russia ha incontrato dal 2008 per tracciare linee rosse attorno a Madre Russia. Adesso è dura contro il duro”.

Scrivi anche tu:

“Tre anni fa, la nuova strategia di difesa degli Stati Uniti indicava che i jihadisti dovevano essere retrocessi. Che le guerre terroristiche continuino! Ora si tratta di tenere sotto controllo Cina e Russia (e Iran) — tecnicamente, economicamente e militarmente.
Tre anni dopo, una Russia rivista e sempre più sicura di sé ha deciso di escludere la NATO dall’Ucraina ad ogni costo. L’appetito della Cina per Taiwan sta crescendo e l’accumulo militare nel Mar Cinese Meridionale sta crescendo rapidamente”.

La Russia si rafforza e collabora con la Cina
Alcuni sostengono che il PIL della Russia non sia un’economia così buona come potrebbe suggerire il loro impressionante esercito. Ma è abbastanza per spingere politicamente gli Stati Uniti sulla difensiva. Quando gli Stati Uniti ora declassano la guerra al terrore, Hellstveit afferma che “nella guerra al terrore, Cina e Russia devono riempire il vuoto lasciato dagli Stati Uniti nel cuore dell’Asia centrale”. Hellestveit osserva che la situazione poco chiara dell’Afghanistan negli anni ’90 ha spinto la Russia e la Cina a creare l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO). Nel 2001 si è unito l’Uzbekistan, poi l’India e il Pakistan nel 2017 e l’Iran nel settembre di quest’anno”.La Shanghai Cooperation Organization era la più grande organizzazione regionale del mondo.“Ho anche scritto che, sotto gli auspici dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, nel 2015 Cina e Russia hanno condotto esercitazioni navali congiunte nel Mediterraneo al largo delle coste turche. Nel 2019, Russia e Cina hanno anche condotto esercitazioni congiunte fuori Kaliningrad e le forze russe hanno partecipato a giochi di guerra sul suolo cinese.

READ  Ai giovani: abbandona il ruggito del clima! - Dagsavisen

Norvegia: fare di più per gli Stati Uniti, in nome dell’umanità oltre che in nome della guerra
Tutte le misure di politica estera norvegese mirano a enfatizzare ulteriormente sia la politica economica della Commissione europea che gli interessi globali degli Stati Uniti. Non c’è più traccia della politica del dopoguerra di non provocare l’Unione Sovietica. Ora le truppe si stanno spostando verso il confine con la Russia. In precedenza, la Norvegia aveva una politica indipendente di riconoscimento di nuovi paesi. Ora solo secondo gli interessi degli Stati Uniti. Nel 1949, la Norvegia riconobbe la nuova Repubblica popolare cinese perché la Norvegia riconobbe allora qualunque regime avesse il controllo del territorio del paese. Gli Stati Uniti non hanno riconosciuto la Cina, il paese più grande del mondo, fino al 1972.

Hellestveit scrive nell’articolo citato:

In Norvegia, siamo ansiosi di tornare al primo mandato di Barack Obama. I talenti di grazia oratoria di Obama hanno reso fin troppo facile per Ola e Kari stare con tutto ciò che è buono e con tutto ciò che è male. Quindi la Norvegia può mostrare spudoratamente al mondo ciò su cui siamo stati: un carico e un’esplosione con un presidente americano di colore, per la democrazia e i diritti umani, contro le armi nucleari, per porre fine alle guerre nel deserto e portare la pace nella nostra terra. C’erano volte.

Paura dei russi, paura della Cina ispirata da Trump: parte della rivalità mondiale
La paura dei russi è una paura desiderabile e quindi necessaria di misure politiche ed economiche completamente diverse. Anche con il pieno controllo di Mosca, sorgerebbero altre “preoccupazioni” per scopi economici e politici. Allo stesso tempo, le preoccupazioni russe esprimono qualcosa di reale: la competizione economica internazionale rappresentata dagli stati è in aumento. Gli Stati Uniti sempre più indeboliti, i paesi occidentali, verso una Cina prospera con la Russia a sostegno. La rivalità si sta sviluppando, ma ci sono pochi segni di un’esplosione improvvisa. Potrebbe iniziare con diverse piccole guerre.

E che gli Stati Uniti e l’Europa dovrebbero prestare maggiore attenzione alle conseguenze del trasferimento della loro produzione industriale e dei dati in Cina. I molti sociologi e studiosi di letteratura in cui abbiamo investito piuttosto che i lavoratori dell’industria non sono un’arma potente nella rivalità imperialista.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su Politico

CampagneSupportaci