Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

-Mi sentivo come se il bullismo fosse colpa mia

-Mi sentivo come se il bullismo fosse colpa mia

Lunedì mi sono alzato Con la mia storia sul bullismo su Dagbladet e con un episodio podcast su NRK Podcast “Avrebbe dovuto essere il curriculum.”. Gli ultimi due giorni sono stati un ottovolante emotivo. Ora vorrei raccontarvi cosa è successo.

Mi sento più a mio agio nel comunicare argomenti e scienza, sia tramite i social media che in TV/radio. È più sicuro quando si tratta di scienza e più difficile quando è personale. Ho discusso spesso con me stessa se volevo aprirmi e raccontare tutte le cose brutte che sono successe. Cosa mi tratteneva?

Ho scavato e spinto i miei sentimenti e sono venuti rapidamente a galla. Vergogna. Sapevo che non aveva senso, nella mia testa.

Ma nel mio cuore sentivo di meritare quello che mi era successo. È stata colpa mia se sono stata torturata fisicamente e mentalmente per tre anni. La psicologia di questi sentimenti era così terrificante per me, così scioccante, che sapevo che dovevo farlo. Dovevo dire cosa è successo.

Che senso ha avere una grande piattaforma se non la usi per niente?

La vergogna è una potente copertura di censura. Vuol dire che teniamo dentro di noi le cose brutte, che rimaniamo in silenzio e che non parliamo di quello che è successo. Stringiamo i denti e ogni volta che arriva la sensazione dolorosa ci chiudiamo sempre di più. Alla fine, tutto ciò che restava era un muscolo attaccato a quello che dovrebbe essere veramente un essere umano.

Varia di anno in anno, ma l’ultimo sondaggio tra gli studenti mostra che il bullismo è in aumento nelle scuole primarie e che circa 58.000 bambini sono vittime di bullismo.

READ  Sforzandosi di raggiungere la sostenibilità nel settore universitario e universitario

Anche gli adulti sono soggetti a bullismo ed è difficile quantificare con precisione quanti siano. Quando ho lavorato al podcast NRK, ho approfondito questi numeri e statistiche e ho pensato: questo sono io.

Sono uno tra decine di migliaia di destini. Ma sono una persona, non un numero.

Mi ha colpito il fatto che ciò che ci manca quando parliamo di bullismo sono le persone che ci sono dietro. Storie. E alcune di quelle storie di cui voglio raccontarvi adesso.

– 58mila bambini sono esposti al bullismo nelle scuole


E quando mi sono svegliato lunedì mattina, La mancanza di sonno la notte prima mi aveva rovinato. Sapevo che era il primo episodio del podcast. Dagbladet voleva stampare questo numero con me tutto il giorno. Ero nervoso, agitato e agitato. E se devo essere completamente onesto con te, ho paura. Non so bene di cosa avevo paura. Paura di ridere? Paura di non crederci? Hai paura che qualcuno mi dica di smettere di cucire e di superarlo? Dopotutto, è successo 20 anni fa.

La mattinata passò e non c’era alcun segno che qualcuno avesse colto la bomba malata che aveva scatenato sul mondo. Il pomeriggio fu completamente tranquillo.

Stavo lavorando a una sceneggiatura, ma non riuscivo a concentrarmi e quando è arrivata la sera ho realizzato un post e una storia su Instagram. Poi è esploso.

Ho perso il conto delle storie che ho sentito negli ultimi due giorni. La mia casella di posta Instagram era piena di storie.

In tribunale: Cecily Haugen, 31 anni, ha citato in giudizio il comune di Drangdal, dove è cresciuta, chiedendo un risarcimento per il danno che credeva le avesse causato il bullismo nelle scuole primarie e secondarie.
Mostra di più

È diventato toccante, doloroso, orribile, Storie strazianti su messaggi di follower che non solo hanno vissuto la mia stessa cosa, ma hanno anche vissuto cose peggiori.

READ  Eropah Rampas Ryder Cup gioca l'AS di Roma

Che venivano fatti a pezzi e calpestati, picchiati e picchiati, che venivano minacciati con i coltelli e che vivevano in un’oscurità opprimente che quasi li schiacciava.

La cui immagine di sé è stata ridotta a brandelliche non credono in se stessi o nelle proprie capacità, o che credono di poter fare qualsiasi cosa.

Alcuni di loro hanno ricevuto aiuto, altri no, e per molti di loro – e questa è la cosa più importante – non hanno parlato né scritto delle loro esperienze. Si vergognavano. Hanno interiorizzato ciò che hanno sentito tante volte: c’è qualcosa che non va in te. È colpa tua.

La stessa vergogna che ho provato io. L’ho riconosciuto immediatamente.

Sono adulti ormai, ma portano con sé le loro ferite. Ferite invisibili. Non lo vedremo mai nelle statistiche sul bullismo. In effetti, non vogliamo nemmeno sentirne parlare. Alcuni dicono di aver paura della folla. Ricorda loro troppo situazioni in cui hanno perso il controllo molto tempo fa.

Altri dicono che non sopportano le critiche perché li riportano nel cortile della scuola, dove vengono criticati ogni giorno. Alcune persone non fanno amicizia perché hanno difficoltà a fidarsi degli altri, altre sono disoccupate perché subiscono ferite in età avanzata a causa di ciò che hanno vissuto quando erano giovani. Ciò che hanno in comune è che non ne parlano. Non hanno osato. Si vergognano.

Numeri mafiosi di gossip

Numeri mafiosi di gossip


Ma ora me lo dicono. Lunedì sera altri hanno cominciato a raccontare pubblicamente la loro storia. Hanno postato storie, postato su Facebook o hanno avuto una conversazione con qualcuno che amavano, e alcuni hanno detto che volevano raccontare cosa fosse successo, ma non sapevano ancora come. Qualcosa di indescrivibilmente mi ha sollevato. Dopo tanti anni, ciò che sembrava impossibile è diventato improvvisamente possibile.

READ  Holmstrand, Scuola Hof | Le principali carenze di Hof School: - Nevica sugli studenti in classe

Non posso prendermi alcun merito perché non riguarda me. Riguarda cosa succede quando ci apriamo, come l’onestà e la vulnerabilità ci motivano e come usare le parole per ferire crea grandi effetti a catena.

Toglie il dolore dalla vergogna. Rompe il silenzio oscuro, a volte un silenzio che dura tutta la vita.

Quando una persona parla, è più facile che parlino gli altri. Quando qualcuno apre una porta leggermente socchiusa, diventa più facile attraversarla. E ogni volta che passa qualcuno, la porta diventa più grande.

Quindi dobbiamo parlare. Dobbiamo raccontare le nostre storie. Da parte nostra dobbiamo andare avanti, raccontando a parole quanto accaduto, ma anche mostrando alla società la parte invisibile delle statistiche. Quella vita umana è stata distrutta. Abbiamo ferite che non guariscono completamente. Abbiamo bisogno anche di me per fare il prepotente.

Devi parlare con il bullo.