Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Microsoft è già nei guai

Microsoft è già nei guai

Siamo rimasti un po' sorpresi quando Microsoft, poco dopo aver completato l'acquisizione di Activision Blizzard, ha licenziato 1.900 dipendenti divisi tra Xbox e la società di giochi recentemente acquisita.

In caso di maltempo due settimane dopo il taglio rotondo

È facile capire perché: è stata una dura corsa ottenere l'approvazione dell'operazione in patria e all'estero, e poco dopo la diffusione della notizia alla fine del mese scorso, la Federal Trade Commission è entrata in campo e ha ritenuto che Microsoft avesse effettivamente violato l'accordo di acquisto. Quando licenziarono quasi 2.000 dipendenti.

La Federal Trade Commission ne ha inviato uno Reclamo Alla Corte d'appello federale:

“La Federal Trade Commission (FTC) scrive per notificare alla corte il piano annunciato pubblicamente da Microsoft di eliminare 1.900 posti di lavoro nella sua divisione di videogiochi. Queste informazioni recentemente divulgate sono in conflitto con le dichiarazioni di Microsoft nell'azione, che cerca di fermare temporaneamente l'acquisizione di Activision da parte di Microsoft in attesa una valutazione della Federal Trade Commission per i meriti antitrust della fusione.

Secondo la FTC, i tagli sono in contrasto con le precedenti assicurazioni di Microsoft secondo cui le società avrebbero operato indipendentemente da Microsoft:

“Il piano recentemente riportato da Microsoft di eliminare 1.900 posti di lavoro nella sua divisione videogiochi, inclusa la sua unità Activision recentemente acquisita, contraddice le precedenti dichiarazioni presentate a questa corte. Nello specifico, Microsoft avrebbe affermato che i licenziamenti facevano parte di un “piano di implementazione” che avrebbe ridurre le “aree di sovrapposizione” tra Microsoft e Activision – e ciò è in conflitto con il suggerimento di Microsoft a questa corte secondo cui le due società operano in modo indipendente dopo la fusione.

READ  Giochi che dovrebbero diventare serie TV - Parte 2 -

ITavisen sta seguendo gli sviluppi del caso.