Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Morto tra le braccia della moglie – VG

Sposato: Egli Kviderin, 50 anni, e Vladas Kvideris, 57 anni, lituani sono stati sposati per 25 anni prima che il 57enne fosse ucciso a morte a Lourensko l’anno scorso. I due hanno un figlio insieme.

LØRENSKOG (VG) Egle Kvederiene (50 anni) non dimenticherà mai le ultime parole del marito dalla cucina: “Perché hai bisogno di questo coltello?”

Inserito:

Poco dopo che quelle parole caddero, lenzuola e coperte si posarono su di lui per fermare l’emorragia dalla gola. Il marito è stato accoltellato e ha combattuto per la sua vita.

– L’ambulanza è arrivata rapidamente e ha preso il controllo. Ho visto sul piccolo schermo che all’inizio c’era un’attività cardiaca, ma poi mi è stato detto di andare nella mia stanza. Quando sono uscito di nuovo, c’era la polizia. Mio marito era morto, Eagle Kvidrin, 50 anni, dice a VG.

Un agente di polizia ha indirizzato la donna lituana su una sedia sul balcone. Alla fine, gli scienziati forensi le hanno chiesto di indossare guanti e borse per scarpe. È stata quindi portata alla stazione di polizia di Lillestrom per essere interrogata.

Un totale di sei persone collegate alla casa, inclusa lei, sono state arrestate e accusate dell’omicidio di Vladas Kvideris a Lawrenskog, la notte del 1 agosto dello scorso anno. Nessuno di loro si è dichiarato colpevole.

– Capisco che la situazione fosse sconcertante per la polizia e che sospettassero di noi tutti, dice Kvidrin.

Quando è arrivata alla stazione di polizia, le è stato chiesto di togliersi tutti i vestiti, tranne la biancheria intima, ha detto la 50enne.

L’intero corpo è stato fotografato. Non ho mai provato niente di simile prima. Poi ho capito che sarei andato in una prigione tranquilla e che ci sarei rimasto per un po’.

La cella è stata descritta come fredda, con sopra un letto di pietra con un materasso e un gabinetto d’argento. Anche un ufficiale è venuto da lei con un fazzoletto di carta igienica, dice Kvidrin.

– Mi ha chiesto di rilassarmi. Ero confuso: come posso rilassarmi? Ho capito di essere una sospettata – e sono stata rinchiusa, dice.

Guarda il video – e qui racconta la fatidica notte dell’omicidio di suo marito:

punire la polizia

Dopo il sonno Poche ore a letto, Kvedriene si è svegliato quando una poliziotta ha aperto un portello nella porta e ha sbirciato dentro.

– Le ho detto che non ho ucciso mio marito.

Ora in attesa dell’interrogatorio di tutti gli imputati: cinque uomini e due sacerdoti.

– Non avevo niente da nascondere, dice.

Al termine dell’interrogatorio, la donna lituana e altri quattro uomini sono stati rilasciati, mentre un uomo polacco (45 anni) è stato arrestato.

READ  Il tuo cane può vedere quando gli viene mentito

– Non è stato facile. Mi emoziono spesso, ma poi non sapevo se ridere o piangere.

L’avvocato Dag Svensson è stata nominata per la prima volta avvocato di una donna lituana, poiché è stata accusata di omicidio premeditato.

– Era incomprensibile. Ho avuto accesso ai primi rapporti della polizia ed era abbastanza chiaro chi fosse il colpevole. Non c’era motivo di dubbio. La polizia deve semplicemente accusare un uomo e interrogare altri testimoni. Non era necessario darle quel peso in più. Svensson dice a VG di aver perso suo marito in modo drammatico.

Oggi è avvocato assistenziale di una vedova.

Svensson afferma che l’anno precedente, nel 2020, un uomo era stato arrestato e accusato dell’omicidio dei suoi due figli. Anche questa accusa è stata ritirata.

La polizia ha commesso lo stesso identico errore in quel caso. Né c’era una base per prenderlo di mira. Svensson afferma che i due casi possono certamente essere confrontati.

Fondamentale: Dag Svensson è l’avvocato associato della vedova Eagle Kvederen (50).

Polizia: La situazione è molto poco chiara

L’avvocato di polizia Eric Brathen nel distretto di polizia orientale ha scritto in una e-mail a VG che la polizia è stata chiamata immediatamente in relazione a un grave incidente violento e che la situazione era molto poco chiara nella fase iniziale.

– Le informazioni e gli effetti sulla scena sono stati in parte contrastanti e sono state fatte valutazioni individuali di tutti coloro che erano presenti. Alcuni sono stati arrestati, altri sono stati portati in conformità con la legge sulla polizia. Alla fine tutti loro hanno ottenuto lo status di accusato, ma cinque sono stati rilasciati dopo poco tempo, continua Prathin.

L’avvocato della polizia ha dichiarato di aver presentato in anticipo richieste per l’arresto dei cinque rilasciati. Il procuratore generale ha archiviato questi casi il 14 ottobre dello scorso anno, poco più di tre mesi dopo l’omicidio.

– Come valuta oggi la polizia stessa gli arresti e le accuse?

– Con le informazioni che abbiamo oggi, ci diventa chiaro che il ruolo dei rilasciati è solo di testimoni. Tuttavia, le decisioni devono essere considerate alla luce delle informazioni disponibili al momento in cui vengono prese. Bratten risponde che si rivela essere errato in seguito è molto sfortunato, ma non necessariamente sbaglia la decisione quando è stata presa.

– Se fosse stato chiaro alla polizia chi fosse il colpevole, non avremmo fatto lo stesso. Fortunatamente, abbiamo preso una posizione anticipata per eliminare più accusati e rilasciarli immediatamente.

Indagine: quando la polizia ha isolato l’area intorno alla scena del crimine il 1 agosto 2020.

– Perché è stato necessario accusare tutti di omicidio e metterli in isolamento?

“Oggi sembra superfluo, ma all’epoca del delitto era molto importante per noi controllare l’autore del reato o gli autori di reato, oltre a garantire prove per risolvere un atto molto grave”, risponde il procuratore della polizia.

READ  Risultati San Marcos 2022: link per visualizzare risultati esami e lista partecipanti risultati OCA

– Cosa pensa la polizia dell’onere extra che attribuisce alla vedova dopo la vittima?

È estremamente tragico e terribilmente triste per chiunque perda i propri cari a causa di atti criminali. Con la decisione presa, fa male sapere cosa ha passato, e ovviamente avrebbe dovuto avere quel peso in più, risponde.

Il procuratore della polizia non vuole commentare il paragone con il duplice omicidio di Lorenskog nel 2020, perché non è stato coinvolto.

Nel dolore: Egli Kvedrine, 50 anni, ha perso il marito per 25 anni. Spera che il processo di agosto al cittadino polacco, 45 anni, accusato di omicidio, porti a termine il caso, così da poter andare avanti con la sua vita.

storia della vedova

VG incontra Egle Kvederiene al Lørenskog Village Museum, a pochi chilometri dalla scena. Vuole raccontare la sua storia del marito che le ha rubato.

Sabato 31 luglio scorso: La coppia lituana si è svegliata come al solito a casa a Lørenskog, proprio all’ingresso di Østmarka. Suo marito, Vladas Kvidiris, era un falegname e andò presto a lavorare. La moglie lavora come addetta alle pulizie in un centro fitness a Oslo. Era in ritardo per i compiti questo giorno d’estate.

– Stava andando bene in Norvegia e non aveva paura di lavorare molto. Ha sempre lavorato sodo fisicamente, anche quando era in Svezia e piantava alberi. Egle Kvederine VG dice che è stato un lavoro duro e buono.

La coppia si è riunita in Norvegia nell’estate del 2020, quando Eagle si è trasferito qui dall’Inghilterra. Condividevano la casa a Lørenskog con molti altri lavoratori stranieri. Ognuno aveva la sua stanza, mentre il bagno, la cucina e il soggiorno erano aree comuni.

– Ho lavorato fino a tardi e ho preso l’autobus per tornare a casa. Lungo la strada, ho chiamato mio marito. Ho sentito nella sua voce che era un po’ ubriaco, siamo sposati da 25 anni. Ha detto che c’era un uomo che è venuto a casa e che sarebbe andato a vivere lì quel giorno e che dovevo incontrarlo, dice.

Quando Eagle scese dall’autobus erano circa le 23.50.

– Il nuovo ragazzo era in cucina, dice.

Ucciso: Vladas Kvideris, 57 anni, è venuto dalla Lituania in Norvegia per lavorare come falegname, ed è stato poi ucciso.

– Era coperto di sangue

uomo nuovo Era un cittadino polacco che ora ha 45 anni. Gli era stata assegnata una stanza al secondo piano, mentre la coppia lituana aveva una stanza molto vicina alla cucina.

READ  KrF mescola politica e religione?

– Sono andato in camera a cambiarmi. Poi ha preparato del cibo e del caffè e si è seduta nella stanza, dice Kvederin.

Un altro uomo lituano alla fine è scomparso dalla casa. Non viveva lì.

– Forse ha capito che doveva andare a casa? , lei chiede.

In cucina c’era solo un polacco e Vladas Kvideris. Il sabato sera è diventato domenica sera.

– Ho sentito che i coltelli e le forchette sono stati lavati. Ho sentito mio marito dire al polacco: “Perché hai bisogno di quel coltello?” Poi ho sentito il rumore del tavolo della cucina che si muoveva. Kvidrin dice che non c’era un buon suono, quindi sono andato in cucina.

La scena che l’ha incontrata è stata crudele. Il marito giaceva a terra con le mani insanguinate. L’uomo polacco era in piedi accanto a lui con un coltello in mano, un coltello usato quotidianamente da tutti coloro che vivono in casa, dice Kvederen.

– Mio marito ha tagliato il palmo della mano. Si è anche toccato il collo. C’era anche del sangue su di esso. Il polacco è fuggito. Mi sono ricordata dai film che l’emorragia doveva essere fermata rapidamente, quindi ho portato lenzuola e lenzuola, dice.

Eagle Kvederen si è seduto sopra l’uomo e ha cercato di aiutarlo con le coltellate del coltello.

– Il polacco è sceso dal secondo piano, ci è passato davanti ed è sceso. Aveva uno sguardo completamente privo di emozioni, uno sguardo molto strano. Sentivo che guardava dall’alto in basso mio marito come se non valesse nulla. Non ci siamo scambiati parole. Dice che ci siamo solo guardati.

Scomparso: la vedova della vittima di omicidio Vladas Kvideris, 57 anni, ha molti ricordi di suo marito dalla Norvegia e dalla sua nativa Lituania.

spedizione

27 aprile di quest’anno L’uomo polacco di 45 anni è stato accusato dell’omicidio:

«domenica 1 agosto 2021 ca. Alle 00:30 a Lørenskog, Vladas Kvederis è stato pugnalato al collo con un coltello. (…]Kvederis morì poco dopo l’emorragia.‘, si legge nell’atto di accusa.

Nega la colpevolezza criminale.

Ora il processo è pendente. Per quattro giorni ad agosto, i dettagli della notte degli omicidi saranno rivelati al tribunale della contea di Romerrick e Glamdalen.

– Spero che il caso finisca con il processo quest’autunno, in modo da poter andare avanti con la vita.

Kfedrine e suo marito hanno dato alla luce un figlio insieme che ha studiato in un’università nella sua terra natale l’anno scorso.

– Non volevo chiamarlo io stesso per dirgli che mio padre era stato ucciso – così lo ha chiamato la polizia. Ha detto che nostro figlio non credeva in loro e ha chiesto di parlarmi.

– Com’è andata la conversazione con tuo figlio?

– All’inizio è stato facile… rispose lei.

Le quartine descrivono il periodo successivo all’omicidio come un periodo pieno di adrenalina, shock e dolore.

– Penso spesso a Vladas ea tutto ciò che abbiamo fatto insieme. mi manca lui. Siamo sposati da 25 anni. Ho paura di tornare a casa in Lituania. Ci sono più ricordi di lui che qui in Norvegia. Spero che il caso finisca con il processo quest’autunno, così posso andare avanti con la mia vita.

VG è stato in contatto con l’avvocato Gunhild Lærum, avvocato di 45 anni, in merito al caso.

– Non voglio commentare il caso finché non sarà ascoltato in tribunale. Lorum dice che ha scelto di fare un commento soggettivo sulla verità, lei è responsabile.