Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mussolini e Hitler salirono al potere democraticamente

Precarietà economica, immigrazione, nazionalismo etnico e la storia di un leader forte.

Queste sono le parole chiave che possono descrivere oggi molti paesi europei, ma definiscono anche il periodo tra le due guerre, il periodo in cui i paesi democratici hanno preso una svolta autoritaria, finendo infine in una guerra.

Tutti gli orari e tutti gli eventi sono ovviamente diversi. Ma molto dipende dai modelli consolidati relativi alla natura della razza umana. Non è cambiato molto nel corso dei secoli.

Ecco cosa dice nel dettaglio Elisabetta Cassina Wolff, storica dell’Università di Oslo:

Siamo governati dagli stessi sentimenti. Può essere ambizione, paura, vendetta o ricerca di sicurezza. Questo è il motivo per cui la storia è così importante per comprendere il presente, perché riguarda le persone.

Wolf ha approfondito per molti anni il fascismo e l’estrema destra e crede che il periodo tra le due guerre in particolare abbia molto da insegnarci sulla situazione attuale.

Elisabetta Cassina Wolff sostiene che l’estremismo di destra ha avuto facce diverse nel corso della storia, ma il contenuto ideologico è lo stesso: opposizione alla modernità liberale.

Sentimenti di umiliazione, paura e nazionalismo

Dopo la fine della prima guerra mondiale nel 1918, molti paesi europei hanno lottato politicamente ed economicamente. Secondo Wolff, sembra ancora brillante dopo gli anni ’20.

La maggior parte dei paesi vedeva le crisi come le peggiori durante e subito dopo la guerra e negli anni ’20 erano in procinto di stabilire democrazie stabili e liberali. Ad esempio, i diritti di voto sono stati estesi nella maggior parte dei paesi.

Poi arrivò l’ottobre del 1929, con il crollo di Wall Street. Gli effetti economici ebbero conseguenze disastrose per l’Europa, che negli anni ’30 era caratterizzata dal nazionalismo etnico e dal desiderio di vendetta.

– Prevaleva nei paesi che persero la guerra, in primis la Germania, ma anche in Italia, che credevo fosse uscita male dall’accordo di pace.

Il Trattato di Versailles, il trattato di pace tra la Germania e le “nazioni vincitrici” alleate, ridistribuì colonie e risorse tedesche. Ha anche disegnato nuovi confini nell’Europa orientale, il che ha portato alla diffusione di gruppi etnici in molti paesi.

READ  Cronin, Borz | Bombshell Netflix nel mercato finanziario: la corona norvegese a testa in giù

Così, gli anni ’20 divennero anche un periodo di immigrazione e in molti paesi dell’Europa orientale le minoranze faticarono a integrarsi.

Wolf osserva che c’era molta paura nella comunità. Xenofobia a causa dell’immigrazione e della paura del comunismo dopo la rivoluzione russa del 1917.

Combinato con l’etnonazionalismo e la crisi economica dopo Wall Street, questo ha contribuito a destabilizzare la politica, che stava diventando sempre più autoritaria.

Il principale nemico del fascismo: la democrazia liberale

Elisabetta Cassina Wolff afferma che negli anni ’30 il fascismo non ha dominato l’intera Europa, come a volte si può avere l’impressione.

La destra conservatrice, e talvolta gli estremisti di destra e antisemiti, sono stati i movimenti che sono cresciuti in modo più drammatico in molti paesi europei, specialmente nell’Europa orientale.

Attori e movimenti fascisti erano presenti anche nella maggior parte dei paesi. Questi hanno in particolare alcune caratteristiche comuni:

  • Erano anti-conservatori, democratici e liberali.
  • Erano rivoluzionari. Il progetto rivoluzionario consisteva nel rendere il suo paese “di nuovo grande” dopo le umiliazioni durante e dopo la prima guerra mondiale.
  • Erano populisti. Sia Mussolini che Hitler credevano di rappresentare persone reali ingannate da false élite.
  • Entrambi erano anticapitalisti e anticomunisti. Ideologicamente, il corporativismo fascista doveva rappresentare una “terza via” caratterizzata da unità, disciplina e cooperazione di classe. In pratica, le politiche economiche fasciste servivano gli interessi delle grandi imprese.
  • Hanno glorificato la violenza e hanno visto la violenza come un mezzo legittimo per raggiungere obiettivi politici.

– Ma solo in Italia e Germania i partiti ispirati da questa ideologia sono stati legalmente in grado di salire al potere e raggiungere i loro obiettivi e il loro programma politico, afferma Wolf.

Segui le regole della democrazia per prendere il potere

Il fattore determinante per l’acquisizione del potere reale da parte dei fascisti era se ricevevano sostegno politico o opposizione.

Laddove i movimenti conservatori o le élite di estrema destra si erano già affermate come potenti partiti politici, non c’era bisogno di fare affidamento sui fascisti, spiega Wolf.

Ascolta una conversazione sulla storia

In Francia, Gran Bretagna e Scandinavia, i partiti democratici erano abbastanza forti da rispondere a un potenziale spostamento autoritario.

– Mentre i partiti esistenti erano più deboli, come in Italia e in Germania, cercarono aiuto dai fascisti. In Italia i fascisti entrarono in Parlamento con una minoranza ristretta all’inizio degli anni ’20. Sono stati accolti in un’alleanza con i conservatori liberali, che all’epoca governavano il paese, e alla fine sono diventati il ​​partito dominante, dice.

Il partito cattolico ha giocato un ruolo decisivo nelle sorti politiche dell’Italia.

I cattolici rifiutarono fermamente di collaborare con i socialisti moderati. Questi non erano certamente comunisti rivoluzionari, ma socialisti riformisti che potevano essere un alleato politico di liberali e cattolici.

Il Partito Liberale degli anni ’20 faceva affidamento su alleanze politiche per ottenere la maggioranza in parlamento.

Fu una scelta tra socialisti moderati e fascisti. La scelta che fecero portò Mussolini prima a essere nominato capo del governo e poi ad avere la maggioranza in Parlamento per tutte le sue modifiche e provvedimenti legislativi.

Doppia strategia: violenza e retorica

Sia in Germania che in Italia, i fascisti avevano una doppia strategia. Da un lato, consisteva nell’uso della violenza di strada contro oppositori politici. D’altra parte, si trattava di retorica e manipolazione, di avere un buon dialogo con le élite.

I nazisti in particolare hanno frenato il loro comportamento violento e l’antisemitismo alla fine degli anni ’20, in modo da non intimidire l’élite, la classe media o la popolazione in generale.

Dal punto di vista di oggi, può essere difficile comprendere l’uso della violenza. Wolf si riferisce alla brutalità che ha caratterizzato l’intera comunità europea tra il 1914 e il 1918.

Dobbiamo ricordare che un’intera generazione ha assistito a una guerra di enormi proporzioni, dice Wolf.

Ritiene che la lotta contro il “nemico” comunista, che ha legittimato la violenza contro la “minaccia rossa” dopo la rivoluzione in Russia, non debba essere sottovalutata.

Le dittature non arrivano dall'oggi al domani.  L'italiano Benito Mussolini (a sinistra) e il tedesco Adolf Hitler salirono al potere in modo democratico, poi trasformarono l'Italia e la Germania in dittature.

Le dittature non arrivano dall’oggi al domani. L’italiano Benito Mussolini (a sinistra) e il tedesco Adolf Hitler salirono al potere in modo democratico, poi trasformarono l’Italia e la Germania in dittature.

Le dittature non arrivano dall’oggi al domani

Wolf ritiene che questa fase cruciale del periodo tra le due guerre in particolare meriti un attento studio.

READ  Un'amicizia che supera vittorie e sconfitte sul campo

I fascisti non salirono al potere con colpi di stato, né in Italia né in Germania. Ha sottolineato che hanno usato il sistema, che nei due paesi era una democrazia instabile, ma funziona ancora.

Le dittature non sono state introdotte dall’oggi al domani.

Spesso ci vogliono diversi anni e si realizza attraverso continui provvedimenti e cambiamenti legislativi che uccidono passo dopo passo i diritti politici e civili. Ci sono voluti sei anni prima che il sistema in Italia passasse legalmente dalla democrazia liberale alla dittatura. Hitler riuscì a farlo funzionare più velocemente, appena due anni dopo la sua vittoria elettorale nel 1933.

Forte cultura democratica – buone alleanze politiche

Sebbene la politica norvegese nel periodo tra le due guerre fosse collegata a un movimento operaio in crescita, ciò non significa che il fascismo non avesse sostenitori in Norvegia.

Wolf crede che la mancanza di potere dell’estrema destra in Norvegia abbia diverse spiegazioni.

In primo luogo, la Norvegia non ha vissuto la stessa frustrazione di molte delle nazioni perdenti e vittoriose dopo la prima guerra mondiale. In secondo luogo, la Norvegia non ha avuto conflitti etnici, religiosi o sociali irrisolti, dice e continua:

– In terzo luogo, la Norvegia aveva una forte tradizione democratica, come l’Inghilterra e la Francia.

Inoltre, Wolf mette in evidenza il panorama politico pragmatico. Nel Partito Operaio Norvegese c’era un Partito Socialdemocratico forte e moderato che non spaventava la classe media come faceva il Partito Socialista in Italia. Nel 1935 il Partito Contadino, l’odierno Partito di Centro, scelse di allearsi con il Partito dei Lavoratori.

Questo accordo politico è stato assolutamente cruciale per fermare qui coloro che avevano ambizioni autoritarie.

Wolf crede che anche oggi sia importante guardare più da vicino come i partiti affermati hanno risposto alle sfide dei partiti populisti di estrema destra. Ricorda anche che l’estremismo di destra, come ideologia politica, ha mostrato una continuità continua fin dalla Rivoluzione francese.

Ha facce diverse, ma il contenuto ideologico è lo stesso: opposizione alla modernità liberale radicata nella libertà e nel valore dell’individuo, lo Stato di diritto, la sovranità del popolo, la distribuzione del potere, la democrazia, il pluralismo e la protezione dei diritti delle minoranze, ha detto.