Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mustafa attrae – nessun avvocato – il servizio per i diritti umani

A seguito di un processo di cinque giorni nell’aula del tribunale 427, dove Mustafa Hassan è stato promosso contro il governo presso la direzione norvegese dell’immigrazione (UNE), una persona viene tenuta agli atti. Questa volta si doveva seguire il caso online, non dall’ufficio stampa del tribunale distrettuale di Oslo, che aveva riservato un’intera settimana al caso.

Abbiamo menzionato questo caso molte volte prima, ad esempio, la storia della mancata cura di Mustafa, una revisione del sistema di asilo e il precursore del caso ora concluso in tribunale distrettuale.

Non è difficile ottenere simpatia

Non è difficile ottenere simpatia per Mustafa. È arrivata in Norvegia nel 2008 con sua madre e quattro fratelli. Madre Samar Hassan ha detto che lei e i suoi figli erano palestinesi apolidi che sono fuggiti dalla guerra e dai disordini in Cisgiordania e hanno viaggiato in auto e in treno per cercare sicurezza in Norvegia.

Infatti, erano volati da Amman in Giordania a Cartermoine via Roma per vedere i fratelli della madre che avevano già vissuto qui. Sfuggivano facilmente al controllo passaporti perché avevano un passaporto giordano e un visto Schengen italiano (visto turistico).

Una volta in Norvegia, la famiglia ha chiesto asilo ed è stata collocata nel centro di accoglienza per asilo. L’UTI ha rapidamente concesso loro un permesso di soggiorno permanente – se la storia dell’UTI è considerata “ragionevolmente possibile”, i palestinesi instabili saranno felici di riceverla. UTI lo ha fatto perché la madre aveva nascosto il suo passaporto giordano.

I problemi della mamma

Alla fine si stabilirono ad Askar, Mustafa iniziò la scuola, fece amicizia e andò bene. Ma la mamma ovviamente deve combattere qualcosa. Già all’età di 13 anni, ha firmato un contratto con Fatah, che suo padre e sua nonna non hanno visto con occhi felici. Cosa stai facendo a una giovane donna che tira pietre agli ebrei a Napoli in Cisgiordania? Fu mandato ad Amman in Giordania e sposò con la forza suo cugino. Il parente non era troppo contento dell’evento. In tribunale, Mustafa ha descritto suo padre come un demone che aveva pochi contatti con lui.

In Giordania, come in altri paesi musulmani, l’uomo è il capofamiglia, e la violenza è perfettamente legale per mantenere la spiaggia all’interno della famiglia. Sebbene la Giordania sia un paese relativamente civile, non è qualcosa in cui è coinvolta la polizia. Ecco il motivo principale per cui mamma e bambino si sono imbarcati sul primo volo da Amman a Oslo. Ma i problemi coniugali non si sono mai rifugiati. In quanto tale, metà del Medio Oriente avrebbe avuto il diritto di chiedere asilo in Norvegia.

READ  Maserati Gran Turismo: La prima Maserati elettrificata

Con una madre con evidenti problemi di salute mentale, incapace di fornire assistenza a tutti i suoi figli, inizialmente è stato coinvolto il servizio di assistenza all’infanzia di Ascar. Per molto tempo anche lei se n’è andata, è scomparsa senza dire nulla e ha lasciato di nuovo soli i bambini. Così, oltre al servizio di assistenza all’infanzia, i genitori dei compagni di scuola di Mustafa sono stati coinvolti e hanno formato un “gruppo familiare” che potrebbe aiutare quando necessario. Si sono davvero alzati in piedi, come è stato evidente quando uno dei genitori è apparso come testimone. Per molto tempo Mustafa ha vissuto con alcuni di loro.

Permesso di soggiorno revocato

Dopo che la famiglia Hassan è stata informata dall’UTI che erano cittadini giordani, l’UTI ha revocato il permesso di soggiorno per l’intera famiglia. La decisione si appellava all’UNE e non c’era motivo di cambiarla.

Nei casi di immigrazione, è del tutto possibile dire no – no – citare in giudizio l’UNE e sostenere che la decisione non è stata presa legalmente. L’avvocato della famiglia lo ha fatto e ha perso la causa in tribunale distrettuale e corte d’appello. Dopo questo, la madre di Jordan è scomparsa per sempre. Mustafa e suo fratello maggiore Abdel si sono seduti e una decisione è stata presa poiché entrambi non avevano un permesso di soggiorno.

Abdel ha ottenuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari, principalmente a causa di condizioni mediche.

Base indipendente

Nel 2020 Mustafa ha chiesto un permesso di soggiorno su base autonoma, cioè non come figlio di Samar Hassan. Una nuova smentita è arrivata dall’UNE a novembre dopo che Mustafa ha compiuto 18 anni. Il tribunale distrettuale di Oslo doveva indagare sulla validità di questa decisione. L’accusa principale è che Mustafa debba ottenere un permesso di soggiorno per motivi umanitari §38 della legge sull’immigrazione Perché aveva vissuto in Norvegia per 12 anni perché l’aveva preso suo fratello. Si diceva che tutto il resto fosse una discriminazione ingiusta.

Quindi l’avvocato di Mustafa, Nikolai Schjert, ha passato molto tempo a sostenere che avrebbe dovuto essere come Abdel e ha chiamato due psicologi come testimoni nel caso.

È ovvio che i problemi di salute mentale possono nascere dal dover vivere in uno stato di incertezza in attesa di una decisione definitiva sul permesso di soggiorno. Mustafa ha detto alla corte che non poteva pianificare nulla e non sapeva cosa sarebbe successo la prossima settimana. Ma questo non si applica solo a Mustafa, si applica ugualmente a tutti nella stessa situazione. Come suo fratello, se gli viene concesso un alloggio per motivi umanitari, i problemi mentali dovrebbero essere considerati scomparire immediatamente.

READ  Alto Cardinale Vaticano accusato di frode - è comparso in tribunale nel nostro Paese

In altre parole, i problemi mentali non sono cronici, sono situazionali e sono legati a ciò che il tribunale deve decidere. Dovrebbero essere abbastanza grandi per ottenere un permesso di soggiorno?

Differenza di classe tra avvocati

Quando sei un avvocato da circa trent’anni e ci sono diverse centinaia di casi alle spalle nei tribunali norvegesi, acquisirai gradualmente un certo senso di dove si trova il paese. U.N.E. L’avvocato di Mustafa, che ha presentato la presentazione orale in maniera eccellente, ha messo in atto gli elementi essenziali del caso, dove l’avvocato Kaija Bijland era il modello da seguire. di Nikolai Schjert L’esatto contrario.

Sebbene completamente irrilevante per il caso, l’avvocato ha trascorso molto tempo a spiegare dove fosse nata la madre di Mustafa. Il motivo per cui a Samar Hassan ea tutti i suoi figli è stato negato l’asilo in Norvegia è che ha tenuto segreto di essere un cittadino giordano. Il luogo in cui è nata era indifferente all’UNE.

Inoltre, l’ha segnato CEDU (Conferenza Europea sui Diritti Umani) art. 8 E se il diritto alla vita familiare sia stato violato quando a Mustafa è stato negato il permesso di soggiorno. Ma poi non si accorse completamente che tutta la famiglia di Mustafa era in Giordania, tranne suo fratello Abdel.

L’avvocato Schgert ha affermato che è stato un errore pratico non presentare il caso di Mustafa a un gruppo di inchieste orali delle Nazioni Unite e che alla persona interessata sarebbe stata data l’opportunità di spiegarsi. Ma non c’è dubbio che solo un leader di comitato può decidere il risultato. Spetta all’UNE determinare se questo caso è abbastanza sospetto da poter essere portato in tribunale. Se Schjert si fosse preso la briga di vedere sopra 878 della legge sull’immigrazione Se solo l’avesse trovato prima piuttosto che perdere tempo in tribunale e accusare Mustafa da 2.500 a 3.000 corone a IVA per contestare tutto ciò che è regolato dalla legge. Perché quella è la sua tariffa oraria.

Tranne – se Mustafa compie presto 19 anni ed è in grado di fare acquisti al polo per molto tempo, come può citare in giudizio le regole del “miglior interesse dei bambini”? Quindi, credi che il tribunale distrettuale di Oslo possa decidere che gli dovrebbe essere concesso un alloggio per motivi umanitari secondo 38? Il cosiddetto “libero arbitrio dell’amministrazione” non può essere riconsiderato dai tribunali e possono solo determinare se l’UNE ha violato la legge. Deve essere fatto bene per stabilizzarsi.

READ  Il PLM mostra risultati chiari all'inizio della campagna di moda italiana

Mustafa è rimasto colpito

Non è facile spiegare com’è stato per un diciottenne comparire in tribunale, venire in Norvegia alle 6 e andare a scuola, fare amicizia e crescere. Asker, allora digli che non può vivere qui, che lui e il resto della famiglia saranno mandati in Giordania.

Inoltre, ha dovuto spiegare di una madre che non lavorava e di qualcuno che alla fine è scomparso. Ha detto di aver perso sua madre – con un padre in Giordania che lo ha classificato come un demone.

Ma si è spiegato in modo armonioso e corretto. Divenne chiaro che sarebbe potuto andare molto peggio se non fosse stato per il gruppo familiare che si era stabilito a sostenerlo. Nel complesso, è stato interessante che fosse eccitato quanto lui. Non tutti lo gestiscono.

Difendere?

È certamente possibile che mi fossi sbagliato, ma cinque giorni dopo, al tribunale distrettuale di Oslo, ho l’impressione che l’avvocato Schgert abbia usato Mustafa come una “vacca da latte” perché sapeva che erano state raccolte 750.000 corone. giuntura Mustafa dovrà riesaminare il suo caso in tribunale. A lui e al resto della famiglia Hassan nel dicembre 2017 è stato infine negato il permesso di soggiorno presso la Corte d’appello di Forgarting. Quella sentenza è definitiva e il tribunale distrettuale di Oslo non può farci nulla oggi.

Ora tre giudici – un giudice del tribunale distrettuale e due giudici ordinari – devono decidere il caso. Sospetto che vada come Mustafa, ma ho già commesso un errore. C’è sempre qualcosa chiamato rischio di processo. La cosa aspra è che in quel caso, 750.000 corone sprecate e finite nelle tasche di un avvocato, avrebbe dovuto essere sconsigliato di andare in tribunale. 750.000 NOK di capitale iniziale per una nuova vita in Giordania non sono in discussione.

La sentenza arriverà entro un mese e poi si arriverà al processo.