Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Netflix apre due pollici in su

Netflix apre due pollici in su

Al contenuto che non solo ti piace, ma ti piace.

Ecco come appare se ti piace Ryan Reynolds su Netflix.  Gran parte di Internet afferma che dovresti.

Netflix è noto da tempo per offrire un’esperienza di visualizzazione altamente personalizzata e algoritmica. Ciò che viene presentato in prima pagina su Netflix può dipendere da ciò che hai visto prima, dai generi che ti interessano e dal tipo di demografia a cui appartieni. Ciò che esprimi chiaramente che ti piace è ovviamente anche una parte di esso, e finora sono stato in grado di dare un pollice in su a ciò che ti piace di più.

Il servizio della serie sta ora aumentando la simpatia dei contenuti, passando da un solo pollice a un massimo di due pollici in su.

A comunicato stampa Lo dicono così:

– Ti piace o ti piace qualcosa? Se lo ami, lo dirai a familiari, amici e colleghi. Vuoi inondare i tuoi social media con esso. E ne vuoi di più subito.

Il modo in cui dici a Netflix che ora sarai in grado di usare due pollici in su. La soluzione viene implementata in tutti i luoghi in cui Netflix ha app, che si tratti di dispositivi mobili, TV o scatole come Apple TV e simili.

Due anni fa, è diventato noto che fino all’80 percento dei contenuti Netflix forniti si basava su consigli personali di un “algoritmo”: i grandi account si nutrono delle tue abitudini di visualizzazione e cercano di capire cosa potresti voler guardare dopo.

Netflix ha giocato in questo modo per consigliare contenuti per più di 20 anni. nel blog verso la scienza dei datiche si occupa dell’uso di statistiche, algoritmi e intelligenza artificiale, scrivono che il servizio ha iniziato a consigliare film basati sugli interessi nel 2000, quando il servizio di post-list stava inviando DVD.

Nel 2006 hanno lanciato la Netflix Challenge, il che significa che le persone oi team che riescono ad aumentare la precisione del loro algoritmo di raccomandazione del 10% o più in un anno possono vincere un milione di dollari.

Tra le caratteristiche che contribuiscono ai consigli c’è se il genere è adatto, se hai già guardato il titolo o se qualcosa è di tendenza ora. Quindi provi a fornire contenuti che “assomigliano” ad altri contenuti e lungo la strada c’è qualcosa chiamato test A/B, in cui il servizio cerca di mostrarti il ​​contenuto per vedere se cattura.

Se qualcosa non viene rilevato, verrà pesato e contenuto simile un po’ la prossima volta. Se realizzato, viene ponderato. La versione completamente automatizzata del pollice su e giù, se lo desideri, e praticamente aiuta un po’ Netflix e la tua esperienza di visualizzazione dicendo se ti piace qualcosa o no.

Gli algoritmi di raccomandazione sono diventati una parte enorme del modo in cui utilizziamo il web. Youtube, Facebook e TikTok sono altri luoghi che sono diventati famosi, se non famigerati, per il modo in cui funzionano gli algoritmi.

Poiché l’obiettivo della maggior parte dei servizi online è coinvolgere utenti attivi che possono anche visualizzare annunci o pagare per i contenuti, gli algoritmi generalmente vanno nella direzione di aumentare il coinvolgimento e il coinvolgimento degli utenti. Questo può essere fatto indirizzandoti a un thread su cui potresti voler trascorrere dozzine di ore o a un post di Facebook su cui probabilmente commenterai una volta che lo vedrai.

È interessante notare che uno dei più grandi successi di Netflix ha a che fare proprio con questo. dilemma sociale È stato il documentario a mostrare come gli algoritmi ci servano esattamente ciò che vogliamo, tenendoci così davanti a uno schermo ora dopo ora e non necessariamente migliorando le nostre vite nel processo.

Per molti spettatori del documentario, forse la parte “comune” dell’algoritmo di Netflix è stata quella che ha suggerito.

READ  L'aggiornamento Elden Ring introduce molte delle migliori armi del gioco e...