Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Noah è fuggito dall’Australia per tre anni per vivere l’aurora boreale e Tromsø – NRK Troms e Finnmark

È difficile da descrivere, ma sono super eccitato ed è fantastico. Mi ha insegnato che posso raggiungere le cose, se lo sostengo davvero, dice Noah.

Lui e sua madre, Anne-Marie Cahill, hanno viaggiato da Sydney a Tromso. Sono in Norvegia da qualche giorno e non c’è dubbio che il sogno si è avverato.

Da tre anni suona il clarinetto per strada per guadagnare soldi per viaggiare qui, principalmente per vedere l’aurora boreale.

Fin da giovane si è appassionato al mondo dell’astronomia. Dopo una tale esperienza, il vantaggio non è inferiore, al contrario.

Aurora boreale su Kvaluja a Tromsø. Noè ha assistito due volte a questo fenomeno naturale da quando è arrivato in Norvegia.

Foto: Olsen bruciato

Uno dei momenti salienti

“Ho trovato il tempo ogni settimana per suonare in strada, ed era qualcosa che mi piaceva davvero fare”, dice Noah.

Da quando aveva nove anni, suona per strada. Circa un’ora alla settimana veniva riservata per suonare il clarinetto, ma dopo la pandemia è diventato ancora più difficile.

Tuttavia, è riuscito a guadagnare e risparmiare per il viaggio.

È fantastico che la possibilità di godersi la vita all’aria aperta finisca con un viaggio a Tromso, afferma il dodicenne.

Ecco Noah l’8 dicembre 2018, che suona il clarinetto per le strade dell’Australia.

Il motivo principale per cui Tromsø è un sogno è l’aurora boreale. Lui e Anne Marie l’hanno visto due volte finora.

– È stato abbastanza magico, dice con un grande sorriso sul viso e continua;

Volevo vederlo perché è uno dei punti salienti della Norvegia, e andare all’estremo nord è una delle cose che volevo davvero. C’è anche molta scienza dietro, quindi volevo saperne di più.

Noah e mamma Ann Marie Cahill

Noah e sua madre, Annemarie Cahill, apprezzano di essere stati ben accolti dalla gente del posto a Tromsø.

Foto: Knut Anders Finnset/NRK

Noah ha trovato il suo ambiente

Se c’era qualcosa nelle notizie su un’eclissi o una pioggia di meteoriti, dice Anne-Marie e ride, mi chiedeva se potevo svegliarlo alle due di notte in modo da poter uscire e guardare il cielo.

Sua madre spiega che era sempre curioso e faceva domande sul perché le cose fossero accadute o perché le cose sembravano come sono.

– FiglioL’anno in cui è arrivata questa opportunità, era impossibile non coglierla.

I due australiani non solo hanno guardato l’aurora boreale, ma hanno anche ricevuto molte informazioni sulla scienza dietro di loro, per la gioia di Noah e Anne-Marie.

Forse è questo che ha reso la vacanza qui molto migliore. Noah ha trovato persone come lui. È importante trovare un ambiente in cui sentirsi a proprio agio. Così ha fatto Noè.

Crede che l’incontro con queste persone gli abbia dato la convinzione che anche lui può farlo.

Sua madre dice con un sorriso sul viso che può anche ispirare gli altri della sua età.

Oggi si incontrano anche con uno dei principali investigatori presso l’Osservatorio dell’aurora boreale a Tromsø per un tour e maggiori informazioni.

Noah dall'Australia a Tromsø

Noah è chiaro che tornerà a Tromso.

Foto: Knut Anders Finnset/NRK

Tornerò di nuovo

Noah è diventato più interessato e ispirato dopo questo viaggio.

Noah dice: C’è ancora molto che voglio fare, perché Corona ha chiuso molto, quindi ho intenzione di tornare indietro.

La pandemia ha naturalmente ridotto il turismo nell’aurora boreale.

Prima della pandemia, non c’erano quasi posti a sedere per tutti i turisti dell’aurora boreale. Lo afferma Magne Arnfinn Moen, direttore generale di Aurora Borealis Tromsø.

– Era così selvaggio che non ne avevi idea. Il rappresentante del turismo ha affermato che probabilmente c’erano circa 1.500 ospiti ogni notte che uscivano per vedere l’aurora boreale.

Questa stagione è stata migliore della precedente, ma secondo Moen c’è ancora molta strada da fare prima che fosse prima della pandemia.

Sa che ci sono molti che risparmiano diversi anni per fare un viaggio per vedere l’aurora boreale, ma non i ragazzini di 12 anni.

– Non sai mai se arriverà, dove nel cielo, quanto è forte, quanti colori o quanto movimento. È così speciale vedere l’aurora boreale, anche per me.

Tromsø da Wilheusen

Noah e Annemarie sono saliti sull’ascensore di montagna per guardare Tromsø.

Foto: Knut Anders Finnset/NRK

READ  In che modo l'intelligenza artificiale può comprendere il tempo e lo spazio?