Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Non conosco nessun giovane che voglia votare per Erdogan – NRK Urix – Notizie e documentari dall’estero

– Non conosco nessun giovane che voglia votare per Erdogan – NRK Urix – Notizie e documentari dall’estero

Più di 65 milioni di persone possono votare e un voto su quattro potrebbe provenire da persone di età compresa tra i 18 e i 30 anni.

Cabine elettorali in fila a Istanbul – in una di queste bancarelle uomini e donne in fila per reti della spesa gratuite con il logo dell’AKP – Recep Tayyip Erdoğan festa.

Un po’ più lontano vengono distribuiti dei volantini per il candidato dell’opposizione Kemal Kilicdaroglu. Una giovane coppia appoggiata alla cabina elettorale.

– C’è molto in gioco in queste elezioni, dice Enigin Yallagøz, 30 anni.

Foto: Åse Marit Befring/NRK

Vita e morte per la Turchia

Per la Turchia, dice Enigin Yallagøz, è una questione di vita o di morte. Il trentenne spera che Erdogan e il sistema presidenziale che gli ha dato così tanto potere scompaiano.

Riferendosi a lui come a un dittatore, crede che Erdogan lo abbia perso di vista quando critica i giovani per non essersi sposati.

– QuintoNon ho scelta: non possiamo permetterci di sposarci, dice il trentenne mentre tiene in braccio la sua ragazza.

Nelle ultime elezioni, un elettore su quattro aveva tra i 18 ei 29 anni. Più di 5 milioni non hanno votato prima quando ora vanno alle urne, e non ricordano nessun leader oltre a Erdoğan.

I miei genitori voteranno per Erdogan, ma non ho ancora deciso, dice Gokdeniz Bayer. Il diciannovenne siede su una sedia bassa a un tavolino in un caffè all’aperto in una zona conservatrice di Istanbul.

Effie Kotluata (18) e Gokdeniz Bayer (19)

I compagni Yves Kotluata (TV) e Gokdeniz Bayer sono fortemente coinvolti nelle elezioni presidenziali.

Foto: Åse Marit Befring/NRK

Per me, è una via di mezzo Kilicdaroglu Ed Erdogan, dice. Riguarda questi due, anche se ci sono anche altri candidati.

L’amico diciottenne è sconvolto dal fatto che stia persino considerando di votare per il presidente in carica.

Cerco di farlo cambiare, ma non credo che capisca fino in fondo, dice Yves. Il diciottenne dice di non sapere quasi quali giovani voteranno per Erdogan, perché tutti vogliono il cambiamento.

Perché le cose non vanno bene in questo paese, dice Evie.

Turchia Erdogan

Il presidente Erdogan ha pronunciato un discorso elettorale a Istanbul venerdì della scorsa settimana.

Foto: Francisco Seco/AP

lotta per la sua vita politica

Recep Tayyip Erdoğan Sta combattendo per la sua vita politica dopo 20 anni al potere nella campagna elettorale più drammatica degli ultimi anni.

Guida un partito islamista moderato che si è rafforzato da quando è diventato primo ministro nel 2003. Il suo partito, il Partito per la giustizia e lo sviluppo, da allora ha vinto tutte le elezioni nazionali. Quando Erdogan si candida alla presidenza per la terza volta, la posta in gioco è alta.

Il rivale di Erdogan è soprannominato il Gandhi turco. A Kemal Kilicdaroglu piace fare campagna dal tavolo della cucina. Guida un partito non religioso, ha promesso di promuovere la democrazia e ha detto che si sarebbe dimesso dopo un po’.

Manifesto elettorale con Kemal Kilicdaroglu

Kemal Kilicdaroglu è il rivale di Erdogan alle elezioni.

Foto: Åse Marit Befring/NRK

È anche tra i due. In media negli ultimi dieci sondaggi di aprile, Kilicdaroglu ha ricevuto il 47,5% mentre Erdogan ha ricevuto il 44,4%.

Quando si tratta di sostegno tra i giovani, uno dei tanti sondaggi ha mostrato che solo il 20% di quelli di età compresa tra i 18 e i 25 anni sostiene Erdoğan.

Erdogan ha annullato diversi eventi elettorali negli ultimi tre giorni a causa di una malattia. Si è ammalato durante un’intervista televisiva martedì. Il ministro della Sanità Fahrettin Koca ha dichiarato di avere un’infezione allo stomaco.

Ci sono state molte speculazioni sulla salute di Erdogan. Ma sabato è tornato allo zoo. Poi è apparso sul palco durante un festival a Istanbul.

Berk Esen, professore associato all'Università Sabancı di Istanbul

Berk Esen è Professore Associato presso l’Università Sabancı di Istanbul.

Foto: Åse Marit Befring/NRK

Democrazia nel destino

Se Erdogan vince, in futuro sarà difficile cambiare il governo con mezzi normali, ritiene Berk Esen, professore associato di politica all’Università Sabancı di Istanbul.

Crede che la democrazia stessa stia nella ciotola e descrive lo sviluppo della Turchia come un luogo tra il Venezuela e l’Ungheria.

– Se vince, sarà molto più difficile per l’opposizione cambiare qualcosa. Hrdogan si stringerà di più. Ma per la prima volta da molti anni, l’opposizione ha la possibilità di vincere. Per raggiungere questo obiettivo, il rivale di Erdogan deve avere il sostegno di tre gruppi, ritiene Esen.

Kemal Kilisdaroglu dovrebbe ricevere sostegno dai giovani, dai nazionalisti che non amano Erdogan e dai curdi.

Alp Çobanoğlu (25), Hasan Basri Berker (18) e Resol Hosseinzadeh (18)

Tre amici a Gezi Park. Da sinistra: Alp Çobanoğlu (25), Hasan Basri Berker (17) e Resul Huseynzade (18).

Foto: Åse Marit Befring/NRK

– l’ultima speranza

Tre amici seduti a Gezi Park. Hasan Basri Berker compie 18 anni quattro giorni prima delle elezioni del 14 maggio. Durante il tumulto al parco nel 2013, aveva solo 8 anni.

Le proteste sono iniziate per i piani per rimuovere 600 alberi, ma si sono evolute in una protesta contro il sistema del Paese.

Ricordo di aver sentito sassi e colpi di arma da fuoco e di aver capito per la prima volta cos’era la politica, dice Hassan.

Lui e il diciottenne Rasul Hosseinzadeh hanno deciso.

– Voto per Kilisdar Oglu, ma voterò per un altro partito alle elezioni parlamentari. Resol afferma che Kilisdaroglu è l’ultima speranza della Turchia.

Molti giovani hanno lasciato il Paese: la domanda è se qualcuno dei candidati abbia buone soluzioni per invertire questa tendenza.

Hassan dice che la domanda se sia possibile continuare a vivere in questo paese lo rende triste e ansioso. Si chiede se i giovani debbano cercare un futuro in un altro paese.

Tirannia o democrazia? Sviluppo o corruzione? Questo è ciò tra cui dobbiamo scegliere. Dopo queste elezioni, il nostro Paese vedrà giorni migliori. Credo che noi giovani continueremo a eleggere leader migliori dopo queste elezioni.

– Se lo stesso governo viene rieletto, tutti i giovani fuggiranno dalla Turchia. Hassan dice: Ma abbiamo speranza.

Enigin Yallagøz (30) e il suo fidanzato

Enigin Yallagøz (30 anni) con e il suo fidanzato.

Foto: Åse Marit Befring/NRK

Enigin Yallagøz ha la stessa preoccupazione.

Non posso sopportare di pensare a cosa accadrà se Erdogan vince, dice.

Mentre molti dei suoi amici stanno pensando di lasciare la Turchia se ciò accade, dice che vuole restare

Questo è il mio paese, combatterò fino alla fine.


READ  Israele attacca il Libano