Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Norvegia – il paese marino che permette alle persone di annegare

La risposta dell’Europa alla crisi dei rifugiati

La crisi nel Mediterraneo centrale non è nuova. Si è sviluppata dopo la primavera araba del 2011. In Europa, la crisi ha ricevuto per la prima volta un’attenzione particolare nell’ottobre 2013, quando un peschereccio libico carico di migranti si è schiantato al largo dell’isola meridionale italiana di Lampedusa. Vicino a terra, davanti agli occhi dei bagnanti spaventati su una famosa spiaggia nel sud dell’isola, un peschereccio si è capovolto, trascinando verso la morte più di 300 migranti. Le immagini hanno scioccato l’intera Europa.

Bisognava fare qualcosa. Poco dopo, le autorità italiane hanno lanciato l’Operazione Mare nostrum (9). L’Italia ha dovuto cercare attivamente i migranti nelle acque al largo della Libia e venire in loro aiuto. L’operazione disponeva di significative risorse militari, tra cui diverse navi, sottomarini e aerei. L’operazione si dimostrò presto troppo costosa per l’Italia da sostenere da sola e terminò dopo solo un anno. A sua volta, l’Unione europea ha istituito l’operazione Triton (dal 2018 operazione Themis) sotto gli auspici dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex). (10). Un totale di 28 paesi hanno partecipato all’operazione, inclusa la Norvegia. A Triton viene assegnato un compito complesso, compreso il controllo delle frontiere e l’indagine sulle reti criminali. La ricerca e il salvataggio non sono stati formalmente avviati come parte della missione, al di là degli obblighi generali imposti a qualsiasi skipper ai sensi del diritto del mare. La Norvegia ha sostenuto il Tritone con polizia, forze armate e navi Sim Pilot e capitano olimpico. Nel 2015-2017 la Norvegia ha salvato circa 30mila vite nel Mediterraneo.

READ  NAF: il 2022 sarà l'ultimo anno per i veicoli elettrici duty-free

La chiusura del Mare nostrum nel 2014 ha notevolmente indebolito la capacità di soccorso nel Mediterraneo centrale. Tritone aveva meno risorse a sua disposizione rispetto al suo predecessore, i compiti erano più numerosi e l’area delle operazioni era più isolata. Il vuoto creato è stato riempito da attori senza scopo di lucro. MSF, SOS Mediterranée, Sea Watch, Migrant Offshore Aid Station con diverse capacità di soccorso consolidate nel Mediterraneo. Le organizzazioni hanno contribuito a coprire la mancanza di volontà politica di cercare e salvare le autorità europee. Gli operatori umanitari sono stati salutati come eroi.

Il vento cambierà presto. Con l’aumento dei flussi migratori attraverso il Mediterraneo, il sospetto e la sfiducia si sono diffusi in Europa. C’erano idee che il salvataggio in mare ha contribuito ad aumentare l’immigrazione. La maggior parte dei migranti sarebbero stati cacciatori di ricchezza senza bisogno di protezione. Si diceva che gli immigrati potevano essere aiutati ovunque si trovassero e venivano avvertiti delle “condizioni svedesi”. I social media sono stati utilizzati attivamente per diffondere accuse scarsamente documentate. La polarizzazione è stata dirompente per il dibattito. Gli operatori umanitari i cui sforzi sono stati elogiati nel 2015, sono stati accusati di corresponsabilità per la difficile situazione e il traffico di esseri umani. (11).

Nessuno può vivere nell’incertezza sul fatto che le autorità europee si oppongano attivamente all’umanità e affoghino deliberatamente le persone

Le mutate condizioni politiche in Europa hanno portato a un graduale declino delle capacità di soccorso di Frontex. È aumentata l’enfasi sul controllo delle frontiere e sul controllo della criminalità. La proposta di rafforzare le capacità di soccorso di Frontex, presentata al Parlamento europeo nel 2019, non ha ottenuto la maggioranza (12). Dal 2019 Frontex ha un’impronta molto modesta nel Mediterraneo (13). La capacità di soccorso in mare è stata ampiamente sostituita dalle capacità di sorveglianza aerea. Le organizzazioni umanitarie hanno un divario sempre crescente.

READ  La Borsa di Oslo apre in ribasso