Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Omaggio a Kåkånomics

Omaggio a Kåkånomics

Aftenbladet riflette: Le questioni economiche sono troppo importanti per essere lasciate ai soli economisti. Per questo motivo è per noi un piacere organizzare un festival economico così interessante nel centro di Stavanger.

Pubblicato: Pubblicato:

iconacapo

Questo è un leader. Il manager esprime le opinioni e le analisi di Stavanger Aftenblad.

Il Kåkånomics Economic Festival, che si è tenuto quest’anno per la settima volta, è stato un grande successo.

Ora ci sono molti modi per misurare il successo. Alcuni (spesso il festival stesso) affermeranno che il festival è più grande che mai, con più eventi, più biglietti venduti e più arene esaurite. Questo può essere importante e divertente allo stesso tempo.

Ma potrebbe essere altrettanto importante che il festival non perda di vista il motivo per cui è stato creato.

Lo sfondo di Kåkånomics è la “comunità della discordia” coltivata attorno alla cattedrale di Kåkå Kverulant, con il forte sostegno ideologico e finanziario di Christopher Stensrud, fondatore e direttore principale di Skagen Fondene. Stensrud, scomparso nel 2021, amava le belle discussioni.

Cioè, amava le discussioni, qualcuno che osava sfidare il pensiero convenzionale e porre domande difficili. E volevo contribuire a creare una piazza proprio per questo scopo.

La direzione del festival ha potuto attenersi a questo. È bello vedere che il programma contiene ancora interventi che provocano e sfidano le convenzioni e aprono la strada a un vero dibattito.

Ad esempio, quando il ministro dell’Industria Jan Christian Vestre e il professore di economia Torvin Harding si incontrano sul palco e discutono di fabbriche di batterie e data center, difficilmente riescono a mettersi d’accordo su che giorno sia. Ma decisero di prendere un caffè insieme in un’altra occasione.

READ  Il tuo cane può vedere quando gli viene mentito

Questa è l’essenza di una conversazione pubblica informata. Opinioni diverse inevitabilmente si scontrano e, nella migliore delle ipotesi, entrambe le parti – e coloro che hanno ascoltato – diventano un po’ più sagge.

È un piacere vedere che così tante persone si recano a così tanti eventi. Sia le persone che lavorano con e intorno all’economia, sia i laici interessati a cui piace ascoltare le discussioni.

L’intenzione di un festival come questo è sempre stata quella di essere anche divertente. Fortunatamente c’è ancora molto di cui ridere, anche nei periodi bui in molti settori in patria e all’estero.

Una lezione utile che si può imparare partecipando a un festival di economia è che l’economia non è una scienza esatta. Gli economisti possono essere fortemente in disaccordo su questioni importanti e lo fanno. È facile trovare un economista convinto che l’unica cosa sensata da fare sia tagliare le tasse. È anche facile trovare qualcuno che crede che, al contrario, vada incrementato. Un economista potrebbe ritenere perfettamente giusto aumentare ulteriormente i tassi di interesse. Un altro ritiene che la Banca di Norvegia abbia fissato tassi di interesse troppo alti.

In altre parole, l’economia non ha valore nella società senza politica. Sono l’economia e l’ideologia che insieme modellano la politica economica.

Pubblicato: