Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Per paura di non poter più giocare dopo la vaccinazione con bypass coronarico

Il chitarrista Eric Clapton ha recentemente condiviso la sua esperienza con l’ultima dose del vaccino Corona AstraZeneca in una nota dell’ingegnere italiano Ruben Monotti Grazidi.

Ha descritto la sua esperienza con il vaccino come “disastrosa” e temeva che avrebbe avuto conseguenze disastrose per la sua carriera musicale.

“Avevo paura di non suonare mai più”, spiega Clapton Los Angeles Times.

È uscita la canzone di protesta

L’attivista anti-lockdown Clapton ha preso la prima dose del vaccino Astra Zeneca a febbraio. Questo è stato solo due mesi dopo che Clapton ha pubblicato “Stand and Deliver” con il cantante Van Morrison.

La canzone è una protesta contro le misure di lockdown in Gran Bretagna e il testo chiede, tra le altre cose: “Vuoi essere un uomo libero o uno schiavo? Vuoi che queste catene giacciano nella tomba?”

Poco dopo la prima dose del vaccino contro la corona, Clapton ha manifestato gravi effetti collaterali che sono durati per dieci giorni.

Quando stava per riprendersi, gli fu detto che avrebbe ricevuto la seconda dose in dodici settimane.

Sei settimane dopo, gli è stata offerta la seconda dose del vaccino. Poi ha imparato di più sui rischi del vaccino, ha affermato.

arti congelati

Dopo la seconda dose, ha sentito di nuovo effetti collaterali significativi.

Le mie mani e i miei piedi erano congelati, insensibili o doloranti. È stato inutile per due settimane. Clapton dice che ho la neuropatia periferica e non dovrei mai essere vicino a un ago, ma il pubblicitario ha detto che il vaccino era per tutti.

Polineuropatia, o neuropatia periferica, significa che i nervi periferici del corpo non funzionano correttamente. In altre parole, conducono male i segnali nervosi e questo è tipico soprattutto per i piedi Informatica sanitaria norvegese.

READ  Nuova felicità familiare per Stian Blipp e la moglie Jamina Iversen

Molte persone possono sperimentare una differenza nella gravità degli effetti collaterali dopo la prima e la seconda dose del vaccino contro il coronavirus.

per me Istituto Nazionale di Sanità Pubblica Inoltre, gli effetti collaterali del vaccino AstraZeneca possono includere dolore al braccio dopo una puntura, mal di testa, affaticamento, dolori muscolari e articolari, febbre, brividi e nausea o malessere.

Questi sono chiamati sintomi lievi che scompaiono dopo pochi giorni. Se la sensazione di malattia non si attenua e si vedono segni di una malattia grave, è necessario contattare il medico.

coagulo di sangue

Il vaccino AstraZeneca è stato discusso in molti paesi dopo eventi gravi come i coaguli di sangue che si sono verificati dopo la vaccinazione. In alcuni casi, è finito con la morte.

Un gruppo di esperti dell’FHI ritiene che non ci siano abbastanza informazioni sul vaccino e che in retrospettiva sia stato difficile dire qualcosa su chi manifesta effetti collaterali gravi come coaguli di sangue e piastrine basse.

Inoltre, non esiste un trattamento efficace per i gravi effetti collaterali che si sono verificati con AstraZeneca.

Scarto del vaccino: la Norvegia ha scelto di abbandonare il vaccino AstraZeneca perché i difetti del vaccino superavano i suoi effetti. Nella foto: Teri Pedersen

Il vaccino AstraZeneca non è più in uso in Norvegia dopo che il governo ha deciso di annullarlo.

Il governo ha deciso che il vaccino AstraZeneca non sarà utilizzato in Norvegia, né volontariamente. Il ministro della salute Bint Hoy ha dichiarato all’inizio di maggio che gli effetti collaterali rari e gravi che abbiamo visto in Norvegia suggeriscono che i rischi non superano i benefici.

Il primo ministro Erna Solberg ha anche chiarito che poiché la Norvegia ha accesso ad altri vaccini come Pfiser, il vaccino AstraZeneca potrebbe essere scartato.

La Norvegia è in una situazione speciale. La Norvegia ha ritenuto che gli svantaggi fossero superiori agli effetti del suo utilizzo. Solberg ha affermato all’epoca che la valutazione di ciò sarebbe stata diversa in molti altri paesi perché l’infezione è molto maggiore.