lunedì, Luglio 22, 2024

Perché l’economia russa sta andando così male?

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

– La Russia ha deboli prospettive di crescita economica.

Jardar Östbo è professore presso l’Istituto per gli studi sulla difesa (IFS) e dirige un progetto in cui i ricercatori hanno esaminato più da vicino l’economia del nostro grande vicino antidemocratico.

– In Russia, non è che il presidente Vladimir Putin si svegli la mattina e sappia di avere tutto il potere nel paese.

Il sistema di potere russo si basa su tre diverse élite di potere, popolarmente chiamate “clan”, afferma Ostbo.

Questi tre clan controllano il denaro e le altre risorse del paese. Putin deve costantemente assicurarsi di mantenere un equilibrio tra loro.

Qui, secondo i ricercatori, risiede il principale problema economico della Russia.

Le élite e il fragile equilibrio di potere tra loro ostacolano il cambiamento e l’innovazione.

Ciò rallenta anche la possibilità di migliorare le condizioni di vita della maggior parte dei russi.

L’élite più potente proviene dall’apparato di sicurezza

Negli anni successivi al crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, questo è stato il caso I pochiPersone che hanno preso la proprietà di grandi aziende privatizzate, che hanno deciso molto. Tanto che erano d’accordo tra loro.

Quando Vladimir Putin salì al potere nel 2000, era un candidato consensuale, qualcuno che molti nell’élite di allora concordavano fosse abbastanza bravo come leader. Putin avrebbe dovuto proteggere i membri dell’élite dagli attacchi reciproci. È stato in grado di farlo grazie agli alti prezzi del petrolio.

– Ostbo dice: – Oggi ci sono persone con un passato nei servizi di sicurezza e nell’esercito, e sono diventate l’élite più potente in Russia.

Lo stesso Vladimir Putin proviene originariamente da questo gruppo, che si chiama Siloviki. Il ricercatore afferma che una combinazione di fattori politici ed economici all’estero e in patria fa sì che queste persone siano quelle che ora dominano.


Gardar Östbo è professore presso il Dipartimento di Studi sulla Difesa (IFS) e dirige il progetto di ricerca RUSECOPOL.

La terza élite è un gruppo di leader della burocrazia statale. Ma questi sono i partner minori tra le tre élite che oggi governano la Russia.

– Gran parte del lavoro che Putin deve fare dopo essersi svegliato la mattina è impedire che questi clan si attacchino a vicenda. Qualcosa del genere è successo negli anni ’90.

Regole non scritte per distribuire denaro ai ricchi

Sotto Putin c’erano regole non scritte su come distribuire le risorse e il denaro tra queste tre élite russe.

READ  Fare la spesa | Vuoi una nuova maniglia del negozio: - Le persone stanno lottando

Gran parte del lavoro quotidiano del presidente Putin consiste nel garantire che ciò che accade tra i clan sia quanto più prevedibile possibile.

Ma Putin non può restare seduto per sempre, e negli ultimi anni ha svolto un ruolo un po’ più isolato, portando a maggiori disordini tra le élite, dice Ostbo.


Dall’annuale Fiera dei Milionari a Mosca. Il collante che tiene unita l’élite russa è la possibilità che un gruppo di persone benestanti ottenga più soldi, se mantengono la pace tra loro. Le regole non scritte devono garantire che le cose rimangano così. Ma i ricercatori sottolineano che si tratta di un equilibrio delicato. Il presidente Putin deve costantemente intervenire e mediare tra i membri dell’élite al potere che non sono d’accordo sulla ricchezza.

La concorrenza crea incertezza

– Tutti coloro che svolgono attività economiche di una certa dimensione in Russia appartengono a uno di questi tre clan, dice Ostbo.

Ma la rivalità tra clan all’interno dell’élite dominante russa crea costantemente incertezza sul futuro.

Ciò, a sua volta, crea una mancanza di reinvestimento costruttivo dei fondi nell’economia russa.

Inoltre, le élite russe non sono in grado di concordare alcun tipo di visione per il futuro della Russia.

– Un altro ostacolo alla crescita economica è che tutti sanno che il modo migliore per fare soldi in Russia è ottenere un grosso ordine dal governo.

Ma questi ordini vanno sempre a chi è vicino a Putin, dice Ostbo.

Allo stesso tempo, è pericoloso avviare progetti privati ​​al di sopra di una certa dimensione. Aiuta anche a rallentare la crescita economica.


Il misterioso palazzo di Putin sul Mar Nero. Il leader dell’opposizione incarcerato Alexei Navalny ha affermato in un video su YouTube visto più di 100 milioni di volte che il palazzo era un regalo dei ricchi amici di Putin. Il miliardario Arkady Rotenberg, partner di judo del presidente Putin, afferma di possedere il palazzo. Secondo Navalny, il prezzo del palazzo supera i 10 miliardi di corone norvegesi. Secondo la BBC L’edificio è stato sottoposto ad un diffuso attacco di muffa ed è stato pertanto chiuso.

Il conflitto in corso con l’Occidente

Vladimir Putin e l’élite dominante russa hanno bisogno di qualcosa che possa unire insieme la nazione russa.

Qui si usa il patriottismo russo e si rafforza, per quello che può valere, l’idea che il Paese sia costantemente minacciato dall’Occidente e dalla NATO.

READ  - I clienti sono vicini ad accettare la cambiale - E24

Allo stesso tempo, ciò presuppone che la Russia sia in costante conflitto con l’Occidente. Ma ancora una volta sta distruggendo la posizione internazionale della Russia e le prospettive economiche del Paese.

Dipende interamente dalle entrate petrolifere

  • Lo Stato russo dipende ancora completamente dalla sua capacità di esportare petrolio e gas.
  • Dal 2008, la Russia ha speso ingenti somme di denaro nell’industria della difesa. La potenza militare russa è aumentata in modo significativo. Ma gli investimenti nella tecnologia militare avanzata hanno prodotto pochi impatti economici indiretti sul settore civile, come avevano sperato Putin e i leader russi.
  • Il sistema di assistenza sociale russo è diventato sempre più privatizzato. Ogni cittadino deve ora assumersi maggiori responsabilità e le autorità devono risparmiare denaro. Ma queste riforme neoliberiste non sono molto popolari tra i russi.

Fonti: Buckfold 2017, International Finance Corporation, Mudnorth, Roswell

La Russia è un paese molto più grande della Norvegia, ma l’economia russa combinata è ora solo 3,5 volte più grande di quella norvegese.

Il PIL della Russia è inferiore all’economia combinata dei cinque paesi nordici.

È anche chiaramente più piccola dell’economia di un paese come l’Italia, e leggermente più grande di quella della Spagna. Il PIL della Cina è oggi quasi dieci volte quello della Russia.

Dieci anni di stagnazione

– L’ultimo decennio è stato un periodo di stagnazione economica in Russia, dice Ostbo.

Molti anni di bassi prezzi del petrolio hanno anche ridotto la distribuzione del denaro tra i gruppi d’élite. Crea costantemente sfide per il presidente Putin.

– Sebbene la disoccupazione sia sotto controllo, l’intero sistema è caratterizzato da una mancanza di riforme e innovazione.

Inoltre, le sanzioni occidentali arrivano dopo l’invasione dell’Ucraina, senza che esse siano le più importanti in relazione ai problemi economici della Russia.

Riduce il potere di Putin

Pertanto, Gardar Ostbo e i suoi colleghi ricercatori non vedono il presidente Vladimir Putin come il potente “zar” che domina il paese politicamente ed economicamente.

– Forse non è nemmeno l’astuto stratega spesso ritratto in Occidente.

Il professore ritiene che gran parte di ciò che sta accadendo in Russia dimostra la mancanza di controllo di Putin.

– Se si vuole che qualcosa cambi, la Russia deve attuare riforme economiche e politiche. Il problema è che tali riforme possono rapidamente minacciare l’equilibrio di potere tra le élite. Ciò, a sua volta, potrebbe minacciare la stabilità politica in Russia.

READ  Il salmone mostra la strada in un brodo piatto

Una donna tiene in mano il pasto gratuito ricevuto da un’organizzazione che aiuta i senzatetto russi nella città di Stavropol.

Fallimento dell’Unione economica eurasiatica

Il quadro economicamente desolante comprende anche il fatto che il grande progetto del presidente Putin, l’Unione economica eurasiatica (UEE) tra Russia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Armenia, è stato finora un fallimento.

L’accordo, entrato in vigore il 1° gennaio 2015, avrebbe dovuto creare un’integrazione economica e creare un mercato comune con la libera circolazione di beni, servizi, capitali e lavoro tra gli Stati membri e i 180 milioni di persone che vi vivono.

Il ricercatore Yevgeny Troitsky dell’Università statale di Tomsk in Russia sottolinea: In un blog dell’American Kennan Institute, considerando la crisi ucraina come ciò che ha distrutto l’Unione economica eurasiatica. Dopo che la Russia ha invaso un paese vicino, molti tentativi di ottenere una maggiore cooperazione economica tra i partner dell’ex Unione Sovietica non hanno avuto successo.

I piani sono stati sospesi

Quando i paesi dell’Unione economica eurasiatica non riescono a tenere i prodotti alimentari di altri paesi fuori dal proprio paese con l’aiuto di dogane e quote, vengono invece utilizzate norme igieniche innovative ed esami veterinari.

Il piano ora è quello di creare un mercato comune anche per petrolio, gas ed elettricità entro il 2025, ma c’è ancora molto da risolvere. Anche la liberalizzazione del settore finanziario è stata rinviata al 2025.

I paesi dell’Unione economica eurasiatica hanno fatto molta strada nella cooperazione nei settori della ricerca, del turismo e della libera circolazione della manodopera.

In ogni caso, Troitsky ritiene che la Russia dovrà usare sempre più bastoni invece che carote nelle sue relazioni economiche con i paesi vicini. Se la Russia non è in grado di risolvere le relazioni bloccate con l’Occidente dopo l’invasione dell’Ucraina, anche l’Unione economica eurasiatica è condannata alla stagnazione e alla stagnazione.

Come scrivono i ricercatori Ghulam Mustafa e Munawar Mahmoud in uno Uno studio del 2018 sul Journal of Eurasian StudiesL’Unione economica eurasiatica ha ottenuto ben poco. Questi ricercatori hanno anche indicato il fallimento della crescita economica in Russia e la mancanza di fiducia nei confronti dei russi da parte dei partecipanti più piccoli in seguito all’invasione dell’Ucraina come spiegazioni del fallimento.


I leader degli stati membri dell’Unione Eurasiatica (EEU) posano per un fotografo durante un incontro in Bielorussia nel 2020. L’obiettivo dell’Unione era ambizioso quando fu fondata nel 2015. Era quello di creare un mercato comune con la libera circolazione di beni e servizi , finanziaria e, dopo tutto, una moneta comune. Ma dopo l’occupazione russa della penisola di Crimea in Ucraina, i rapporti tra i partecipanti si sono raffreddati. Per molti piccoli paesi è ormai chiaro fino a che punto la Russia voglia controllare l’organizzazione.

Conferenza russa a Oslo

C’è ampio consenso tra gli economisti e gli scienziati politici che studiano la Russia sul fatto che bisogna fare qualcosa per l’economia del paese.

Ma le élite del paese non sono in grado di mettersi d’accordo né su cosa fare né su come farlo.

Anche su cose abbastanza semplici, come l’assegnazione delle frequenze radio per una nuova rete 5G, i potenti attori russi non riescono a mettersi d’accordo. Questo lavoro sta procedendo molto lentamente, dice Östbo, che indica un caso di studio separato su questo argomento presso RUSECOPOL.

Il 2 dicembre il progetto di ricerca organizza un convegno aperto a tutti al Litteraturhuset di Oslo.

fonti:

Sito web del progetto Roscopol.

Jardar Ostpo: “Lo Stato, l’impresa e l’economia politica della modernizzazione: un’introduzione”Affari post-sovietici, 2021.

Andrej Yakovlev: “La composizione dell’élite dominante, gli incentivi per l’uso produttivo degli affitti e le prospettive per un sistema di accesso limitato in Russia”.Affari post-sovietici, 2021.

Evgenij Troitskij: “L’Unione economica eurasiatica in cinque: grandi aspettative e tempi difficili”Articolo del blog del Wilson Center, 2020. Articolo.

Ghulam Mustafa e Munawar Mahmoud: «L’Unione Economica Eurasiatica: sviluppo, sfide e possibili direzioni future»Giornale di studi eurasiatici, 2018.

Ci piacerebbe sentire la tua opinione!

Chiama qui
Hai feedback, domande, elogi o critiche? O suggerimenti su qualcosa di cui dovremmo scrivere?

More articles

Latest article