Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Più di ogni altra cosa, il virus ci ha insegnato che la vita di altre persone influisce anche sulla nostra

  • Francesca Bure

    Giornalista italiano

La città di Bergamo, nel nord Italia, è stata colpita duramente e presto dall’epidemia. La foto mostra Viola di 2 anni sulla tomba dei nonni con suo padre e suo zio. L’alto tasso di mortalità è ormai appannaggio della Procura di Bergamo. Foto: Mart Christensen

Il virus sfrutta ogni indebolimento del nostro sistema immunitario e tutte le principali malattie del nostro paese.

Cronaca
Questa è la data. Le opinioni espresse nel testo sono a carico di chi scrive.

Qual è il Paese più colpito dal Corona virus in Europa? Forse non esiterai? Dirà la Gran Bretagna. Con 126.000 morti. Forse diresti il ​​Belgio. Invece no, è la Repubblica Ceca, con una quota pro capite di 210 morti. 100.000 abitanti, rispetto ai 188 del Regno Unito. Il Regno Unito è in realtà solo il quarto. Dopo il Belgio è il secondo posto, seguito dalla Slovenia.

Sto coprendo il caso COVID-19 paese dopo paese. Non sono stato a Praga, non ancora. Ma poiché non esiste un “transgender ceco”, nessuno si accorge di questo paese.

Più di ogni altra cosa, abbiamo imparato con questo virus che la vita di altre persone, anche la vita di un pangolino arrosto, influisce anche sulle nostre vite. Che tutto sia intrecciato, tutto ci riguarda, anche gli starnuti. Prima di questo viaggio, non capivo davvero quanto fosse vero.

È stato un viaggio attraverso noi stessi più che un viaggio attraverso la pandemia di Corona.

Francesca Bure è una giornalista italiana.

È diventato un caso per l’accusa

La prima volta che mi è stato chiesto perché – ovunque – avesse colpito l’Italia con il virus, ero a Nimbro, Bergamo. Questa è la città in cui ho iniziato e ho rilasciato un’intervista ad Al Jazeera.

Ho risposto che la vita media in Italia è alta e che il nostro stile di vita può essere ideale per la diffusione dei virus.

Stavamo insieme in gruppo, quindi ho detto: Rito quotidiano con una tazzina di caffè espresso al bar e un aperitivo nel tardo pomeriggio. Siamo molto legati alle nostre famiglie. Con i nonni che si prendono cura dei nipoti, baci e abbracci.

Era il 10 marzo 2020. Avevamo 631 morti. Due mesi dopo è stata posta la stessa domanda: ma perché l’Italia? Era ancora Al Jazeera, il bilancio delle vittime era ancora superiore a 600, ma ora tutti. giorno. Ha perso 1 numero di abitanti ogni 61.

Poi ho visto:

1) Perché l’ospedale locale è stato svuotato molto rapidamente e riaperto dopo i primi decessi.

2) Perché i pazienti con sintomi lievi sono stati trasferiti in case di cura per fornire letti per la terapia intensiva. Così si sono trasferiti con gli anziani.

3) Perché i medici generici non indossano maschere o altri dispositivi di protezione. Non sono state fornite linee guida a cui aderire, quindi non hanno potuto fare altro che raccomandare Tylenol.

Oggi questo Il caso è davanti all’accusa Sono Bergamo.

Questa famiglia bergamasca ha perso entrambi i nonni dal lato materno. Foto: Mart Christensen

È come la guerra

Perché questo virus attacca in modo non uniforme? È imprevedibile? Perché ha un impatto diverso non solo su ciascuno di noi, ma su ogni paese?

Un anno dopo, non sono riuscito a trovare una risposta. Ma so di aver visto raramente questo lavoro da solo.

Perché è come una guerra. È simile al tentativo di assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo. Tutto sta crollando. Incidente stradale a Gaza e rivolta.

Un virus è un fattore scatenante, non una causa.

Non spiega cosa segue, ma cosa è successo prima. Sfrutta ogni indebolimento del nostro sistema immunitario e tutte le principali malattie del nostro paese. Che spesso gioca un ruolo più importante rispetto alla durata media della vita elevata.

Il tasso di mortalità è il più alto tra le persone più povere

Questo è il motivo per cui il mio viaggio è iniziato in Inghilterra. Nello specifico, il nord dell’Inghilterra, l’Inghilterra che conosciamo dai film di Ken Loach. Lì, il tasso di mortalità è quattro volte maggiore tra le persone più povere.

Sono andato a Leeds, a Hyde Park, che è una normale zona residenziale in una città normale, perché è lì che Nick Davis ci dice sul Guardian: Cuore oscuro, Ed è il suo bestseller su Margaret Thatcher nel Regno Unito. Un paese in cui il 10 per cento della popolazione possiede il 53 per cento dei beni e tutti devono mantenersi da soli.

Nick Davies dice che tutte le case in mattoni assomigliano a qualsiasi altra parte, ma dietro le porte tutto è sull’orlo di una scogliera, e ogni libbra conta, e non ci vuole nulla prima che le persone cadano. Malattia, incidenti stradali e divorzio. Qualsiasi evento inaspettato. Ad esempio, un’epidemia.

Sono tornato per le stesse strade, ho seguito il libro pagina per pagina, e ora è tutto chiuso. Bar e negozi sono andati in bancarotta. C’è solo una mensa per i poveri. Ad Hyde Park, la chiusura è un lusso che nessuno può permettersi. C’è stata una volta, tutti. In un libro scritto 25 anni fa. Cos’è un lusso, se non un incontro inaspettato?

Leggi anche

In Inghilterra, si preparano per “Summer of Fun” e stand completi di calcio. D’altra parte in Europa.

Risposta lenta

Poi c’era il Belgio. Si dice che abbiano molti morti perché ospitano le istituzioni dell’Unione europea. Questo perché le persone a Bruxelles vengono da tutto il mondo, con il virus.

Ma pensaci: il Belgio è diviso tra Flemings e Wallen. Ha tre regioni, tre società diverse, quattro governi, sei parlamenti e persino un re. Ogni decisione Corona include nove ministri. L’indice R misura la velocità della lesione. Ma chi misura il contemporaneo rallentamento della risposta?

Leggi anche

Ora si tratta di prevenire un crollo completo

Inoltre, ora stiamo vivendo con un’overdose di notizie. Invece di aprire la finestra per vedere che tempo fa, i giornalisti intervistano alcuni che affermano che piove e altri affermano che non lo è.

È molto sconcertante, non solo con Trump o Bolsonaro. In Francia, i negazionisti populisti di destra Corona si confondono con quelli lontani dalla sinistra, e non ha senso dire che sì, hai visto con i tuoi occhi una persona morta di Covid-19, perché poi ottieni la risposta: E come puoi assicurarti che sia Covid-19? Hai fatto l’autopsia?

Come puoi sconfiggere un virus che non pensi sia reale?

I numeri non danno indizi, anche i numeri delle morti sono fuorvianti. Gli unici numeri che hanno un senso sono i dati sulle morti in eccesso, la differenza tra il numero di morti nel 2020 e nel 2019.

La definizione di morte dovuta a COVID-19 varia notevolmente. La Turchia conta solo i decessi ospedalieri e anche il Belgio ha ipotizzato decessi per Covid-19. La Svezia, ad esempio, conta anche coloro che sono risultati positivi al virus, ma non sono mai morti a causa del virus.

Quindi è necessaria la cura. I numeri reali sono inferiori del 40 per cento rispetto ai dati ufficiali.

I paesi più ricchi hanno accumulato scorte di vaccini

Quindi, se guardiamo indietro di un anno, le cose andranno meglio o peggio di prima? Qui, come al solito, israeliani e palestinesi possono puntare i riflettori su tutti noi.

Recentemente ho condiviso il mio tempo tra Corona e il mondo arabo. Lì il virus, da Tunisi a Beirut, è solo uno dei tanti problemi. Le restrizioni di blocco non vengono dopo un aumento delle infezioni, ma durante le manifestazioni.

Il 9 gennaio il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer. Foto: Miriam Elster / Paul tramite AP / NTB

All’inizio, quando il virus era qualcosa che nessuno poteva capire e c’era un mistero, israeliani e palestinesi si scambiavano informazioni, attrezzature e medici.

Poi sono arrivati ​​i vaccini. Netanyahu è andato per la sua strada.

È facile schiaffeggiare le dita degli israeliani che riempiono di nuovo le sbarre, mentre i palestinesi stanno ancora riempiendo le unità di terapia intensiva. Tranne che facciamo lo stesso.

Leggi anche

È così che Israele è diventato il campione del mondo nel vaccino

I paesi più ricchi immagazzinavano il 96% delle forniture di Pfizer e il 100% delle forniture di Moderna. Sono sufficienti dosi elevate per vaccinarci tutti, non solo una, ma tre volte.

Il mio viaggio più speciale è stato il mio ultimo volo prima che Corona colpisse. Quando l’Italia ha denunciato il suo primo caso, nel febbraio 2020, ero a Praga e l’incontro delle ONG a cui stavo per partecipare è stato annullato. C’era il rischio di infezione.

Anche se sono arrivato lì dall’Iraq. All’improvviso ho capito perché avevo ricevuto il servizio in camera d’albergo. Per due giorni mi è stato gentilmente chiesto di lasciare i caffè e prendere un taxi. All’aeroporto ho annusato quando sono arrivato. E così sono tornato in Italia in autobus.

Da allora, non c’è stato nessun paese che non abbia affrontato problemi. Che diavolo ci è successo? Quella notte dissi a un senzatetto nigeriano che dovevo stare nella neve in attesa di un treno per l’aeroporto di Heathrow. Nessun nastro mi lascerà entrare.

Lui ha risposto: “Come sempre”. Solo che sei bianco. E tu non lo sai. “

Tutti sono morti e nessuno è venuto

Un cimitero nella città italiana settentrionale di Nimbo, 13 maggio 2020. Foto: Flavio Lo Scalzo / Reuters / NTB

Nessuno mi ha chiesto in questi mesi: come stai? Esattamente come con crostini Per i pazienti, chiunque abbia dato la priorità al trattamento, ce n’è uno crostini Per le emozioni: ciò che accade a noi stessi è sempre più importante di ciò che accade agli altri.

Ora sono di nuovo a Nembro. Un anno fa il virus era presente solo qui e al resto d’Italia non importava.

Tutti sono morti, ma nessuno è venuto. Niente preti, niente parlamentari. Per paura di ferirsi o forse di essere esposto a critiche. Solo in Siria ho sofferto di questa solitudine.

Adesso è l’opposto. Grazie a una sorta di immunità di gregge, il virus è scomparso qui a Nembro, mentre stava dilagando nel resto d’Italia.

Qui è come vivere nel futuro. La vita è tornata alla normalità. Tuttavia, a nessuno importa cosa sta succedendo altrove.

La vita è come prima qui. In effetti, come prima.

Tradotto dall’inglese da George Hillum.

READ  Vaccini Pfizer e Moderna: - Due casi di coaguli di sangue in Norvegia