Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

polizia dell’hijab |  Sì all’hijab nella polizia norvegese

polizia dell’hijab | Sì all’hijab nella polizia norvegese

Pubblica discussione Esprime le opinioni dello scrittore.

L’ex presidente del consiglio comunale Raymond Johansen sostiene l’idea di consentire l’hijab nella polizia norvegese.

Gunnar Stavrum non è d’accordo ed esprime la sua opposizione in un commento su Nettavisen.

Leggi il caso qui:

Gunnar Stavrum: Niente turbante e hijab nella polizia norvegese: l’uniforme deve essere neutra

“La proposta ha certamente buone intenzioni, ma rappresenta uno schiaffo alle donne che sono fuggite in Norvegia per sfuggire al fondamentalismo islamico e che considerano l’hijab un abito opprimente”, dice Stavrum.

In questa discussione voglio concentrarmi sul copricapo rinvenuto nella polizia norvegese.

Non è un abbigliamento scorretto

Stavrum sostiene che l’hijab è un indumento opprimente, opinione a cui non è il solo.

Questo è stato uno dei primi commenti che ho ricevuto quando ho scelto di indossare l’hijab all’età di diciotto anni.

È importante sottolineare che l’hijab di per sé non è un indumento opprimente. Nel corso della storia, l’hijab è stato utilizzato per la resistenza e la liberazione.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debatt

Quindi mi chiedo a chi si riferisca Stavrum quando dice questo. Se si tratta delle donne iraniane ha ragione, molte di loro sono costrette a indossare l’hijab a causa del sistema patriarcale. Ma è anche importante ricordare che ci sono donne in Iran che scelgono di indossare l’hijab volontariamente.

Tutti i miei amici e conoscenti che indossano l’hijab lo hanno scelto di loro spontanea volontà.

Anche l’Islam ha regole chiare che vietano la coercizione quando si tratta di indossare l’hijab, ma questo principio si applica in tutti i contesti; La coercizione non è sempre accettabile.

READ  energia, calore | Molte persone spengono il riscaldamento: - nel peggiore dei casi, può essere dovuto a negligenza

Diventare un agente di polizia non è un’opzione

Non ho mai pensato di lavorare nella polizia perché non ho mai visto nessuno che mi somigliasse prestare servizio lì.

Ciò indica a me, come donna musulmana e portatrice di hijab, che non è accettabile per donne come me in base alla mia fede e alla mia scelta indossare l’hijab.

Non fai parte della società norvegese alla pari con tutti gli altri? Se è così, ciò dovrebbe riflettersi nella polizia.

Vorrei fingere di essere una donna ottimista, reale, atletica, con un osso nel naso, che sarebbe un ottimo agente di polizia. Tuttavia non ho la possibilità di presentare domanda di ammissione alla polizia.

In Norvegia abbiamo piena libertà religiosa, il che significa che ho il diritto di esprimere le mie convinzioni religiose. Perché non posso essere un rappresentante di polizia che dimostra che è possibile praticare liberamente la mia religione in Norvegia?

Leggi anche

Limiti temporali relativi all’hijab nella polizia: – Non è pertinente all’argomento

La fiducia può aumentare

Raymond afferma che “la lotta alla criminalità è una delle cose più importanti che fa la polizia”. Credo che ciò si ottenga stabilendo relazioni forti, costruendo fiducia e creando legittimità nella società.

Credo che la fiducia in una popolazione aumenti quando le persone al potere riflettono la diversità che esiste nella società. Questo principio vale anche al contrario.

Un agente di polizia che proviene da una minoranza può sentirsi accettato e a suo agio nell’incontrare giovani e adulti appartenenti alla stessa minoranza. Ciò consente un dialogo più semplice nella lingua madre e offre spazio per parlare, ad esempio, di esperienze condivise fin dall’infanzia, al fine di rafforzare il rapporto con la polizia.

READ  Corona virus, ricerca | L'infezione può essere ridotta del 90 percento dopo 20 minuti nell'aria

Pertanto, credo che indossare l’hijab non ti renda più pericoloso né meno affidabile.

Partecipa alla discussione

Hai un’opinione su questo argomento o qualcos’altro? Invia un post di discussione qui.

Tutte le voci vengono lette e valutate. Il tempo di risposta previsto è di 1-2 giorni.

Ricordati di allegare un’immagine del profilo con crediti fotografici, nome, titolo professionale e collegamenti alle ricerche e agli articoli a cui fai riferimento.

Cordiali saluti, Team editoriale del dibattito Nettavisen.

Muoversi in una direzione positiva

Quest’estate sono state apportate modifiche per consentire l’uso di uniformi della polizia che corrispondano all’identità di un individuo, indipendentemente dal sesso. La polizia ha giustificato ciò affermando che era in linea con la legislazione sullo sviluppo sociale e sulla discriminazione.

La polizia si sta muovendo in una direzione positiva. È tempo di includere più persone con background diversi.

La polizia ha dichiarato il proprio obiettivo di creare un ambiente di lavoro aperto, sicuro e inclusivo per tutti i dipendenti, il che significa accettare l’identità individuale.

Leggi anche

Per quelli di voi che non hanno mai contribuito: sono arrabbiato

La domanda che sorge è se questa accettazione persista quando agli individui viene negato il diritto di indossare copricapi o simboli religiosi, che fanno parte della loro identità.

“La Norvegia non ha problemi a reclutare agenti di polizia”, sottolinea Stavrum. Tuttavia, vi è una carenza di candidati provenienti da contesti culturali diversi e i cadetti di polizia provenienti da minoranze abbandonano gli studi più spesso rispetto ad altri cadetti di polizia.

Secondo Kamzi Gunaratnam (AFP), ciò è strettamente legato alle molestie e alla discriminazione che devono affrontare nel campo dell’istruzione, sottolineando l’importanza di reclutare forze di polizia diversificate.

READ  20 dei migliori hotel della Norvegia

Quindi impari dalle persone che appartengono a minoranze, non solo da loro.

Dovrebbe esserci spazio per tutti

Non raggiungiamo la diversità delle forze di polizia escludendo gruppi della società, indipendentemente dalla loro religione, orientamento, colore della pelle e origine etnica.

Condivido pienamente il punto di vista di Stavrum secondo cui dovremmo sostenere i valori delle democrazie liberali e occidentali, dove il diritto dell’individuo a praticare la propria religione è tutelato tanto quanto il diritto a non credere.

Non dovrebbe importare se scelgo di indossarlo con la mia uniforme della polizia, così come non dovrebbe importare a qualcuno che sceglie di non farlo.

Non importa come scegliamo di esprimerci, rappresentiamo la polizia da pari a pari.

Nell’ambito di una democrazia liberale, credo che ci dovrebbe essere spazio per tutti. Le persone, soprattutto quelle al potere, dovrebbero dimostrare questa inclusività a livello nazionale e internazionale, nello stesso modo in cui è consentito nelle forze armate.

Nell’uniforme militare, l’hijab non è né più né meno visibile che nell’uniforme della polizia. Allora perché l’hijab è consentito nell’esercito e non nella polizia?

Penso che sia tempo di adattarsi al 2023 e modificare i regolamenti uniformi, per dimostrare che abbiamo una forza di polizia norvegese diversificata e inclusiva.