Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sono rimasto scosso dalle immagini

Sono rimasto scosso dalle immagini

annuncio

Questa primavera, la supercoppia Mikaela Shiffrin e Aleksander Aamodt Kjelde erano tra i 142 atleti che chiedevano un’azione immediata per il clima da parte della Federazione Internazionale di Sci (FIS).

Tra le proposte c’era quella di posticipare l’inizio della stagione a fine novembre.

Ribellione contro il Fronte Islamico di Salvezza

Ribellione contro il Fronte Islamico di Salvezza


Inizialmente non sono stati ascoltati e, in vista dell’apertura della Coppa del Mondo FIFA questo fine settimana a Sölden, il dibattito ambientale si sta riscaldando di nuovo.

Greenpeace attacca l’organizzatore e sostiene che stanno distruggendo il ghiacciaio Rettenbach a Sölden per cancellare la corsa.

La distruzione del ghiacciaio Rettenbach è catastrofica. Qui lo sci va a scapito della preservazione della natura. I ghiacciai non possono essere vittime di progetti prestigiosi, afferma Ursula Bittner di Greenpeace in uno di questi progetti. comunicato stampa.

Nel comunicato Greenpeace sostiene inoltre che l’organizzatore ha lavorato al di fuori delle zone per le quali aveva il permesso e che da aprile stanno demolendo il ghiacciaio per preparare le piste della Coppa del Mondo.

Immagini utilizzate da Greenpeace comunicato stampa È stata scattata il 12 settembre di quest’anno, ma mostra il lavoro svolto per preparare le piste della Coppa del Mondo per le gare di questo fine settimana.

Lavoro: Così sembrava allora.  Foto: Mitya Koppal/Greenpeace

Lavoro: Così sembrava allora. Foto: Mitya Koppal/Greenpeace
Mostra di più

Il Dagbladet ha cercato di ottenere un commento dal Fronte islamico di salvezza, senza alcun risultato.

Il direttore di Sölden Jacob Falkner definisce le accuse di Greenpeace “maliziose”:

E aggiunge: – Ciò che sta accadendo è normale e tutto il lavoro che facciamo è stato approvato tirolo.orf.

Prepararsi alla stagione: ecco come si presentava a Sölden il 19 ottobre di quest'anno.  Immagine: NTP

Prepararsi alla stagione: ecco come si presentava a Sölden il 19 ottobre di quest’anno. Immagine: NTP
Mostra di più

Le foto prima dell’inizio della stagione hanno provocato la reazione di molte star. Dagbladet ha partecipato a una conferenza stampa digitale con Shiffrin giovedì pomeriggio:

– Qui non c’era molta neve, ha ammesso la star americana.

Del messaggio ha parlato anche durante una riunione atomica qualche settimana fa. Lì ha ribadito la volontà di posticipare l’inizio della stagione:

-È il momento giusto per iniziare la stagione? appena. Il calendario deve essere cambiato.

Richiede azione: Mikaela Shiffrin.  Immagine: NTP

Richiede azione: Mikaela Shiffrin. Immagine: NTP
Mostra di più

Le immagini e il lavoro svolto dividono chiaramente l’ambiente:

– Penso che la questione sia molto unilaterale e sono state poste pochissime domande sulle critiche. Grazie al lavoro svolto quest’estate nei prossimi anni sarà necessaria meno neve, spiega l’austriaco Manuel Wieler a Salisburgo-Nachrichten.

Dall’altro lato della scala abbiamo l’ex alpinista Felix Neureuther, che fa calcoli spietati:

– Questo è un disastro per la credibilità dello sport. Sono immagini molto inquietanti e non saranno all’altezza del 2023, dice allo stesso giornale.

- Paura di sabotaggio

– Paura di sabotaggio


La stella dello sci svedese Sarah Hector ha assistito in prima persona al cambiamento della neve nel corso della sua carriera.

– È una domanda complicata, ma sono felice che tu l’abbia sollevata. La FIS è già cambiata molto, e questo è qualcosa su cui mi aspetto che faranno di più quando verrà messo a fuoco, dice Esprimere.

Aggiunge:

– Oh mio Dio, c’è una grande differenza da quando ho iniziato a gareggiare nel 2009 fino ad oggi. I ghiacciai oggi appaiono molto diversi rispetto ad allora. Ogni volta che torni sei completamente frustrato e pensi solo “cazzo”.

READ  Star Dinner: - Serata di festa al castello