Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Porta fuori mia madre e metti fine alla guerra!  – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

– Porta fuori mia madre e metti fine alla guerra! – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

“Qui portano mia madre”, racconta Nita, mostrandoci un breve video sul suo cellulare.

Il video è stato catturato dalle telecamere indossate dai combattenti di Hamas quando hanno attaccato le comunità al confine di Gaza lo scorso fine settimana.

Nella clip vediamo un combattente di Hamas che accompagna una donna anziana con i capelli bianchi verso un’auto in attesa. Poi partirono con lei.

Bisnonna: la madre di Nita ha nipoti e pronipoti. La figlia dice che le vuole molto bene.

Foto: Havard Greger Hagen

Cosa hai pensato quando hai realizzato che tua madre era stata presa in ostaggio?

– È stato shock e sollievo allo stesso tempo. “È stato bello vedere che era illesa e almeno viva”, dice Nita.

Hamas ha risposto al telefono

Incontriamo una madre di tre bambini ad Haifa, nel nord di Israele. Racconta della sua paura quando ha sentito la notizia di centinaia di combattenti di Hamas pesantemente armati che facevano irruzione in Israele da Gaza.

Direttamente al kibbutz dove è cresciuta e dove viveva sua madre.

-Abbiamo chiamato subito mia madre. Ho detto: “Mamma, sei stata nella stanza delle bombe?” Lei rispose: “Sì”.

Ma l’84enne non è ancora al sicuro. La vecchia signora è stata presa da Hamas.

La volta successiva che mia sorella chiamò mia madre, fu un combattente di Hamas a rispondere al telefono, dice Nita, con l’orrore negli occhi.

Nita è in giardino.

Drammatico: la mattina dell’attacco di Hamas è stata molto drammatica per Nita e la sua famiglia. Un combattente di Hamas ha risposto al telefono della madre quando l’hanno chiamata.

Foto: Havard Greger Hagen

Successivamente non ha ricevuto alcun segno di vita da sua madre. Il video catturato dalla telecamera dei combattenti di Hamas è l’unico filmato di cui dispongono.

Nita ora spera che sua madre e diversi ostaggi israeliani vengano rilasciati il ​​prima possibile. Ma non è così facile.

Brutto momento e finestra piccola

– Per Hamas questi ostaggi valgono oro. Gershon Baskin dice che non li rilasceranno senza ulteriori indugi.

È conosciuto in Israele come il negoziatore di ostaggi che ha rilasciato Gilad Shalit, l’ultimo soldato israeliano tenuto da Hamas a Gaza.

Shalit è stato rilasciato nel 2011, dopo cinque anni e quattro mesi di intense trattative.

Shalit e Netanyahu

Gratuito: Hamas ha rilasciato Gilad Shalit in cambio del rilascio di oltre 1.000 prigionieri palestinesi. Ecco Shalit e il primo ministro Benjamin Netanyahu.

Foto: GPO/AFP

Hamas ha poi rilasciato 1.027 prigionieri palestinesi dalle carceri israeliane in cambio di un soldato.

-Non abbiamo molto tempo questa volta. Abbiamo una piccola finestra temporale per far uscire le donne, gli anziani e i bambini prima che Israele lanci un’invasione di terra, dice Baskin.

– Quando ciò accadrà, sarà impossibile liberare gli ostaggi.

– L’invasione arriverà

Secondo l’esercito israeliano nella Striscia di Gaza sono detenuti almeno 203 ostaggi.

Ieri Hamas ha dichiarato di essere pronto a rilasciare un certo numero di ostaggi civili, donne e bambini, in cambio della sospensione da parte di Israele dei bombardamenti su Gaza.

Gershon Baskin pensa che questo sia un gioco per la galleria.

– Questa è guerra psicologica. Non significa niente. Il negoziatore degli ostaggi dice che Hamas non rilascerà gli israeliani senza rimuovere i palestinesi dalle prigioni.

Gershon Baskin

Signore degli ostaggi: Gershon Baskin ha avuto un ruolo centrale negli sforzi volti a garantire il rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit, detenuto a Gaza da più di cinque anni.

Foto: Havard Greger Hagen

Israele ha dichiarato che Hamas deve essere schiacciato a tutti i costi. Ma secondo Baskin, Hamas e Israele stanno portando avanti colloqui attraverso i paesi vicini.

– So che il Qatar, che ha una buona cooperazione sia con Israele che con Hamas, è fortemente coinvolto nei negoziati sugli ostaggi. C’è anche la Turchia, insieme agli Stati Uniti.

Lo scambio di prigionieri impedirà un’invasione di terra israeliana di Gaza?

– NO. Il massimo che possiamo sperare è una tregua di 24-48 ore che consenta uno scambio di prigionieri. Ma l’invasione arriverà, dice Baskin.

Non fidatevi di Netanyahu

Nita si trova ad Haifa e teme che possa scoppiare una grande guerra nella Striscia di Gaza.

Più di 1.400 persone sono state uccise nel brutale attacco terroristico compiuto da Hamas il 7 ottobre.

Da allora, secondo i funzionari sanitari palestinesi, almeno 3.478 persone sono state uccise negli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza.

Nita vuole vendicarsi di Hamas, ma non di tutti coloro che vivono a Gaza.

– Non penso che questo sia umano, non è giusto, come dici tu.

– Abbiamo combattuto più volte la guerra a Gaza. Hamas ci lancia razzi e noi bombardiamo Gaza, ma questo non risolve nulla.

Nita su un treno dimostrativo

Contro il governo: Nita è una dei tanti israeliani che hanno manifestato contro il governo negli ultimi mesi. Non si fida del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Foto: privata

Nita appartiene alla sinistra nella politica israeliana. Per mesi è rimasta sulle barricate contro il governo di estrema destra del paese e le sue controverse riforme legali.

– Non mi fido di Benjamin Netanyahu e del suo governo. È interessato solo alla sua posizione.

Spera che i politici rinsaviscano e cerchino di risolvere il sanguinoso conflitto attraverso negoziati politici, non con la guerra.

L’appello di Nita ad entrambe le parti è molto chiaro e netto:

– Porta fuori mia madre, poni fine alla guerra e avvia le trattative! Lasciamo che i palestinesi prendano parte della terra, manteniamone una parte e viviamo in pace.


READ  Esistono documenti che riportano i nomi di persone associate a Jeffrey Epstein