Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

prezzi delle case | Esperto: non dovresti mai farlo quando vendi una casa

KVADRATUREN (Nettavisen): prezzi delle case in Norvegia bruscamente a novembreÈ probabile che i prezzi scendano ulteriormente nei prossimi mesi. Statistics Norway prevede un calo dei prezzi di oltre l’8% dal terzo trimestre del 2022 al terzo trimestre del 2023.

Allo stesso tempo, le banche hanno annunciato che avrebbero represso il finanziamento ponte, che è il finanziamento temporaneo che gli acquirenti di case devono avere dal momento in cui acquistano una nuova casa fino a quando vendono quella vecchia.

Ma ora sempre più persone vendono le loro vecchie case prima di acquistarle. Lo fanno per ottenere prestiti dalle banche e questo può far scendere ulteriormente i prezzi delle case. Meyer è chiaramente scettico su questa pratica.

– Lo sfondo è che ho visto molti esempi che se prima vendi e poi acquisti, spesso non riesci a trovare la cosa che sogni. Quindi devi comprare qualcosa in mezzo alla strada, e lo è Così In seguito ha detto a Netavisen che molti di coloro che l’hanno acquistato se ne sono pentiti in seguito Presentazione mensile di Eiendom Norge.


Affitto caro

Meyer avverte anche che molte persone hanno comprato qualcosa che, in senso stretto, non volevano davvero. Il problema è che non hanno trovato nient’altro.

– Poi finiscono il tempo e devono assumere. Spesso le famiglie con bambini sono costrette ad affittare in zone dove bisogna guidare molto per andare a scuola e simili. Ci sono molti svantaggi nel vendere prima.

– Ma se il mercato si ferma e non riesci a vendere, ottieni costosi finanziamenti temporanei?

Ci sono piani assicurativi qui e tendono sempre ad arrivare in un mercato ribassista. Quindi potresti aver acquistato un’assicurazione che coprirebbe i tuoi costi di interesse se non ti fosse stato permesso di vendere, dice Meyer.

READ  Le tempeste sulle borse internazionali hanno oscurato la Borsa di Oslo, che è scesa del 2%

Il venditore paga

Soderbergh e soci Offre quella che viene chiamata doppia assicurazione sulla casa. L’assicurazione copre i costi di alloggio effettivi aggiuntivi fino a 15.000 NOK al mese per un massimo di nove mesi, se l’acquirente non può vendere la sua vecchia casa prima che la nuova casa venga presa in consegna.

L’assicurazione comprende gli interessi netti ei costi effettivi aggiuntivi per l’alloggio per le abitazioni invendute (costi di gruppo, assicurazione dell’alloggio, riscaldamento/elettricità e tasse comunali).

È valido per dodici mesi dopo l’acquisizione e, secondo Søderberg & Partners, costa 6.500 NOK, indipendentemente dall’importo del prestito. La particolarità dell’assicurazione è che viene acquistata e pagata dal venditore, ma è l’acquirente che riceverà il pagamento dall’assicurazione.

In ogni caso, Meyer è chiaro che non avrebbe corso il rischio di non avere un posto dove vivere in tre mesi.

– Ho visto molte volte persone dire “lo prendiamo qui, forse è una buona idea”, e poi pentirsene. Non ti senti a tuo agio dove sei, o semplicemente non era il posto giusto in base a quello che stavi cercando

Gli acquirenti di case si assumono quindi il rischio di acquistare e vendere di nuovo. Molti venditori rischiano di affittare a lungo, che a Oslo ora costa tra le 15.000 e le 18.000 NOK al mese.

Forte calo dei prezzi delle case: Eyvind ha acquistato 30 case in quattro giorni

Eccezione: disastro

Il primo consiglio di acquisto si applica indipendentemente dal fatto che il mercato stia salendo o scendendo?

– Sì, a meno che non ci sia un completo disastro del mercato o ti trovi in ​​una situazione molto particolare. In caso contrario, comprerei sempre prima. Anche durante la crisi finanziaria del 2008 e del 2009, lo abbiamo visto.

Non c’è differenza significativa se ci sono boom o crolli. Il fatto che le banche stiano ora ponendo un po’ di enfasi sul finanziamento tramite intermediari è molto deplorevole.

READ  - L'impossibilità della concorrenza - E24

Meyer ritiene che il calo dei prezzi delle case questo autunno sia normale dopo la ripresa che abbiamo visto durante la pandemia e più recentemente. Il periodo dalla primavera 2020 all’inizio del 2022 è stato caratterizzato da un tasso di interesse eccezionalmente basso.

Il tasso di interesse sta salendo, ma ancora al livello perfettamente normale e accettabile che avevamo in passato. può essere azionato. Ma c’è così tanta incertezza in cima che ti rende un po’ diffidente, dice.

Molto ottimista

In un mercato ribassista come quello attuale, si tratta solo di valutare correttamente le case. Molti venditori di case potrebbero avere aspettative di prezzo molto elevate basate sui prezzi raggiunti pochi mesi fa.

– I nostri broker affermano che durante i precedenti periodi di boom hai una fascia di prezzo in cui rimanere. Quindi hanno spesso un prezzo un po ‘vicino alla parte superiore della fascia di prezzo. Ora dicono che vale la pena accontentarsi di un po’ meno di quello che puoi accettare. Quindi ottieni più parti interessate.

Siamo ancora all’inizio della recessione nel mercato immobiliare, ha scritto lunedì Handelsbanken nel rapporto mattutino. La ragione principale alla base di ciò è l’aumento dei tassi di interesse, l’aumento dei tassi di interesse che non ha avuto il suo pieno impatto sul mercato. Meyer non è diverso.

– Penso che vedremo un ulteriore calo nel primo trimestre del prossimo anno. È probabile che assisteremo a un ulteriore calo del 6-8% dopo i dati di novembre.


Poi il mercato si ferma

Sei generalmente preoccupato per gli sviluppi nel mercato immobiliare?

– Sì, e quello di cui ho paura è la finanza. La cosa più pericolosa e importante per noi è che le banche smettano di finanziare tramite intermediari. Poi il mercato immobiliare va in stallo, avverte ancora Meyer.

READ  L'agente risponde

Quello che stanno attraversando, dice, non è necessariamente che le persone non possono permettersi l’aumento dei tassi di interesse. I tassi di interesse rimangono a un livello abbastanza accettabile, ma l’incertezza è maggiore del solito. Pertanto, molti scelgono di sedersi sul recinto.

disciplina del prestito Sono uscito per un consulto questo autunno. Come al solito, l’autorità di vigilanza finanziaria norvegese vuole adottare misure di austeritàLoro, per così dire, sono soli.

– Penso che almeno il governo non stia inasprendo. E poi penso che la Banca di Norvegia dovrà guardare al tasso di interesse se il mercato immobiliare continua a scendere. Meyer ha detto prima che dovrebbero anche guardare alla stabilità finanziaria Le modifiche sono diventate note il 9 dicembre.

Secondo la normativa, le banche dovevano tenere conto di un aumento del tasso di interesse di almeno 5 punti percentuali nel valutare la servibilità del cliente. Questo requisito è ora in fase di modifica in modo che dal 1° gennaio 2023 le banche debbano sopportare un aumento del tasso di interesse di almeno 3 punti percentuali. In ogni caso, le banche devono utilizzare un tasso di interesse di almeno il 7% come base per valutare la funzionalità.

Dal 2017 sono in vigore requisiti di rapporto prestito/valore più severi per i prestiti con ipoteca su una casa secondaria a Oslo. Questo requisito sarà rimosso dal 1° gennaio 2023. A questi prestiti si applicherà anche il requisito generale di un rapporto prestito/valore massimo dell’85%.