Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Quando Alexandra compra una casa, scopre improvvisamente qualcosa in cui può vivere

Dopo aver vissuto a lungo in un appartamento in affitto, Alexandra Kolchika, 38 anni, e il suo compagno hanno acquistato la loro casa a Trondheim nel 2014. Quando sono usciti dall’appartamento ammobiliato che avevano affittato, hanno scoperto che praticamente non avevano tutti i mobili per riempire la loro nuova casa.

– Eravamo al verde, quindi abbiamo preso in prestito un’auto e una roulotte e abbiamo comprato dei mobili da Fretex. Un sacco di brutti mobili che pensavo di poter dipingere e rimodellare, dice Kulczycka.

La 38enne si è poi trasferita in Norvegia dalla Polonia nel 2009, poi ha riempito la casa di mobili che le hanno dato nuova vita dopo che altri l’hanno abbandonata. Ma quando ogni stanza è stata decorata e pronta per questo, il 38enne si è reso conto che era diventato un hobby caro dare all’altra stanza quello che sembra un vecchio rottame “un restyling”.

– Sono stato catturato e ho pubblicato alcune foto prima e dopo su Facebook. Alla fine i miei amici hanno detto che avrei dovuto creare il mio sito web per esporre i mobili, e l’ho fatto.

Nasce così la pagina “Alexandra Furniture”.

Leggi i suggerimenti di Innovation Norway per coloro che sognano di creare il proprio posto di lavoro nell’articolo.

Pino: Secondo Alexandra Kolchika, gli armadi in legno di pino sono mobili che possono diventare un oggetto di quasi tutti gli stili. Ecco una foto prima e dopo del guardaroba che ha installato. Foto: privato

Richieste ricevute da altri

Allo stesso tempo lavorava come insegnante di danza a Trondheim, nel 2015 Kulczycka ha iniziato a vendere mobili che aveva riparato e ristrutturato.

Creativo: Alexandra dice che le è sempre piaciuto fare cose, ma solo pochi anni fa ha iniziato a guadagnarci.  Foto: privato

Creativo: Alexandra dice che le è sempre piaciuto fare cose, ma solo pochi anni fa ha iniziato a guadagnarci. Foto: privato

Probabilmente facevo una cosa a settimana, per hobby. Poi l’ho venduto. Ma nel 2016 ho lasciato il mio lavoro e ho iniziato a lavorare a tempo pieno con Alexandra’s Furniture.

Così, la sala da ballo è stata sostituita da una piccola stanza piena di tessuti, pittura e altre cose che il 38enne usa per rendere unici i mobili. Più tardi, Kulczycka si è trasferita in una casa più grande dove ha il suo laboratorio.

Le cose che aggiusti si trovano di solito sotto “Give Away” su Finn.no. Ciò significa che spesso deve guidare e raccogliere mobili. Qui si dice che il convivente contribuisce notevolmente all’assistenza alla guida e al trasporto.

Quando TV 2 all’inizio di quest’anno ha chiesto agli esperti quali sarebbero stati i parametri climatici più importanti per i prossimi quattro anni, una risposta è stata quella di passare a un’economia più circolare. Ciò significa che i consumatori devono acquistare meno cose nuove, procurarsele il più a lungo possibile e che alla fine i materiali devono essere riutilizzati.

Lo stesso Kulczycka si diverte a vedere la spazzatura degli altri e lei ha la possibilità di vivere con qualcuno che li vuole davvero e li apprezza.

Mi piace guardare i mobili che colleziono come custodie senza speranza che cercano di dare loro una nuova vita. Non mi piace cambiare le cose carine, quindi aggiusto cose che non valgono nulla, dice.

Tra l’altro, si riferisce alle cassettiere in legno di pino come mobili che possono diventare “quasi qualsiasi cosa”. A parte questo, di solito cerchi di attenerti allo stile dei mobili in primo luogo.

Ecco alcuni esempi di cose risolte da

Ecco alcuni esempi di cose risolte da Alexandra Furniture. Tutte le foto: private

Ecco alcuni esempi di cose risolte da

Ecco alcuni esempi di cose risolte da Alexandra Furniture. Tutte le foto: private

Ecco alcuni esempi di cose risolte da

Ecco alcuni esempi di cose risolte da Alexandra Furniture. Tutte le foto: private

Ecco alcuni esempi di cose risolte da

Ecco alcuni esempi di cose risolte da Alexandra Furniture. Tutte le foto: private

5-15 ore per mobile

Dopo che sempre più persone hanno aperto gli occhi sul suo lavoro, la 38enne ha anche iniziato a ricevere ordini dai clienti che avevano mobili che volevano riparare e rimodellare.

– Ora circa 50/50. In alcuni mesi lavoro solo con gli ordini dei clienti, mentre in altri mesi lavoro di meno.

– Puoi guadagnarti da vivere riparando e vendendo mobili solo in Finlandia?

Un buon aiutante: Alexandra riceve molto aiuto per trasportare e guidare il suo residente Steinar Haram.  Foto: privato

Un buon aiutante: Alexandra riceve molto aiuto per trasportare e guidare il suo residente Steinar Haram. Foto: privato

– Sì. Non è un’enorme quantità di denaro, ma per me ha funzionato. Lavoro quanto voglio e non ho bisogno della stessa quantità di denaro, ma in qualche modo mi controllo su quanto voglio guadagnare. Quello che guadagno varia di mese in mese.

Quanto guadagni da ogni mobile dipende dalle dimensioni e da molti altri fattori, ma Kulczycka dice che la maggior parte di ciò che vende a Finn costa tra le 3.500 e le 5.000 corone.

La cosa che impiega molto tempo è che la vernice si asciughi. Ma senza contare quel tempo, trascorro dalle cinque alle quindici ore su un mobile.

È facile vendere mobili?

A volte scompare nel giro di poche ore, altre volte possono volerci mesi. Ma tutto si vende alla fine.

In un anno avevo riparato tra i 200 ei 250 pezzi. In totale, ha dato nuova vita a più di 1.000 oggetti.

– All’inizio ne ho riparati diversi, forse lo sono diventato un po ‘più tardi. Ma ora lavoro con mobili più grandi di prima e richiedono più tempo. All’inizio lavoravo principalmente con le piccole cose.

Preferito: questo rifacimento della cucina è il progetto preferito di Kulczycka.  Foto: privato

Preferito: questo rifacimento della cucina è il progetto preferito di Kulczycka. Foto: privato

Controllato se era “economicamente ragionevole”

Quando le è stato chiesto di quale “trucco” fosse più felice, Kulczycka ha fatto riferimento alla stoica cucina di sua nonna.

– Io e il mio collega ci abbiamo lavorato ed è stata molto contenta. Ha fatto una grande differenza ed è stato molto bello lavorare con lei. Quindi penso che sia il mio progetto preferito.

Il 38enne descrive il lavoro quotidiano come lavoratore autonomo come uno stile di vita confortevole.

Consigli per chi sogna di mettersi in proprio

Ecco quattro suggerimenti di Innovation Norway per tutti coloro che sognano di creare il proprio posto di lavoro:

  • Metti alla prova la tua idea e convalidala. Se sogni di aprire un ristorante, parla con gli altri che gestiscono il ristorante. Possono fornirti informazioni importanti su fornitori, condizioni di mercato e altre cose di cui vale la pena essere a conoscenza. Verifica anche con altri, come la tua banca, come sta andando il settore in questo modo.
  • Sii attivo nell’apprendimento. Scopri l’imprenditorialità, il marketing, il networking e la costruzione di relazioni. Ci sono molte cose che puoi esternalizzare ad altri, ma il marketing, il networking e la costruzione di relazioni con i clienti sono un enorme vantaggio per ottenere informazioni su te stesso. Vediamo che molte start-up lottano perché sono più interessate al prodotto e sottovalutano l’importanza delle vendite.
  • Inizia mentre hai ancora un altro lavoro. Se hai la sicurezza di rimanere in un altro lavoro, puoi trattare la startup come un viaggio di apprendimento. Anche se la startup non ha successo, hai comunque importanti competenze che puoi sfruttare nella tua carriera successiva.
  • Non aver paura del cambiamento. Le buone aziende cambiano nel tempo. Devi essere pronto a cambiare in base ai clienti. La tua attività deve cambiare costantemente se vuole avere successo nel tempo.

– È meraviglioso. Ho lavorato molto con le persone come insegnante di danza, e andava bene. Ma ci è voluta anche molta energia, ma ora non devi vestirti bene o truccarti. Vado in giro nei miei pantaloni della tuta con la vernice, e penso che sia super carino.

Kulczycka afferma di aver avviato la propria attività diverse volte e ogni volta ha mantenuto il suo vecchio lavoro mentre avviava un’attività in proprio.

– È così che sono stato in grado di assicurarmi che avesse un senso finanziario prima di approfondirlo completamente. mi avvantaggia.

È sempre più facile iniziare da se stessi

Ogni giorno, Innovation Norway aiuta le aziende norvegesi a riportare in vita la vita. Il direttore del marketing e della crescita Annette Melby afferma che ci sono molte più persone che iniziano da sole oggi rispetto a dieci anni fa.

La spiegazione è, tra le altre cose, che sta diventando più comune e più facile iniziare da soli. Ciò non significa che avviare un’azienda di successo nel tempo sia facile. Secondo i dati di Statistics Norway, solo il 27% delle start-up sopravvive dopo cinque anni. Melby dice a TV2 che solo perché sono sopravvissuti non significa necessariamente che ci siano riusciti.

– Se sogni di vivere del tuo hobby, quali opportunità devi cercare per valutare se è possibile?

È importante valutare e verificare se il problema che stai cercando di risolvere è abbastanza significativo da essere disposto a pagare per questo. Allo stesso tempo, è intelligente studiare come altri attori del mercato stanno risolvendo il problema.

Dovresti anche decidere quanto è importante risolvere il problema. È “bello avere” o “dovrebbe essere”? Infine, è tutta una questione di motivazione. Quanto sei motivato come fondatore a risolvere il problema? Avviare un’azienda è una corsa impegnativa che richiede perseveranza attraverso diverse fasi.

C’è l’opportunità di fare domanda a Innovation Norway per una borsa di studio per il chiarimento del mercato per coloro che sono in dubbio sul fatto che la loro idea sia abbastanza buona.

La sovvenzione verrà utilizzata per verificare se esiste un mercato disponibile per la tua soluzione. Tuttavia, sono stati fissati una serie di requisiti per qualificarsi per il sistema. Una è che la soluzione per la quale si cerca sostegno deve rappresentare qualcosa di sostanzialmente nuovo per il mercato, l’altra è che il progetto deve avere un potenziale significativo di creazione di valore e di crescita. Quindi non puoi richiedere una sovvenzione per aprire un parrucchiere o simili.

Ecco i punti di Innovation Norway sulle cose a cui pensare prima di iniziare da solo:

  1. Fai una ricerca completa. Ottieni informazioni sul mercato e una panoramica degli attori che operano sul mercato oggi e in futuro.
  2. Definire il pubblico di destinazione. Sapere a chi ti rivolgi. Un gruppo target chiaramente definito facilita l’acquisizione di nuovi clienti e il mantenimento di quelli esistenti.
  3. Stabilisci obiettivi chiari, pensa in grande e prepara in anticipo l’azienda per il tuo livello di ambizione
  4. Pensa a cosa fai come azienda. Tieni traccia delle entrate e delle spese. Tieni i tuoi soldi separati dalle finanze dell’azienda.
  5. Ottieni una panoramica del finanziamento. Fai un piano su come vuoi finanziare il costo di avviamento, che sia con i tuoi soldi, il sostegno di amici e familiari, un prestito bancario o simili.
  6. Fai un piano d’azione. Poniti domande come “Cosa rende speciale l’azienda?” , “Cosa rende speciali i prodotti?” , “Chi è il cliente?” , “Cosa rende speciale il mercato?” eccetera. Più lavori sul piano d’azione, più sarai sicuro di implementarlo.
  7. Comprendi i rischi. Avviare un’impresa comporta sempre una certa quantità di rischio, sii onesto con te stesso e i tuoi partner commerciali su questi rischi. Questo può anche aiutarti ad agire in modo proattivo per ridurre il rischio.
  8. Impara dagli altri. Ottieni mentori che hanno avuto successo e da cui puoi imparare.
READ  Express, parcheggio multa | Non è possibile stimare le multe per il parcheggio